CICLISMO E SPORT VARI .....................................................

............SEGNALACI LE TUE GARE : ciclismo_spv@hotmail.com

CICLISMO
PROSSIME GARE
da Nov. 2020 a Gen. 2021
da Febbraio a Maggio 2021
da Giugno a Ottobre 2021

- VALERIO CONTI -
- FAN CLUB -
RISULTATI
da Nov. 2020 a Gen. 2021
da Febbraio a Maggio 2021
da Giugno a Ottobre 2021
VARIE
Gran Fondo del 2019
Organigramma Societa'
Class. Ciclocross 1998/2006
Salite in bici da Roma
REO'S PHOTO
Fotografo eventi.
Disponibile per info
al nm 328-6165023
"PUNTO BACHECA !!!
disponibile x tutti gli atleti
VERE OCCASIONI :

VENDO BICI TREK MADONE 5.9:
Anno 2013, taglia 52,
gruppo Shimano Ultegra 6800 11 velocitŕ 11-28,
pedali Ultegra, piega Ritchey Evo Carbon,
sella Specialized Romin Evo Carbo, Ruote Mavic Elite Cosmic,
coperture Continental Gran Prix SII 25”,
Ottimo stato, € 1.000 prezzo trattabile.
Contatti : cell 3283535834
mail:adagap59@gmail.com
VENDO BICI TIME:
Vendo kit completo telaio bici TIME SCYLON
nuovo di fabbrica ancora da tagliare misura XXS
visibile Roma zona est oppure presso il rivenditore
CICLI CASTELLACCIO €.3.300 trattabili
STEFANO cellulare 339/8438280

TORNEO REGIONALE
di CALCIO BALILLA...
Iscrizioni ed Info :
world truck-angolo bar
Se vuoi personalizzare il tuo
CASCO e non solo clicca
qui per contattare il grafico
alla sua posta o al cellulare

L. Giordani Campione
Mondiale Under 23 - 1999 -
NEWS DAL MONDO
ORARI E BIGLIETTI
MAPPE E ITINERARI
WORLD TRUCK :
Trasporti e Logistica
Tornei"Bagni Lavinia"
SCORTE TECNICHE
TEAM VESSELLA
2RADUNO :Auto d'epoca
ALBUM FOTOGRAFICO
Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini: una vittoria per Ciancarini e un podio per Cristini alla Cross Country dell’Olivo a Canino
Grandi risultati per gli atleti della Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini che hanno dato il meglio nella quarta prova del campionato regionale CSI Lazio.
Una nuova opportunità di mettersi in luce è arrivata con la partecipazione alla Cross Country dell’Olivo-Memorial Luigi Marcoaldi a Canino nell’alto viterbese.
A ben figurare Angelo Ciancarini con la vittoria di categoria tra i master 7, secondo Ludovico Cristini tra i master 1, molto bene anche Sandro Costa (quarto tra i master 7) e Lorenzo Borgi (quinto tra i master 5).
Si sono comportati in modo egregio ottenendo buoni piazzamenti anche Gabriele Faccenda (8°M2), Emanuele Zena (8°M5), Massimiliano Chiavacci (11°M4), Daniele Bagnoli (15°M5), Mauro Gori (13°M6) e Claudio Albanese (7°M6).
La Mtb Santa Marinella attualmente si attesta al quarto posto nella classifica riservate alle sole squadre laziali tesserate con il Centro Sportivo Italiano per il campionato regionale di cross country, in attesa di chiudere il cerchio sull’intero circuito il 25 aprile prossimo a Nerola con la quinta ed ultima prova inserita anche nel Trittico Laziale.
Contemporaneamente in Veneto è stato impegnato anche Gianfranco Mariuzzo che ha concluso al terzo posto tra i master 6 la XC dei Castelli-Trofeo GT Trevisan a Montecchio Maggiore.




























Paraciclismo - A Massa laureati i campioni italiani 2021
Pioggia di maglie tricolori nella Due Giorni del Mare, tenuto conto delle tante categorie impegnate in una rassegna pienamente riuscita con circa 170 concorrenti alla presenza del presidente Dagnoni.
Ronchi di Massa – Nel segno della pioggia la “Due Giorni del Mare” a Ronchi di Massa organizzata dalla Asd Ciclo Abilia. Pioggia al mattino all’inizio della manifestazione e “pioggia” di maglie tricolori tenuto conto delle tante categorie impegnate in questa rassegna pienamente riuscita con circa 170 concorrenti che hanno dimostrato la loro bravura e abilità.
Tra i presenti il presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Cordiano Dagnoni, il presidente del Comitato Regionale Toscana Saverio Metti e quello provinciale Maria Pardini, oltre ad altre autorità e dirigenti. Teatro della rassegna un circuito di sette chilometri da ripetere varie volte a seconda della categoria, con partenza ed arrivo nella Piazza di Ronchi.
Le operazioni preliminari si sono svolte presso il Parco Comasca, quindi l’inizio delle gare sul lungomare di Ronchi sotto la pioggia. Cinque le partenze e si è andati avanti fino al pomeriggio. Naturalmente lo svolgimento della manifestazione tricolore ha richiesto accorgimenti particolari con l’osservanza dei protocolli connessi al contenimento del Covid-19, in modo di permettere gli spostamenti e la permanenza con la necessaria sicurezza e tutto si è svolto in maniera regolare grazie alla Ciclo Abilia con il prezioso apporto di Christian Ferrari di Segreteria Gare.it.
Antonio Mannori
I vincitori
MH1 – Fabrizio Cornegliani – Team Equa MH2 – Luca Mazzone – Circolo Canottieri MT1 – Giorgio Farroni – Anthropos ASD MT2 – Stefano Stacchiotti - Anthropos ASD WH1 – Simona Canipari – Active Team La Leonessa WH2 – Roberta Amadeo – Bee and Bike WH3 – Francesca Porcellato – GC Apre Olmedo WH4 – Giulia Ruffato – Anmil Sport Italia WH5 – Ana Maria Vitelaru – Anmil Sport Italia MH3 – Paolo Cecchetto – Tea Equa WC2 – Marta Antoniucci – Anmil Sport Italia WC3 – Lucia Nobilis – Anmil Sport Italia WC4 – Claudia Cretti – Born to Win – G20 Boiler WC5 – Eleonora Mele – Team Equa MB – Stefano Meroni e Piergiacomo Marcolina – T Red Factory Racing WB – Alessia Refolo (Anmil Sport Italia) e Giorgia Bonetti (T Red Factory Racing) MC1 – Giancarlo Masini – Natura e sporti MC2 – Fabio Radrizzani – Tigullio Handbike Team MC3 – Antonio Giuzio – ASD Pedale Scaligero MC4 – Michele Pittacolo – Pittabike ASD MC5 – Andrea Tarlao – Team Go Fast MH4 – Christian Giagnoni – Active Team La Leonessa MH5 – Diego Colombari – Pol. Passo ASD








































Internazionali d'Italia: Teocchi e Agostinacchio leaders a Nalles
Flückiger sorprende tutti e firma la sua seconda affermazione, mentre la Lecomte domina la prova femminile con un podio tutto iridato - Tra gli Junior si impone Boichis
Nalles (10/04) - Grande spettacolo nella terza tappa degli Internazionali d'Italia Series, in programma oggi a Nalles. Benissimo gli italiani, che con la prestazione di oggi mantengono in due categorie la maglia di leader: Chiara Teocchi tra le donne Open, Filippo Agostinacchio tra gli Junior.
UOMINI OPEN - Seconda affermazione per l’elvetico al Marlene Südtirol Sunshine Race. Nino Schurter ancora secondo a Internazionali d’Italia Series. Marotte, terzo, rafforza il primato - C’era un vero e proprio parterre de roi sotto lo striscione di partenza del Marlene Südtirol Sunshine Race nella categoria Uomini Open. Tutti i primi 10 del ranking mondiale UCI hanno risposto presente, a cominciare dai due principali protagonisti di Capoliveri, Henrique Avancini (Cannondale Factory Racing) e Nino Schurter (Scott-SRAM) ma anche il Campione del Mondo Jordan Sarrou e il beniamino di casa Gerhard Kerschbaumer (Specialized Factory Racing), il leader della generale di Internazionali d’Italia Maxime Marotte (SantaCruz-FSA) e tanti altri ancora.
Doveva essere gara di grande ritmo su un percorso molto esigente dal punto di vista fisico, e così è stato. Fin dal primo giro, il ritmo imposto dai protagonisti più attesi ha iniziato a scremare il gruppo di testa: prima 12, poi 10, e dal terzo giro solo 8: oltre ad Avancini, Schurter, Marotte e Sarrou anche Mathias Flūckiger (Thomus RN), Titouan Carod e Filippo Colombo (Absolute Absalon) e Ondrej Cink (Kross Orlen).
Alla penultima tornata, il colpo di scena: Henrique Avancini cede e perde terreno dai primi, e poco dopo anche Sarrou e Carod lasciano qualche secondo di spazio. La gara si gioca sull’ultima salita: “Flückiger ha accelerato e ha guadagnato qualcosa – racconta Marotte – io non sono riuscito a superare prima del single trail e sono rimasto dietro a Colombo, perdendo qualche metro. In cima sono riuscito a passare, e riportarmi su Nino, ma a quel punto Flückiger era andato.”
Lo svizzero è riuscito a conquistare il suo secondo Marlene Südtirol Sunshine Race dopo l’edizione 2018: questa volta alle sue spalle è arrivato Nino Schurter (+0.04), davanti allo stesso Marotte che ha superato in volata Cink (+0.11), mantenendo la vetta della classifica generale di Internazionali d’Italia Series. Solo nono Avancini, alle spalle di un Lars Forster (Scott-SRAM) autore di una gara maiuscola in rimonta, ma troppo condizionata da una brutta partenza. Migliore degli italiani è stato Nadir Colledani (MMR), sedicesimo, solo ventiseiesimo un Gerhard Kerschbaumer opaco e mai in lotta per le posizioni che contano. “Bello tornare a vincere qui, Nalles mi piace, è un percorso molto naturale, con questa lunga salita su cui mi trovo alla grande,” ha raccontato il Flückiger, 32 anni, vincitore in carriera in Coppa del Mondo a Mont Sainte-Anne nel 2018 e ad Albstadt nel 2019. “Era il mio debutto stagionale, e generalmente faccio un po’ di fatica nelle prime gare: questa volta evidentemente non è stato così, ed è il viatico perfetto verso la prima prova di Coppa del Mondo.”
DONNE OPEN - La Campionessa del Mondo U23 distanzia le avversarie sin dalle prime battute. Seconda l’iridata Elite Ferrand-Prèvot, terza Mitterwallner. Teocchi nuova leader di Internazionali d’Italia Series. Tre su tre per Sara Cortinovis fra le Junior - Nelle dichiarazioni della vigilia, Pauline Ferrand-Prevot (Absolute Absalon) non aveva voluto esporsi sulla propria condizione alla quarta uscita stagionale, ma nell’indicare le favorite aveva messo un nome prima degli altri: Loana Lecomte (Massi). La Campionessa Iridata ci aveva visto giusto, visto che la sua connazionale, Campionessa del Mondo in carica fra le Under 23, ha letteralmente dominato una gara Open a grandissime firme.
JUNIOR - La terza tappa di Internazionali d’Italia Series a Nalles si apre con una nuova affermazione del giovane transalpino, primo anche ad Andora. Agostinacchio difende la maglia di leader - L’Italia lo aveva già conosciuto un mese fa ad Andora, quando da favorito era riuscito a lasciarsi tutti alle spalle. A Nalles, il francese Adrien Boichis (Team Passion VTT Venelles) ha dimostrato che non si è trattato di un caso isolato: partendo con il numero 1 nella prima prova stagionale di UCI Junior Series (la Coppa del Mondo di categoria Junior), il francese si è imposto al termine di una gara condotta sostanzialmente da inizio a fine.
Il programma del Marlene Südtirol Sunshine Race 2021 si concluderà domani, domenica 11 aprile, con le competizioni giovanili (Donne Esordienti e Allieve alle 9.00, Uomini Esordienti 1° anno alle 10.00, Uomini Esordienti 2° anno alle 11.00, Uomini Allievi 1° anno alle 12.00 e Allievi 2° anno alle 13.00).
PROSSIMA TAPPA: VALLE DI CASIES
Dopo tre appuntamenti nel giro di un mese, Internazionali d’Italia Series si prepara ad una pausa, lasciando spazio ai primi eventi di Coppa del Mondo. La grande MTB tornerà in Italia a giugno, esattamente il 2 e ancora in Alto Adige, con la prima volta di Valle di Casies nel calendario di Internazionali d’Italia Series. A fine giugno, invece, sarà La Thuile ad ospitare il gran finale di una stagione di Internazionali d’Italia Series davvero memorabile.
IL CALENDARIO DI INTERNAZIONALI D'ITALIA SERIES 2021
Stage 1 - Andora Race Cup - 7 Marzo Stage 2 - Capoliveri Legend XCO - 5 Aprile Stage 3 - Marlene Sudtirol Sunshine Race - 10 Aprile Stage 4 - Valle di Casies - 2 Giugno Stage 5 - La Thuile MTB Race - 26-27 Giugno













































































PERCHE' NEL LAZIO POSSIAMO SOLO SOGNARE UNA SIMILE RETE CICLOPEDONALE ?

Visit Brescia: la ciclopedonale del lago di Garda e il Passo del Tonale per sognare in bici Dalle sponde del lago di Garda ai monti di Ponte di Legno–Tonale.
Nel raggio di circa 150 chilometri si snodano in provincia di Brescia centinaia di chilometri ,
tra piste ciclopedonali e percorsi ad hoc per ogni livello di preparazione, dall’amatore al professionista.
Scopriamoli su quicicloturismo.it insieme a Visit Brescia.
Visit Brescia: ecco i Top
Considerata la passerella più spettacolare d’Europa, la ciclopedonale del lago di Garda è un incredibile percorso di 2 km in totale sicurezza a picco sul lago, che collega Limone con il confine di Riva del Garda. È un tragitto slow, dedicato a famiglie con bambini, a cicloamatori a bassa velocità e a tutti coloro che vogliano godere dello strepitoso panorama anche di sera, grazie a un’efficiente illuminazione a led che ne esalta l’ecosostenibile romanticismo. Sono invece i temerari appassionati di MTB, slow bike e road bike i destinatari della sfida lanciata da Greenway delle Valli Resilienti che mira a valorizzare i territori di Valle Trompia e Valle Sabbia, con una collezione di 3500 km che si snodano tra ciclabili, percorsi su strada e itinerari per Mountain bike, suddivisi per vari gradi di difficoltà. Tra i più affascinanti, il giro del Crinale, con partenza dal Passo Maniva. Chi vede la bicicletta come un mezzo d’assalto conosce bene anche il Bike Park Pontedilegno Tonale, variegato circuito di sentieri, strade forestali e mulattiere che si intrecciano in 500 km di percorsi di varia difficoltà, dai 700 ai 2.600 m di quota, attraverso boschi, alpeggi e paesaggi montani tra Alta Valle Camonica eAlta Valle di Sole.
A proposito di sfide, il mitico Passo del Tonale è un punto di riferimento per chiunque ambisca a definirsi amante del ciclismo. Sul confine tra il bresciano e il trentino, il valico ha visto transitare in diverse edizioni il plotone del Giro d’Italia ed è un piacere per gli occhi, che si posano sul gruppo del Castellaccio, sul Monte Serodine e sulla Val Narcanello. Non meno incastrate tra i raggi della leggenda e della corsa rosa sono la salita e le devastanti pendenze del Passo Gavia, punto d’unione tra Valle Camonica e Valtellina, e soprattutto l’alternanza di strappi e tratti riposanti del temibile Passo del Mortirolo, in uno straordinario contesto naturale di pascoli, baite e boschi di conifere.
Per concludere in relax e sciogliere gambe e cuore, le ruote non possono che correre sul tracciato della Ciclovia dell’Oglio, eletta ciclabile più bella d’Italia agli Italian Green Road Awards 2019. Con 1.862 metri il dislivello e 282 km totali di percorso – oltre 220 dei quali nella provincia di Brescia – questo paradiso per ciclisti si snoda attraverso l’area Unesco delle Incisioni Rupestri della Valle Camonica, costeggia il lago d’Iseo e si insinua tra i vigneti della Franciacorta, fendendo la pianura bresciana per poi confondersi con il lungofiume del Po.
Gli itinerari sono descritti sul sito www.visitbrescia.it, da cui si può scaricare anche la guida tematica.
Per informazioni su Visit Brescia: www.visitbrescia.it











































IFI Giant Store Roma: debutto tricolore nel paraciclismo a Marina di Massa per Ivano Pizzi nel tandem con Riccardo Panizza
Il ritiro di Francavilla al Mare di fine marzo ha aperto la strada a una nuova stagione di paraciclismo per la IFI Giant Store Roma che per il 2021 ha confermato il suo atleta di punta Ivano Pizzi.
La Ifi Giant Store Roma (IFI è l’acronimo di Istituto Fisioterapia Integrata - http://www.istitutofisioterapiaintegrata.it) non è nuova nell’accogliere atleti di paraciclismo: nel 2019 fece parte anche la romana Cinzia Brecciaroli che si aggiudicò il tricolore nel triciclo.
Ipovedente dopo due incidenti subiti sia in ambito sportivo che domestico una ventina di anni fa, il lancianese Pizzi è tornato nel giro azzurro della nazionale del cittì Mario Valentini ed ha affinato la preparazione in “sintonia” con il neo componente del tandem Riccardo Panizza, il tutto sotto l’occhio attento di Simone Sanclimenti, presidente del sodalizio con sede a Palestrina (nonché massaggiatiore e componente dello staff della nazionale italiana di paraciclismo) coaudivato dal suo vice Matteo Fiorentini. Ivano Pizzi: “Il raduno è servito a focalizzare nuovi obiettivi, speriamo che si possa gareggiare quest’anno in maniera regolare e con un buon calendario di avvicinamento alle prossime Paralimpiadi ma anche altri appuntamenti in giro per l’Italia e per l’Europa dove daremo il meglio di noi stessi”.
Lavorando in ottica gare di Coppa del Mondo, Mondiali e Paralimpiadi, il primo vero banco di prova per Pizzi e la guida Panizza è il campionato italiano su strada in programma domenica 11 aprile a Marina di Massa.
“Si continua il percorso intrapreso circa 3 anni fa con il paraciclismo – spiega Simone Sanclimenti – dove proveremo a dire la nostra con il tandem Pizzi-Panizza nelle gare che contano e specialmente quest’anno che si recuperano le Paralimpiadi. Questo sforzo nel paraciclismo lo dobbiamo ai tanti sponsor che ci supportano anche in momenti difficili in piena pandemia e ringrazio per l’occasione IFI Palestrina, Fisioterapia Fiorentini e Giant Store Roma”.

































CHE DUELLO ALL’ELBA: AVANCINI BATTE SCHURTER!
La sfida più attesa di Capoliveri Legend XCO è stata vinta dal brasiliano in volata. Kate Courtney vince da favorita su una splendida Chiara Teocchi
Henrique Avancini Era il 1994 quando sull’Isola d’Elba John Tomac e Ned Overend davano vita ad uno dei più memorabili duelli della Coppa del Mondo di MTB. Oggi, nel 2021, Capoliveri Legend XCO ha riportato sull’Isola un grande duello fra campioni che stanno segnando un’epoca delle ruote grasse. Henrique Avancini e Nino Schurter hanno acceso il fuoco della Coppa del Mondo che inizierà solo fra un mese a Nove Mesto, regalando ad Internazionali d’Italia Series un’altra tappa di altissimo profilo.
Lunedì 5 Aprile, la prima volta dell’evento organizzato dalla ASD Capoliveri Bike Park ha centrato tutti gli obiettivi della vigilia, grazie a un percorso che ha convinto ed entusiasmato gli atleti e gli inconfondibili panorami esaltati da un weekend climaticamente perfetto.
La seconda uscita stagionale di Internazionali d’Italia Series ha proseguito nel segno delle grandi firme: oltre al successo di Avancini davanti al Campione d’Europa, l’ex iridata Kate Courtney ha bagnato il suo esordio stagionale (e nel circuito gestito da CM Outdoor Events) con una vittoria bella e convincente, prima su un podio su cui sale anche il sorriso di Chiara Teocchi, protagonista e felice dopo un anno travagliato.
OPEN UOMINI: AVANCINI VINCE IL PRIMO ROUND CONTRO SCHURTER
Coppa del Mondo, Olimpiadi e Mondiali: i grandi obiettivi della stagione, gli stessi a cui puntano Nino Schurter (Scott-SRAM) ed Henrique Avancini (Cannondale Factory Racing). Quello fra lo svizzero e il brasiliano, caratteri diversi, è un confronto lungo tutta una stagione, di cui la sfida di Capoliveri è stato il primo, significativo round. L’ha avuta vinta il brasiliano, che è tornato a salire sul podio di Internazionali d’Italia Series tre anni dopo il gran finale della stagione 2018 a Chies d’Alpago, ma è stato testa a testa fino agli ultimissimi metri dei sette giri (più lancio) previsti. Schurter ha forzato il ritmo in partenza, mettendo tutti in fila ma senza inizialmente causare strappi: sulla sua ruota, fin dai primissimi metri, sempre il brasiliano Avancini. Dopo il giro di lancio, un drappello di sette atleti è andato formandosi in testa, con i due duellanti accompagnati da Mirko Tabacchi (KTM-Protek), Vlad Dascalu (Trek-Pirelli), Luca Braidot e Maxime Marotte (Santa Cruz-FSA). Al terzultimo giro, una nuova frustata di Schurter ha rimescolato le carte, a resistergli nell’accelerazione in discesa solo Avancini e Marotte, mentre alle loro spalle Luca Braidot superava un problema meccanico per lanciarsi all’inseguimento. Nello sprint a tre sulla breve retta finale, Avancini ha affrontato la curva in testa, e ha avuto buon gioco nel superare Schurter e il nuovo leader di Internazionali d’Italia Series Marotte. Quarto posto per Luca Braidot (+ 0.19), quinto per Dascalu (+ 0.32).
“È stata una giornata bellissima e durissima,” ha raccontato Avancini, “battermi con Nino è sempre una motivazione in più, affrontarlo è un’opportunità e se c’è un’occasione per vincere bisogna prenderla. Avevo tanto bisogno di tornare in gara, di mettermi alla prova contro avversari di grande calibro: vincere il primo round è stato sicuramente importante.”
In campo Under 23, Simone Avondetto (Trek-Pirelli) ha conservato la maglia di leader della classifica con il 12° posto odierno.
DONNE OPEN: COURTNEY PREVALE SU UNA SUPER-TEOCCHI. CORTINOVIS ANCORA REGINA FRA LE JUNIORES
In campo femminile le attese erano tutte per Kate Courtney (Scott-SRAM), la campionessa del Mondo 2018 arrivata per la prima volta a gareggiare sui circuiti di Internazionali d’Italia Series, e la 25enne californiana non ha deluso chi la voleva protagonista nella prima edizione di Capoliveri Legend XCO.
Kate Courtney Al debutto stagionale, tuttavia, la Courtney ha dovuto sudare forse più del previsto per avere la meglio su una splendida Chiara Teocchi (Trinity Racing), che conferma un brillantissimo avvio di stagione con un secondo posto che vale oro. Il duello Courtney-Teocchi è andato in scena fin dal giro di lancio, quando l’americana ha messo in fila il gruppo e l’italiana si è subito inserita nella sua scia. Le due si sono avvantaggiate rispetto al resto, con la danese Caroline Bohe (Ghost Factory Racing) unica atleta capace di rimanere a distanza. Più indietro le altre italiane, con Lechner (Trinx Factory Racing), Berta e Seiwald (Santa Cruz-FSA) presto fuori dalla sfida per il bersaglio grosso. Dopo aver guadagnato secondi nella prima metà di gara, Courtney ha subito il ritorno della bergamasca nel quarto giro, mentre lo svantaggio di Bohe arrivava a sfiorare il minuto. L’azione decisiva di Courtney è arrivata in salita nel penultimo giro, un attacco che le ha permesso di guadagnare una ventina di secondi sull’italiana, poi gestiti fino al traguardo tagliato con 24 secondi su Teocchi. Terzo posto che vale per Caroline Bohe (+0.46), che con il piazzamento ha conquistato le maglie di leader sia della categoria Open che di quella Under 23 Femminile. “È stato l’inizio di stagione perfetto: prima vittoria in un luogo stupendo,” ha commentato Courtney. “Sono contenta anche della mia condotta di gara: avevo tanta voglia di rientrare in corsa, ma è sempre difficile prevedere le sensazioni della prima uscita. Mi sono gestita bene su un tracciato impegnativo, sono rimasta sempre in controllo, e per questo sono davvero contenta”.
Podio Donne Open Grande emozione anche per Teocchi, la cui partecipazione era stata addirittura in dubbio dopo una caduta nella giornata di ieri che aveva richiesto dei punti di sutura al braccio sinistro: “Sono davvero contenta di questa gara, soprattutto dopo tutti i problemi dello scorso anno. Fino all’ultimo ho pensato di non partire, ma alla fine ho deciso di provare: riuscire a tenere testa a Kate Courtney su un percorso così è un bellissimo segnale in una stagione importante.”
Fra le Donne Junior, la vincitrice di Andora Sara Cortinovis (Four Es Racing Team) ha ribadito il proprio dominio in maniera chiara e netta: prima posizione conquistata e conservata per l’intera durata della gara, concludendo con oltre due minuti di margine sull’accoppiata Trinx Factory Racing formata da Noemi Planckesteiner e Lucia Bramati, e ulteriore allungo in classifica generale di Internazionali d’Italia Series.
UOMINI JUNIOR: VINCE AEBERSOLD, TALENTO MULTIDISCIPLINARE
Successo svizzero nella prima gara della giornata, quella degli Uomini Junior. Dopo una sfuriata di Filippo Agostinacchio (Scott-Libarna) del giro di lancio, poi raggiunto da Marco Betteo (Racing Team Rive Rosse) e Matteo Siffredi (Scott-Libarna), lo svizzero Nils Aebersold (Roland/Trek Bike) è riuscito a recuperare un gap di 30 secondi per portarsi in testa all’inizio del secondo giro. Il 2004 figlio d’arte di Niki Aebersold, buon professionista su strada a cavallo del nuovo millennio, ha imposto il proprio ritmo senza voltarsi, distanziando uno per uno gli avversari – ultimo a cedere proprio Agostinacchio – fino ad aggiudicarsi la prima edizione di Capoliveri Legend XCO dopo quasi tre giri in solitaria. Agostinacchio (+ 0:32) si consola con il secondo posto e la maglia di leader di categoria di Internazionali d’Italia Series, terzo posto invece per Betteo (+ 1:03). PROSSIMA TAPPA: NALLES
La carovana di Internazionali d’Italia Series è ora pronta a partire verso l’Alto Adige, dove sabato 10 aprile a Nalles tornerà in scena il tradizionale appuntamento con il Marlene Südtirol Sunshine Race.
Per l’unica prova HC in territorio italiano è atteso ancora una volta un parterre da Coppa del Mondo: ci saranno anche Schurter, Avancini e Courtney, ma la concorrenza sarà ancora più agguerrita. Il divertimento è solo all’inizio.
IL CALENDARIO DI INTERNAZIONALI D'ITALIA SERIES 2021
Stage 1 - Andora Race Cup - 7 Marzo Stage 2 - Capoliveri Legend XCO - 5 Aprile Stage 3 - Marlene Sudtirol Sunshine Race - 10-11 Aprile Stage 4 - Valle di Casies - 2 Giugno Stage 5 - La Thuile MTB Race - 26-27 Giugno
































































































Asgreen fulmina Van der Poel al Fiandre!
Con una volata in rimonta, Kasper Asgreen batte nello sprint a due il favoritissimo Mathieu Van der Poel piantantosi negli ultimi 50 metri!
Ecco il momento più atteso delle Fiandre, dove il ciclismo è una fede e oggi nel giorno di Pasqua si corre l’edizione n. 105 della Ronde van Vlaandren, seconda classica monumento 2021 con i tre “tenori” nel ruolo di grandi favoriti: Mathieu Van der Poel, vincitore 2020, Wout Van Aert, dominatore domenica scorsa della Gand-Wevelgem, e il campione del mondo Julian Alaphilippe, protagonista sfortunato dell’ultima edizione con quella clamorosa caduta quando andò a sbattere contro una moto, mentre era all’attacco con WVA e MVDP. Cronaca – Il fascino ineguagliabile dei muri e del pavé, che chiude il primo ciclo delle classiche del Nord. Da Anversa ad Oudenaarde (254,3 km) con ben 19 “muri”. Primi 100 km sostanzialmente pianeggianti, poi si entra nell’inferno dei terribili strappi fiamminghi; il primo è il Katteberg, uno dei più facili. La fuga si sgancia quasi subito con Jelle Wallays (Cofidis), Stefan Bissegger (Ef Nippo), Fabio Van den Bossche (Sport Vlaanderen), Mathijs Paaschens (Bingoal WB), Mathias Jorgensen (Movista, Nico Denz (Team DSM) e Hugo Houle (Astana Premier Tech). Inizia la lunga serie dei muri e dietro il gruppo inizia subito a fare sul serio con i grandi favoriti sempre nella prima parte del plotone. Sussulto ai -66: caduta! Coinvolti diversi corridori Deceuninck (tra cui Alaphilippe) e Alpecin. L’iridato riparte prontamente e riesce a rientrare. Il gruppetto dei battistrada si sfalda al secondo assaggio al Kwaremont (-56), resta da solo Bissegger, mentre gli altri, attanagliati dalla lunga fuga, vengono raggiunti dalle avanguardie del gruppo.
Doppio attacco di MVDP, sempre tallonato da Asgreen – Subito dopo il Kwaremont una strattonata di Van der Poel, seguito da Asgreen in versione stopper. Il campione d’Olanda allunga ancora nell’ultimo pezzo del Patersberg, sempre seguito da Asgreen. In entrambe le occasioni è sempre Van Aert a chiudere.
Alaphilippe saggia le forze – Sul Koppenberg (muro n. 14) ecco il campione del mondo! Il francese scatta e si riporta su Bissegger, ultimo superstite della fuga. Ma nel successivo tratto in discesa Van der Poel riporta sotto un gruppetto con tutti i migliori. Allunga Marco Haller. Ormai entrati negli ultimi 40 km di un Fiandre già assai dispendioso. Su Haller rientrano in cinque. Si formano due coppie, Alaphilippe e Asgreen (Deceuninck-Quickstep), Teuns e Haller (Bahrain Victorius), quindi i due grandi favoriti, Van Aert e Van der Poel. Il vantaggio sugli inseguitori è esiguo in vista del prossimo muro.
Kruisberg (2500 metri con punte al 9%) – Alaphilippe prova ancora, ma Van Aert non si fa sorprendere. Da dietro rientra Anthony Turgis, ma gli altri non sono lontani. Mancano ormai gli ultimi due muri, che sono il terzo passaggio al Kwaremont e al Paterberg. Asgreen scatta e subito WVA e MVDP rispondono, mentre restano fermi i due Bahrain, Alaphilippe e Turgis. Potrebbe essere la svolta della corsa. Aumenta il vantaggio in vista del gran finale! 26” ai piedi del Kwaremont (-19) per i tre di testa sugli inseguitori, con il drappello Van Avermaet che rientra su quello di Alaphilippe.
Van der Poel attacca e mette alle corde Van Aert! – Fase di studio nella prima parte del penultimo muro, poi sull’ultimo pezzo VDP forza il ritmo (-17) e VA non risponde. Asgreen riesce a riportarsi sul campione d’Olanda. Discesa che porta al Paterberg, la terribile ultima rampa (solo 360 metri al 12,9% con punte al 20,3%!) con i due di testa con 10”. Stavolta, VDP non scatta, anche per la splendida tenuta di Asgreen. Ma è Van Aert a sorprendere in negativo. Il fuoriclasse di Herentals si pianta sul muro zigzagando nell’aspro tratto in pavé. Raddoppiato il ritardo in cima, e la corsa è ormai in mano ai primi due. Svuotato e, ormai demotivato, Van Aert viene ripreso dagli inseguitori.
Volata libera da ingombri, testa a testa: VDP si pianta a 50 metri e Asgreen urla la sua felicità! – Il vantaggio supera i 30” e ai -2,5 prova l’attacco disperato (più per un piazzamento sul podio che per una reale possibilità di rientro) il veterano Van Avermaet con Stuyven. Van der Poel controlla, Asgreen rimane a ruota, poi dopo il cartello dei 300 metri scatta il campione orange, ma il danese risponde, lo affianca, poi VDP si ferma a 50 metri dalla meta, ormai esausto con Asgreen che vince! Per il campione di Danimarca si chiude un periodo d’oro, con il trionfo all’E3 Saxo Harelbeke e oggi la classicissima dei muri, sua prima Monumento, dopo essere stato già 2° nel 2019.
Ennesimo podio per Van Avermaet – La volata per il terzo gradino sul podio la vince di forza Greg Van Avermaet, che non ha mia vinto questa corsa pur essendoci andato vicino tante volte. Un lungo inseguimento, cui è mancata solo la vittoria all’ormai 36enne fiammingo. 14 partecipazioni con ben 9 Top-ten: 8° nel 2008; 4° nel 2012; 7° nel 2013; 2° nel 2014; 3° nel 2015; 2° nel 2017; 5° nel 2018; 10° nel 2019; 3° oggi.

























































NELLA SPERANZA DI POTER TORNARE PRESTO IN BICI INSIEME

AUGURI DI BUONA PASQUA

A TUTTI GLI AMICI DEL CICLISMO AMATORIALE













Speranza, ripartenza, entusiasmo e Paralimpiadi nel mirino: successo “in sicurezza” per il ritiro della nazionale italiana di paraciclismo a Francavilla al Mare
A cura dell’Addesi Cycling, per la settima volta Francavilla al Mare ha ospitato il ritiro della nazionale italiana di paraciclismo che ha tanta voglia di riprendersi lo scettro di regina dello sport paralimpico a livello internazionale, nonostante le difficoltà del momento imposte dalla pandemia.
La preparazione e la programmazione verso le Paralimpiadi di Tokyo 2021 (tra fine agosto e inizio settembre) passeranno necessariamente per i Campionati Italiani su strada a Marina di Massa in Toscana l’11 aprile, la prova di Coppa del Mondo a Ostenda in Belgio tra il 6 e il 9 maggio e i Mondiali a Cascais in Portogallo tra il 9 e il 13 giugno. Quasi certo lo slittamento a data da destinarsi dell’unica prova di Coppa del Mondo in Italia, tra Bassano del Grappa e Marostica, che si sarebbe dovuta svolgere tra il 13 e il 16 maggio in Veneto.
A rispondere alla convocazione del commissario tecnico Mario Valentini, gli atleti abruzzesi “doc” Pierpaolo Addesi del Team Go Fast (da Torrevecchia Teatina), Emma Marcelli dell’Anmil Sport Italia (da Atri) e Ivano Pizzi della IFI Giant Store Roma (da Lanciano), oltre agli altri azzurri Andrea Tarlao (Team Go Fast), Katia Aere (Anmil Sport Italia), Giorgio Farroni (Anthrophos Asd), Stefano Stacchiotti (Anthrophos Asd), Roberta Amadeo (Bee and Bike), Fabio Anobile (Natura e Sport), Andrea Casadei (Team Equa), Diego Colombari (Polisportiva Passo Asd Onlus), Fabio Colombo (Comolake Team), Davide Giusti (Anmil Sport Italia), Eleonora Mele (Team Equa), Giancarlo Masini (Natura e Sport), Federico Mestroni (Tigullio Handbike Team), Tiziano Monti (Anmil Sport Italia), Luisa Pasini (Team Equa), Fabio Radrizzani (Tigullio Handbike Team), Luca Tettamanti (Comolake Team),Ana Maria Vitelaru (Anmil Sport Italia) e Riccardo Panizza del Team Comobike Asd (guida del tandem con Ivano Pizzi).
Per tutta la durata del ritiro e con tutte le precauzioni necessarie adottate per contrastare il contagio da Covid-19, gli atleti sono stati assistiti dai collaboratori tecnici Fabrizio Di Somma, Gianni Fratarcangeli e Fabio Triboli, coaudivati dallo staff di meccanici e massaggiatori composto da Roberto Loreti, Mario Castello, Roberto Pistilli, Claudia Angela Barone, Alain Lorenzati e Simone Sanclimenti.
A far visita agli azzurri anche il presidente regionale FCI Abruzzo Mauro Marrone e il rieletto presidente regionale del CIP abruzzese Mauro Sciulli, a manifestare il plauso allo svolgimento del ritiro azzurro a Francavilla al Mare, l’assessore comunale Luisa Russo: “Questi ragazzi sono un esempio di forza e di determinazione, fanno capire a noi che da un momento di difficoltà possono nascere grandi opportunità di riscatto. Dobbiamo prendere esempio da loro ed auguriamo ogni bene per il raggiungimento delle loro ambizioni sportive”. A fare gli onori di casa Pierpaolo Addesi, tra i referenti in loco per l’organizzazione tecnica del ritiro: “Finalmente possiamo ripartire e impostare una stagione importante ma sono stato felicissimo di aver riportato il ritiro a Francavilla al Mare che con Pineto, Roseto degli Abruzzi, Pescara e Rovere sono diventate la casa della nazionale in terra d’Abruzzo per preparare gli appuntamenti che contano. Siamo stati contenti dell’ospitalità eccezionale presso l’Hotel Corallo, ma anche del supporto dell’amministrazione comunale di Francavilla, un grazie anche agli sponsor Emidio e Alfredo de Florentiis, Selmec, Itas Assicurazioni Chieti Scalo, Free Bike, Filodentale e Kemipol. Dobbiamo stringere i denti, andare avanti e non arrenderci a questa pandemia perché il 2020 è stato un anno perso. Bisogna rialzarsi da questa situazione che ha messo a dura prova tutti noi, il paraciclismo può e deve dare un segnale di ripartenza a tutto il movimento sportivo nazionale. Finche sto bene e mi sento ancora competitivo, voglio dare ancora il mio contributo a questa nazionale ma quando smetterò di correre darò un supporto a questo ambiente perché lo merita ed è stato per me di fondamentale importanza in 17 anni di carriera nel paraciclismo. Zanardi? Alex per noi rappresenta tanto, un amico importante, la situazione non è delle migliori ma è un lottatore. A me e a tutti noi della nazionale manca molto”.
Mario Valentini, il commissario tecnico più titolato al mondo di tutti gli sport, è alla guida di una nazionale che ha collezionato numeri da capogiro da circa un ventennio: 99 medaglie all’attivo, di cui 12 d’oro paralimpiche, 75 conquistate ai campionati del mondo. “Entusiasmo e obiettivi da raggiungere – afferma Valentini - sono attualmente lo stimolo di questa nazionale e della nostra ripartenza con la speranza di essere presenti alle Paralimpiadi. Noi siamo sempre annoverati tra le nazioni forti del paraciclismo insieme agli Stati Uniti, al Canada, alla Spagna, alla Francia, alla Gran Bretagna, alla Germania ed anche alla Cina che sta emergendo molto bene in pista. La regione Abruzzo ci porta sempre fortuna per i tanti raduni che abbiamo svolto tra mare e montagna. In più ci agevola tanto la cultura ciclistica di questa regione con la gente che va in bici e che si appassiona sempre di più a questo sport, oltre ad avere sensibilità per il mondo disabile. E a proposito di bicicletta, dico sempre ai tanti ciclisti di stare in fila indiana, di dare il cambio sulla destra, di mettere le luci lampeggianti sia avanti che dietro la bici per non avere problemi con l’assicurazione, inoltre bisogna avere rispetto degli automobilisti ed evitare discussioni. La perdita di una persona non viene compensata da questi incidenti che spesso continuiamo a leggere sui giornali o sui siti internet. Zanardi? Undici anni insieme a noi con la nostra nazionale, Alex è un grande lottatore, è uno di noi ma sono sicuro che diventerà il simbolo del nostro movimento paralimpico”.
LINK VIDEO E SERVIZI TELEVISIVI
Ultimo Km Ciclismo Abruzzo https://www.youtube.com/watch?v=oEK2PqtJ5iI TG Rai 3 Abruzzo al minuto (17’50”) https://www.rainews.it/.../ContentItem-9f133fa9-1e1e-4fac... più uno speciale previsto giovedì 1 aprile (o il giorno 8) alle 7:30 all’interno della rubrica Buongiorno Regione.
TV6 https://www.youtube.com/watch?v=Am0LNIJ5zlg (intervista a Mario Valentini)
TV6 https://www.youtube.com/watch?v=nFemE6jqrFY (intervista a Pierpaolo Addesi)















































































Primo podio della stagione: Severa 3° al Trofeo Abmol
Ancarano - 28 marzo, 2021

È stato davvero un buon weekend per il Racing Team A.S. Roma Coratti. In Abruzzo si è disputato il Trofeo Abmol, gara che ha visto tra i partenti i migliori Juniores del Centro-Sud Italia.
Buona la prestazione corale dei ragazzi guidati da Coratti, Terrinoni e Saccucci, ottima quella di Nicolò Severa – che dopo 83 chilometri pedalati sempre tra i migliori è riuscito a conquistare il terzo posto.
147 i partenti, per una corsa con molti saliscendi che non ha tradito le aspettative; dura dall’inizio alla fine, questa seconda gara in linea della stagione ha costretto al ritiro un gran numero di corridori.
Ritmo alto sin dai primi colpi di pedale, con i giallorossi che riescono a tenere il ritmo e a stare nella testa della corsa.
Presto le caratteristiche del tracciato iniziano a pesare, tanto che già nei primi giri molti atleti abbandonano la contesa.
Forse anche per questo fino al quarantesimo chilometro non si registra nessun tentativo considerevole di fuga: fino a quel punto ha vinto la tattica e lo studio degli avversari. Buono per tutta la prima metà della gara il lavoro dei ciclisti giallorossi, che sono riusciti a mantenere la testa della corsa, pronti a sfruttare la prima occasione per tentare uno strappo.
Al giro di boa il gruppone inizia a sfaldarsi, ma quattro giallorossi (Caferri, Colladon, Gabrielli e Severa) riescono a sostenere il ritmo dei migliori.
Il turning point per questo Trofeo Abmol arriva a cinque giri dalla fine, quando si assiste alla prima vera fuga a cinque (uno dei quali è proprio Nicolò Severa). Il gruppo guadagna velocemente un minuto sugli inseguitori, che dietro iniziano a frazionarsi e a perdere via via contatto con chi stava davanti.
Così fino alla fine, con gli ultimi 20 chilometri che consolidano il vantaggio della testa sugli altri. La coppia dei primi due arriva al traguardo con dieci secondi sul nostro Severa, che dando fondo alle ultime energie riesce ad aggiudicarsi la volata a due per il gradino più basso del podio.
«La prova di Nicolò – che ha pedalato bene sin dall’inizio e meritato il risultato finale – conferma la crescita del ragazzo, che già nella fase finale della scorsa stagione ha fatto registrare più di un risultato positivo», ha detto Simone Coratti. «Ma anche il resto del Team – continua – sta migliorando nel ritmo gara e mettendo a frutto i training settimanali. Non era una gara facile, sia per la difficoltà del tracciato sia per la qualità degli altri atleti. Complimenti a Nicolò, ma la stagione è ancora lunga. Abbiamo ancora molti impegni davanti e tanti chilometri da pedalare», ha concluso Coratti.
Dopo il breve stop pasquale il Racing Team A.S. Roma Coratti tornerà in sella l’11 aprile per il 20° G.P. Colli Marignanesi, che si correrà in Emilia-Romagna.

Trasferta in Abruzzo anche per gli Allievi del Team Coratti, che hanno fatto il loro esordio di stagione al Trofeo Bike Academy. Il tracciato era lo stesso del Trofeo Abmol, ma i chilometri da coprire solo 46,8.
Ed è stato un esordio discreto, se consideriamo i numerosi innesti in squadra e il fatto che si trattava del primo impegno agonistico dopo mesi.
Gara movimentata sin da subito anche a causa del percorso impegnativo, che – come succederà nel pomeriggio agli Juniores – costringe al ritiro un gran numero di ciclisti. Qualche caduta, lunghe fasi di studio, frazionamenti dei gruppi e tentativi di fuga sul finale hanno caratterizzato la corsa, che uno dei corridori del Team Coratti – Fabiano Faieta – è riuscito a chiudere al 16° posto, dopo un allungo nella volata finale.
















































CISTERNINO CIRCUIT MULTILAP 2021 A PASSUELLO SILVESTRI E TURCHI

Livorno. Sono stati in 170 degli oltre 230 pre-iscritti, gli atleti a prendere il via, al Cisternino Circuit Multilap 2021, organizzato da X-Team, in collaborazione con Uisp Ciclismo.
La gara Labrinoca, si è svolta sul classico circuito di circa 6300 metri, ripetuto nove volte invece delle dieci previste. Percorso in parte ondulato, lungo la via delle Sorgenti per poi proseguire nella zona industriale con ritorno al Cisternino dal Pian di Rota, per poi concludersi in Via degli Acquaioli, da dove è stato dato anche il via. Tra questi atleti anche i nostri portacolori dell’Asd Angolo del Pirata, Matteo Marcheschi e Matteo ZIngoni per la categoria M2 e Massimo Sottili per la categoria M7.
Due le partenze, con al via alle ore 9,00 circa la prima gara con le categorie Elite Sport, M1, M2, M3 e M4, a distanza di tre minuti la seconda batteria di gara, con le categorie M5, M6, M7 e Donne. Molti gli scatti e i vari tentativi di fuga fin dalle prime battute di gara, attivissimo il nostro pirata Matteo Zingoni ma anche altri atleti ma il folto gruppo mantiene alta la velocità e non concede molto a nessuno. Verso i giri conclusivi un ulteriore tentativo di fuga, preso in contropiede da Domenico Passuello del Team Promotech, lascia sul posto i compagni di ventura e si invola solitario negli ultimi due giri rimasti.
Dietro, il gruppo con la Falaschi, prova a colmare il gap ma Passuello, categoria M3, resiste fin sotto al traguardo, al ritorno del gruppo, tagliando così il traguardo a braccia alzate, con un breve vantaggio su Federico Colonna della Cicli Falaschi che regola la volata, vincendo la categoria M4, seguito da Alessandro Alboni del San Patrizio Asd che a sua volta vincerà la categoria Elite Sport, quarto posto ma primo in categoria M2, Lucio Margheriti del Team Ciclowatt, quinto posto e primo in categoria M1, per Fabio Virgili dell’Asd Capitani Minuterie. Pazienza per i nostri pirati che oggi concludono nella pancia del gruppo.
Anche la seconda batteria di gara, parte a spron battuto ma le fasi iniziali sono di controllo, intanto anche una leggera brezza, si fa sentire sul pian di Rota, tagliando fuori numerosi “piantamestoli” come si suol dire in gergo amatoriale. A circa metà gara, si promuove Alessandro Spampani dell’Olimpia Cyling Team, su di lui si riportano altri atleti, prima Roberto Maggioli del Ciclomillennio, poi Marco Silvestri della Cicli Falaschi. Il trio se ne va, grazie anche al controllo della Falaschi sul gruppo, smorzando ogni tentativo di chiusura.
Giunti alla rampa finale che porta al traguardo, è lo spunto di Marco Silvestri, categoria M5, della Cicli Falaschi, ad avere la meglio su Roberto Maggioli del Ciclomillennio, terzo Alessandro Spampani, vincerà la categoria M6, dietro il gruppo sarà regolato in volata da Francesco Aldrovrandi del Gc Bike Soliera, seguito da Alessio Freschi del Team Bike Ballero e Gianni Bonamici del Gs Emicicli, vittoria in categoria M7 per Franco Bensi del Team Stefan e in categoria Donne, vittoria a Chiara Turchi del Ciclo Team San Ginese.







































Nazionale XCO - A Daniele Braidot la Mediterranean Epic 2021
Azzurri che dominano le classifiche finali con anche i secondi posto di Luca Braidot e Chiara Teocchi e il terzo di Martina Berta, vincitrice oggi dell'ultima frazione in volata su Eva Lechner
La prima uscita internazionale della Nazionale XCO si chiude con un trionfo. Anche nell’ultima tappa della Mediterranean Epic 2021 gli azzurri si rendono protagonisti, come nelle precedenti giornate: "La cosa che mi ha fatto più piacere - commenta il CT Mirko Celestino - è che siamo riusciti a conquistare il premio quale miglior Team per tutti e quattro giorni, a conferma che, aldilà dei singoli, ci siamo comportati veramente bene."
Il valore della corsa, per quanto di peso, vista anche la partecipazione dei maggiori protagonisti dell'attività internazionale a cominciare dalla campionessa del mondo marathon Ramona Forchini (che ha vinto la classifica finale donne), è comunque relativo, visto che siamo all'inizio della stagione e la condizione è ancora approssimativa. Questo, però, non toglie che una prova di forza come quella fornita dagli azzurri anche nell'ultima giornata di gara fa bene al morale e fornisce la spinta giusta per programmare con tranquillità il resto della stagione.
Al termine di quattro intensi giorni gli Azzurri occupano in modo evidente i podi finali della competizione. Tra gli uomini primo posto per Daniele Braidot, secondo per Luca e terzo per l'austriaco Daniel Geismayr. Tra le donne dietro la campionessa del mondo Forchini ci sono Chiara Teocchi e Martina Berta.
Nella tappa conclusiva di oggi, tra gli uomini, Daniele e Luca Braidot, spalleggiati da Nadir Colledani (che si è ripreso dopo la crisi di fame di ieri,) hanno conservato con tranquillità le posizioni nelle generale. Sono entrati nei cinque dell'ordine di arrivo odierno alle spalle del vincitore di giornate, quel Kulhavy che quando sente odore di Olimpiadi sembra non invecchiare mai (lo ricordiamo oro a Londra nel 2012 e argento a Rio nel 2016).
Tra le donne le quattro azzurre (Berta, Teocchi, Lechner e Seiwald) hanno dato vita ad una cronosquadre nella parte finale di gara, nel tentativo di strappare la maglia di leader alla Forchini. Non sono riuscite nell'intento (la svizzera ha chiuso quinta staccata di poco più di 1'), ma hanno occupato i primi quattro gradini della tappa. Successo, in volata, di Martina Berta davanti a Eva Lechner e Chiara Teocchi. Leggermente più staccata Greta Seiwald. "Non sono riuscite a far perdere la maglia alla campionessa del mondo - ha commentato al termine Celestino -, ma al traguardo erano sorridenti e contente della gara e del fatto che si sono giocate la vittoria tra loro. Un atteggiamento di grande professionalità che dimostra anche il piacere di stare insieme, confrontarsi e divertirsi: questo è il segreto per allenarsi e crescere nel migliore dei modi."
Il bilancio finale da parte del tecnico azzurro è logicamente più che positivo. "Ottima organizzazione con protocolli rigorosi e la possibilità di poter seguire la gara in tempo reale in tutte le sue fasi. Per quanto ci riguarda, più di così non si poteva ottenere. Abbiamo vinto la classifica di miglior Team per il quarto giorno di seguito e, come dicevo all'inizio, questo è il dato tecnicamente più interessante. Si tratta di una conferma che siamo partiti con il piede giusto per una stagione che si annuncia impegnativa ma che probabilmente avrà poche occasioni per il confronto internazionale."
Ordine di arrivo 4^ tappa
UOMINI
1 Jaroslav Kulhavy (Cze) in 1h48'25" 2 Martin Stosek (Cze) a 3" 3 Daniele Braidot (Ita) 4 Luca Braidot (Ita) 5. Daniel Geismayr (Trek Pirelli) a 4" 7. Nadir Colledani a 10"
DONNE
1 Martina Berta (Ita) in 2h09"40" 2 Eva Lechner (Ita) 3 Chiara Teocchi (Ita) 4 Greta Seiwald (Ita) a 59" 5 Ramona Forchini (Svi) a 1'18
PODI FINALI
UOMINI - 1. Daniele Braidot (Ita); 2. Luca Braidot (Ita); 3. Daniel Geismayr (Trek Pirelli) . DONNE - 1. Ramona Forchini (Svi); 2. Chiara Teocchi (Ita); 3. Martina Berta (Ita).






















































COPPI E BARTALI: Festa danese con Vingegaard e Honoré
Al primo la classifica finale, al secondo l'ultima tappa di Forlì
Forlì (FC) – Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma) ha vinto la classifica generale finale della Settimana Internazionale Coppi e Bartali. Il 24enne danese, a segno nelle tappe di Sogliano al Rubicone e di San Marino, si è classificato oggi al secondo posto nella quinta e ultima tappa con arrivo a Forlì, battuto, nello sprint a due, dal compagno di attacco e connazionale Mikkel Frølich Honoré (Deceuninck – Quick-Step).
La tappa odierna, che prevedeva sette giri del circuito della Rocca delle Caminate, ha visto al comando a lungo un gruppetto di sette unità: Honorè (Deceuninck-QuickStep), Carboni (Bardiani), Jorgensen (Movistar), Swift (Ineos-Grenadiers), De Marchi (Israel StartUp), Osorio (Caja Rural) e Fancellu (Eolo-Kometa), raggiunti poi dal gruppo al km 149, a meno di 20 chilometri dalla conclusione. In quel momento al comando si è formato un drappello di quindici unità dal quale, a sei chilometri dall’arrivo, hanno allungato Honoré e Vingegaard. I due battistrada hanno trovato immediatamente l’accordo e per gli inseguitori non c’è stato nulla da fare.
Sul traguardo di Piazza Saffi ad imporsi nello sprint ristretto è stato Mikkel Honoré che ha preceduto il connazionale Vingegaard mentre in terza posizione, a 19″, ha concluso il neozelandese Shane Archbold (Deceuninck Quick Step).
Vingegaard si aggiudica pertanto la classifica generale (maglia Regione Emilia Romagna) e la classifica a punti (maglia Selle SMP), mentre il colombiano Alejandro Osorio (Caja Rural) si è imposto nella classifica GPM (maglia SIDI) e il britannico Ethan Hayter (Ineos Grenadiers) ha vestito la maglia Felsioneo di vincitore della classifica giovani (foto Bettini).
5^ TAPPA
1 Mikkel Honoré (Dan, Deceuninck-QuickStep) in 3h59'40” 2 Jonas Vingegaard (Dan, Jumbo-Visma) 3 Shane Archbold (Ola, Deceuninck-QuickStep) a 19” 4 Ethan Hayter (Gbr, Ineos Grenadiers) 5 Juan Ayuso Pesquera (Spa, Team Colpack Ballan) 6 Jonathan Lastra Martinez (Spa, Caja Rural-Seguros RGA) 7 Ilan Van Wilder (Bel, Team DSM) 8 Javier Romo Oliver (Spa, Astana-Premier Tech) 9 Paul Double (Gbr, Mg.k Vis VPM) 10 Ben Hermans (Bel, Israel Start-up Nation)
CLASSIFICA GENERALE FINALE:
1 Jonas Vingegaard (Dan, Jumbo-Visma) in 19h03'47” 2 Mikkel Frølich Honoré (Dan, Deceuninck – Quick Step) a 22” 3 Nick Schultz (Aus, Team Bikeexchange) a 32” 4 Ethan Hayter (Gbr, Ineos Grenadiers) a 36” 5 Javier Romo (Spa, Astana – Premier Tech) a 39” 6 Ben Hermans (Bel, Israel Start-Up Nation) a 40” 7 Mauri Vansevenant (Bel, Deceuninck – Quick Step) a 46” 8 Sergio Henao (Col, Team Qhubeka) a 1'08” 9 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri, Trek – Segafredo) a 1'14” 10 Ilan Van Wilder (Bel, Team Dsm) a 1'18”








































Tutti in gruppo sui Colli, scatta il blitz: ciclisti multati di 280 euro

MONSELICE - Tutti in gruppo, pedalando a contatto di gomito. Poco importa che i Colli Euganei siano da una settimana in zona rossa e quindi inaccessibili agli spostamenti da fuori comune.
Si sono contati a centinaia, dalla prima mattinata di ieri, 20 marzo, i ciclisti che hanno voluto sfidare il divieto imposto dalle limitazioni anti Covid. A molti è andata bene, nonostante la decina di posti di controllo allestiti dalla polizia locale e dai carabinieri.

LE RISPOSTE
Gli addetti ai controlli non hanno voluto imporre il codice di tolleranza zero controllando uno dopo l'altro gli appassionati dei pedali. La sanzione è stata però inevitabile per i più indisciplinati, pronti a reagire in modo indispettito alle contestazioni degli uomini in divisa. Quattro corridori sono stati puniti con una sanzione di 280 euro, ossia l'importo minimo previsto dalle misure del Dpcm dell'ottobre scorso. In caso di recidiva la multa che li attende sarà di 560 euro.

«Ci ha colpito - ha detto Albino Corradin, il comandante della polizia locale di Monselice e Galzignano che ha coordinato i controlli - l'atteggiamento di protervia di alcuni ciclo amatori controllati. Uno di loro ha fatto notare di aver comprato una bicicletta dal valore di oltre 10 mila euro e di avere il diritto ad usarla.
Altri hanno protestato asserendo che la libertà di muoversi lungo i loro abituali percorsi era sacro santa.
Altri ancora ci hanno invitato a scovare i trasgressori delle norme anti virus nei centri commerciali o nei bar e non fra quanti di dedicano alla pratica sportiva». Inutili ovviamente le proteste.

CHI PUÒ
Perché gli unici ciclisti che ieri avrebbero potuto muoversi sarebbero stati solo gli atleti, professionisti o dilettanti, tesserati per società partecipanti alle manifestazioni agonistiche inserite negli elenchi del Coni. Fra queste figurano anche le manifestazioni di interesse nazionale indette della Federazione Italiana Triathlon.
Solo i questi casi, infatti, è consentito lo spostamento dalla residenza, da giustificare attraverso l'autodichiarazione.

Non solo. Per ciascun ciclista autorizzato a varcare i confini del proprio comune per svolgere l'allenamento, resta fermo l'obbligo del distanziamento di almeno due metri.
In realtà, però, nelle faq del Governo al decreto è previsto lo spostamento in solitaria fuori comune purchè si parta dalla residenza e poi si rientri.
Per la maggioranza dei ciclisti sorpresi ieri sulle strade dei Colli Euganei, invece, l'invito ad inforcare la bici e sfidare la zona rossa, è viaggiato attraverso i tam tam dei social.
Via Whatsapp, decine di amatori si sono dati appuntamento nei luoghi di raduno abituale.
Non è mancato alle faccia del rispetto delle norme di distanziamento l'affollamento dei piazzali antistanti i bar, prima che i ciclisti improvvisassero successivamente chiassosi caroselli in salita e discesa lungo strade vuote. L'invasione delle strade dei colli è diventata ancora più suggestiva per i ciclisti davanti alle strade deserte da altri veicoli bloccati dalla zona rossa.

Dai controlli degli agenti e dei carabinieri sono emersi anche altri particolari curiosi. Come quello connesso alla distanza percorsa dai ciclisti controllati. Molti di loro avevano già all'attivo 60/70 km dal comune di provenienza. A nulla sono serviti a dissuaderli gli avvisi a non allontanarsi dal proprio centro di residenza pubblicati sui siti web delle associazioni e delle federazioni ciclistiche.
L'assalto si è allentato nel primo pomeriggio anche per il repentino cambiamento del meteo, culminato in una breve nevicata sulle cime. I controlli proseguiranno anche oggi per blindare i colli da una nuova calata di ciclisti non autorizzati.

E non è detto che stavolta, davanti ad appassionati recidivi, non scatti il codice della tolleranza zero.
FONTE : ILGAZZETTINO.IT
























































BUONA LA PRIMA - TRE LE SOCIETA' LAZIALI PRESENTI NELLA TOP TEN A SCERNE DI PINETO

3. Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi) - 5. Marco Caferri (Team Coratti-As Roma Ciclismo) - 7. Federico Minori (Team Logistica Ambientale)

Trofeo GLS-GS: a Scerne di Pineto la prima in Abruzzo juniores è dell’abruzzese Simone Aielli
La Vini Fantini-Sportur-Free Bike e il suo portacolori abruzzese Simone Aielli hanno messo il proprio sigillo sul Trofeo GLS-GS a Scerne di Pineto, nella gara di apertura della stagione ciclistica su strada riservata alla categoria juniores.
La manifestazione è pienamente riuscita sotto tutti i punti di vista, a cominciare dall’aspetto organizzativo messo a punto con successo dal Team Go Fast di Andrea Di Giuseppe che ha retto al ragguardevole numero di atleti (165) convenuti a Scerne di Pineto da quasi tutta Italia, il tutto sotto l’attenta supervisione tecnica di Pasquale Parmegiani e del comitato regionale FCI Abruzzo del presidente Mauro Marrone, anche sul fronte della sicurezza anti Covid-19 con il protocollo sanitario rispettato scrupolosamente da tutte le squadre partecipanti (24) e dagli addetti ai lavori.
Coprendo 10 giri prevalentemente pianeggianti di un circuito di 8 chilometri, intervallato da un leggero tratto in ascesa di circa 2 chilometri al 2%, tra la zona industriale di Scerne di Pineto e Torre San Rocco, a conquistare onorevolmente la scena con una fuga in solitaria (massimo vantaggio entro i 40 secondi) è stato Giulio Pellizzari dell’UC Foligno che ha poi subito il rientro dei contrattaccanti Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi), Lorenzo Montanari (Sidermec-F.lli Vitali), Igor Dario Belletta e Gabriel Fede (GB Junior Team) a tre giri dalla fine.
Nuovo affondo al penultimo giro per Pellizzari, stavolta in compagnia di Fede ma senza scampo per entrambi, visto che il gruppo era lanciato verso la volata a ranghi compatti condizionata da una caduta ai 200 metri che ha coinvolto una quindicina di atleti.
Aielli è riuscito a far valere il suo spunto veloce, imponendosi di misura su Karim Venturi (Deka Riders Team Bike Romagna), Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi), Igor Dario Belletta (GB Junior Team), Marco Caferri (Team Coratti-As Roma Ciclismo), Federico Di Mauro (Gulp Pool Val Vibrata-Pedale Rossoblu), Federico Minori (Team Logistica Ambientale), Lorenzo Montanari (Sidermec - F.lli Vitali), Luca Santanafessa (Scap Trodica di Morrovalle) e Armando Lettiero (Cps Professional Team) entro la decima posizione.
Si sono evidenziate le buone performances di Lorenzo Sorgi e Samuele Colanero, non molto lontano dai migliori che hanno fatto la volata finale (ben supportati dagli altri tre compagni di squadra Oreste Marocco, Paolo Giuliani e Ugo Di Paolo), onorando al meglio il fattore campo nella gara allestita in casa dal Team Go Fast nel giorno in cui il sodalizio di Roseto degli Abruzzi ha fatto ufficialmente il proprio debutto nel panorama agonistico juniores.
ORDINE D’ARRIVO TROFEO GLS/GS
1. Simone Aielli (Vini Fantini-Sportur-Free Bike) 80 chilometri in 1.53’00” media 42,478 km/h 2. Karim Venturi (Deka Riders Team Bike Romagna) 3. Vittorio Carrer (Team Bike Terenzi) 4. Igor Dario Belletta (GB Junior Team) 5. Marco Caferri (Team Coratti-As Roma Ciclismo) 6. Federico Di Mauro (Gulp Pool Val Vibrata-Pedale Rossoblu) 7. Federico Minori (Team Logistica Ambientale) 8. Lorenzo Montanari (Sidermec - F.lli Vitali) 9. Luca Santanafessa (Scap Trodica di Morrovalle) 10. Armando Lettiero (Cps Professional Team)

















































XCO LAZIO CUP - Successo per la 1^ tappa di Mentana
La prova era valida anche anche per l’assegnazione delle maglie di campione regionale cross country 2021 del Lazio.
MENTANA - Apertura affollata per la stagione ciclistica laziale 2021 a Mentana con la la prima tappa dell’XCO LAZIO CUP che ha visto schierati ai nastri partenza 500 biker.
Sono arrivati infatti da tutta Italia nella cittadina laziale per questa gara che era valida anche per l’assegnazione delle maglie di campione regionale cross country 2021. La prova si è disputata nel suggestivo scenario della riserva naturale di Gattaceca con un percorso ben curato dall’ASD Mentana Ciclismo. La società organizzatrice dell’evento aspettava quest’occasione dal 2020, quando la gara fu rinviata per l’emergenza Covid, ed ha messo in campo tutte la sue forze per gestire il gran numero di partecipanti portando a termine una manifestazione che ha raccolto i complimenti di tutti i presenti.
La gara, come scritto in apertura, era la prima prova del circuito XCO LAZIO CUP ideato da un affiatato gruppo di organizzatori laziali che hanno allestito un ricco calendario con ben 8 prove distribuite in tutte le province del Lazio. Presenti all’evento il neopresidente del CR Lazio Maurizio Brilli assieme al vice Pierangelo Brinchi, ai consiglieri Alfio Sciuto, Massimo Mazzetta, Guido Riccardelli, Fabio Rossetti ed al Presidente della Commissione Regionale Fuoristrada Luca Adipietro.
Fra gli ospiti anche il il Sindaco di Mentana Marco Benedetti e il Responsabile della Riserva Naturale di Gattaceca Dott. Vincenzo Buonfiglio oltre al CT del Ciclcross Fausto Scotti ed a quello dei Paralimpici Mario Valentini. Tanta battaglia nella lunga sfilza di batterie grazie alla presenza in gara di biker di alto livello nazionale. Ad impreziosire la scena anche il campione del mondo Marathon Leon Paez, sfortunato però in gara a causa di una rovinosa caduta che l’ha costretto al ritiro.
La gara che ha attirato più attenzioni è stata proprio quella degli Elite ed ha visto il successo di Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) davanti a Stefano Capponi (Pro Bike ) e Davide Giorgini (Cycling Caffè). Nelle altre categorie vittorie di Gabriele Torcianti (Bici Adventure Team) fra gli Under 23 su Raul Baldestein (Cycling Caffè) ed Enrico Natali (Raven Team). Nella gara Juniores si è imposto Carlo Cortesi (Pol. Quiliano Bike) che ha preceduto Gabriele Bertini (Vallerbike) e David Rinaldoni (Pol. Morrovallese). Successo di Tommaso Bosio (Cicli Fiorin) fra gli Allievi 1° Anno affiancato sul podio da Marco Guercilena (US Biassono) e Nicholas Travella (Cicli Fiorin) mentre Davide Donati (Monticelli Bike) prevaleva nella fascia dei secondo anno precedendo Federico Bartolini (Team Siena Bike) e Mattia Sentin (Bettini Bike).
Nelle gare degli Esordienti vittorie di Matteo Villa (Triangolo Lariano) 1° anno su Brian Ceccarelli (Olimpia Valdarnese) e Gabriele Dedè (Gagabike) con Ettore Fabbro (Jam’s Bike Team Buja) trionfatore fra i 2° anno davanti a Federico Brafa (Melavì Tirano) e Gabriele Canali (Ciclisti Valgandino). In campo femminile Angela Campanari (Super Bike Bravi) ha primeggiato fra le Donne Elite, Nefelly Mangiaterra (Super Bike Bravi) nelle Donne Under e Margherita Oggero (Elba Bike) nelle Donne Junior. Fra le Esordienti di primo anno succeso della romagnola Valentina Bravi (Ped.Fidentino) su Matile Lipparini (Castelli Romani Cycling) e Marta D’Incecco (Amici della Bici Junior).
Nella fascia donne Esordienti 2° anno vittoria di Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese) davanti ad Alice Pascucci (Biciadventure) ed Ilaria Tambosco (Jam’s Bike Team Buja). Rimanendo sempre fra le ragazze la ligure Alice Temperoni (Ciclistica Bordighera) si è aggiudicata la gara delle Allieve primo anno precedendo Giulia Rinaldoni ( Pol. Morrovallese) ed Elisa Lanfranchi (Ciclisti Valgandino).
Fra le sedicenni invece il succcesso è andato a Valentina Corvi (Melavì Tirano) su Vittoria Rizzo (Termo La Spezia) e Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli).
Per chiudere i vincitori delle batterie riservate ai Master: ELITE MASTER SPORT Valerio Piancatelli (Team Bike Palombara Sabina), JUNIOR MASTER SPORT Mirco Lancianesi (Paco Team), MASTER DONNA Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team), MASTER 1 Roberto Rinna (Piesse Cycling), MASTER 2 Giovanni Gatti (GM Bike), MASTER 3 Mirco Balducci (Tondi Sport), MASTER 4 Riccardo Poggiali (Biking Racing Team), MASTER 5 Mariano Zoco (Team Bike Palombara Sabina), MASTER 6 Massimo Rizzo (Termo La Spezia), MASTER 7 Stefano Salvadori (KTM Scatenati), MASTER 8 Luciano Quintarelli (Team Bike Palombara Sabina).
CAMPIONI REGIONALI XCO LAZIO 2021
ELITE Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) UNDER 23 Raul Baldestein (Cycling Caffè Racing Team) DONNE ELITE Elena Spadaccia (Mentana Ciclismo) JUNIORES Gabriele Giuseppetti (Cycling Caffè Racing Team) ALLIEVI 1° ANNO Leonardo Consolidani (Tuscia Bike) ALLIEVI 2° ANNO Simone Vari (Race Mountain Folcarelli) DONNE ALLIEVE 1° ANNO Sara Tarallo (Team Bike Terenzi) DONNE ALLIEVE 2° ANNO Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli) ESORDIENTI 1° ANNO Vincenzo Carosi (Tuscia Bike) ESORDIENTI 2° ANNO Marco Petrolati (SS Lazio Ciclismo) DONNE ESORDIENTI 1° ANNO Matilde Lipparini (Castelli Romani Cycling) DONNE ESORDIENTI 2° ANNO Sara Petracca (Team Bike Terenzi) ELITE MASTER SPORT Valerio Piancatelli ( Team Bile Palombara Sabina) JUNIOR MASTER SPORT Mirco Lancianesi (Paco Team) MASTER WOMAN 1 Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team) MASTER WOMAN 2 Mariangela Roncacci (Race Mountain Folcarelli) MASTER 1 Roberto Rinna (Piesse Cycling) MASTER 2 Giovanni Gatti (GM Bike) MASTER 3 Giovanni Pensiero (HGV Cicli Conte Fans Bike) MASTER 4 Fabrizio Paris (ASD Tbk 3.0) MASTER 5 Mariano Zoco(Team Bike Palombara Sabina) MASTER 6 Massimo Foschi (Pro Bike Riding Team) MASTER 7 Mario Tozzi (APD Ciociaria Bike) MASTER 8 Antonio Bufalini (APD Ciociaria Bike)
FOTO : Bit & Led Foto Grafica















































































Jasper Stuyven colpo vincente a Sanremo
Il corridore belga primo sul traguardo di via Roma davanti a Ewan e van Aert
Sanremo, 20 marzo 2021 – La 112a edizione della Milano-Sanremo presented by Eolo si preannunciava quanto mai aperta con tanti campioni in grado di vincerla e il finale non ha deluso le attese.
L'azione decisiva quando mancavano 2.5 chilometri al traguardo di via Roma. Jasper Stuyven ha attaccato fuoriuscendo dal primo gruppo. È stato poi raggiunto poco dopo da Soren Kragh Andersen, mentre gli altri favoriti della vigilia sono rimasti a guardarsi un attimo di troppo, anche a causa della presenza del velocista Caleb Ewan, che aveva tenuto le ruote dei migliori sul Poggio nonostante un attacco in salita del campione del mondo Julian Alaphilippe.
L'affondo di Stuyven si è rivelato decisivo, con il belga che ha rilanciato negli ultimi 300 metri resistendo al ritorno di Caleb Ewan, secondo davanti al vincitore dell'anno scorso Wout van Aert, quarto Peter Sagan e quinto Mathieu van der Poel, mentre Kragh Andersen è stato riassorbito dal gruppo è ha chiuso al nono posto.
La prima parte della corsa era stata caratterizzata da una fuga partita poco dopo il via composta inizialmente da Filippo Tagliani e Mattia Viel (Androni Giocattoli - Sidermec), Andrea Peron e Charles Planet (Team Novo Nordisk), Mathias Norsgaard Jørgensen (Movistar Team), Nicola Conci (Trek - Segafredo), Alessandro Tonelli (Bardiani CSF Faizane') e Taco Van Der Hoorn (Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux), ultimo ad essere ripreso sulla Cipressa ai meno 24 km dal traguardo.
Il vincitore Jasper Stuyven, ha dichiarato in conferenza stampa: "Sul Poggio tutti aspettavano che qualcuno facesse esplodere la corsa. Sono riuscito a restare nel gruppo di testa e quando abbiamo scollinato ho deciso che avrei dovuto attaccare. O tutto o niente, mi sono detto. Meglio provarci piuttosto che finire piazzato. Non c'erano più gregari ma i tre grandi favoriti [Van der Poel, van Aert, Alaphilippe] erano lì. Sapevo che si sarebbero guardati un po' l'un l'altro. Chi avrebbe provato ad inseguirmi per primo non avrebbe vinto. Dopo la discesa, nel finale, ho gestito al meglio fatica e sforzo, poi ho fatto trenta secondi a tutta. Ho visto che Soren [Kragh Andersen] stava arrivando, mi ha aiutato un po’. Quando ha rilanciato mi ha portato al limite. Ho dovuto credere nelle mie possibilità fino al traguardo. Dietro altri corridori stavano rientrando. Sono stati i metri più duri della mia carriera. Non è la prima corsa che ho vinto così ma conquistare una Classica Monumento è incredibile e unico. Alla vigilia c’erano altri corridori più attesi di me, è normale visti i risultati di questa prima parte di stagione ma ciò non significa che parto già battuto. Se credi in te stesso, nessuno è imbattibile, questa è la mentalità giusta per vincere e questo è il mio approccio per ogni gara."
Il secondo classificato, Caleb Ewan, ha detto: "La prima volta che sono arrivato secondo alla Milano-Sanremo [2018] ero molto felice, era un ottimo risultato per me. Il mio piazzamento di oggi conferma che in futuro potrei vincere questa corsa ma in realtà adesso sono deluso. Sapevo star bene. Questa gara rappresentava uno degli obiettivi principali della stagione. Mi sono allenato specificamente per il Poggio, simulando più volte questa salita. Ero davvero in una buona posizione nel finale, ho sofferto un po’ gli allunghi ma sono riuscito comunque a restare davanti. Sarebbe stato bello avere almeno un compagno di squadra per controllare meglio il gruppo. Il finale della Milano-Sanremo è sempre una lotteria. Alla fine ho provato a fare una volata lunga, era l’unica cosa che potevo fare per provare a vincere. Purtroppo abbiamo aspettato troppo, magari la prossima volta andrà meglio...."
Il terzo classificato, Wout van Aert, ha dichiarato: "È stata come sempre una discesa del Poggio molto veloce. Una volta arrivati nel tratto in pianura finale Jasper ha attaccato: ha fatto davvero una bella azione. Molti in gruppo mi hanno guardato, si aspettavano una mia reazione. Ho provato a riportarmi sotto ma non è bastato a riprendere Jasper e poi anche Caleb Ewan mi ha superato sul traguardo. Oggi c’erano tanti corridori in grado di vincere e si è visto nel finale quando siamo arrivati in cima al Poggio con un gruppo ancora grande. Ho provato ad attaccare con Julian Alaphilippe ma non siamo riusciti ad andarcene. A quel punto ho deciso che avrei aspettato la volata per giocarmi le mie carte. Ha vinto un gran corridore e devo essere soddisfatto del mio terzo posto."
ORDINE D'ARRIVO
1 - Jasper Stuyven (Trek - Segafredo)- 299 km in 6h38'06" alla media di 45.064 km/h 2 - Caleb Ewan (Lotto Soudal) s.t. 3 - Wout van Aert (Jumbo-Visma) s.t. 4 - Peter Sagan (Bora - Hansgrohe) s.t. 5 - Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix) s.t.






















































Mancata liberatoria agli allenamenti per le ASD e SSD degli EPS in zona rossa

È finito il tempo di chiedere. Gli Enti di Promozione Sportiva hanno sempre agito per raccogliere il grido di aiuto del mondo dello Sport di base e le migliaia di ASD e SSD e i loro collaboratori sportivi che rischiano la morte per annegamento dentro questo Titanic diviso in classi sociali. Siamo stufi di essere trattati come passeggeri di terza classe!

A questo punto non basta neanche più denunciare la “paradossale” situazione che si sta verificando ormai da settimane: gli unici Organismi Sportivi che non possono svolgere la loro mission in questo Paese, sono gli Enti di Promozione Sportiva, riconosciuti a tutti gli effetti dal CONI.

Diciamo “paradossale” e aggiungiamo anche “controversa” e “ambigua, riferendoci alla motivazione per cui dopo averci illusi e fatti adeguare a tutti gli standard protocollari contro il contagio da Covid, a parità di identici protocolli con gli altri Organismi Sportivi (che molti EPS hanno deciso di applicare non senza tremendi sacrifici per le loro ASD e SSD), il Governo continua a farci intendere che un atleta con doppia tessera rischia il contagio solo con noi, non con gli altri. Una situazione che favorisce posizioni di privilegio inaccettabili!
Per la dignità e la storia del nostro mondo, lo Sport di base con la ’S’ maiuscola. Quello che va a portare salute e benessere nei territori dimenticati, nei quartieri abbandonati, nei centri di accoglienza e nelle carceri entro cui in pochi vogliono sporcarsi le mani, tutti incensano riempiendosi spesso la bocca di frasi fatte ma che poi in un momento così decisivo, senza vergogna, si ignora e si umilia nei fatti. Siamo responsabili e consapevoli che il tema primario è la salute dei nostri praticanti!
Chiediamo ora alla Sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali – che di questo provvedimento non ne è certo responsabile essendo stata nominata solo successivamente – un incontro imminente che possa sfociare finalmente in un intervento riparatorio, nonché decisivo e dirimente, volto a superare la grave disparità di trattamento che stiamo subendo da mesi e in particolare a causa delle evidenti pregiudiziali contenute nell’ultimo DPCM del 2 marzo 2021.
Se è vero – come non dubitiamo assolutamente – che Vezzali tiene davvero allo Sport di Base come da lei stessa dichiarato appena resa pubblica la sua nomina, ora avrà l’occasione di scrivere la parola fine a questo scempio che mette a rischio proprio quel “universo di società – parole di Vezzali – lavoratori sportivi, ma anche volontari ed appassionati e, soprattutto, tanti ragazzi, che stanno soffrendo più di altri per le costrizioni conseguenti alla pandemia, ed ai quali è stata tolta la bellezza della pratica sportiva e soprattutto i benefici, anche in termini di benessere e salute”.
Dopo un anno di pandemia, è arrivato il momento delle decisioni importanti e improcrastinabili, occorre definire gli ambiti di attività tra i diversi organismi sportivi, pena la parola fine a un’intera classe imprenditoriale e sociale dello sport e – ancor peggio – a un’intera generazione nata e cresciuta col marchio ‘Covid’ e che rischiamo di perdere in termini di pratica sportiva, quindi anche di salute, benessere e prevenzione sanitaria. Abbiamo sempre collaborato in maniera ferma e costruttiva per favorire i milioni di tesserati che condividono la nostra concezione di sport, ci troviamo ora costretti, nostro malgrado,

in caso di ulteriore nuova mancata liberatoria agli allenamenti per le ASD e SSD degli EPS che in zona rossa rispettano gli stessi protocolli di altri organismi sportivi, a ricorrere ad ogni forma di adeguata tutela per far valere i nostri diritti e quelli dei nostri associati.

Come Vezzali, anche gli Enti di Promozione Sportiva e le ASD e SSD a loro affiliate sono da sempre animati da spirito di servizio, dedizione e amore per la pratica sportiva. Quella che ad oggi, con decisioni prese a nostro discapito in maniera impari e discriminatoria rispetto ad altri organismi sportivi nazionali, ci stanno invece mortificando.
Le FAQ del Governo tornano a relegare gli EPS ad organismi di terza classe, destinati a morire affogati nei bassifondi di questo Titanic che continua ad affondare. L’aria che respiriamo invece è la stessa di tutti! Il nostro ruolo e la dignità delle nostre associazioni e dei nostri tesserati esigono il massimo rispetto.
Antonino Viti – ACSI Bruno Molea – AICS Luca Stevanato – ASC Claudio Barbaro – ASI Luigi Fortuna – CSAIN Francesco Proietti – CSEN Vittorio Bosio – CSI Luigi Musacchia – CSN Libertas Antonio Dima – CUSI Paolo Serapiglia – ENDAS Gian Francesco Lupattelli – MSP Marco Perissa – OPES Ciro Bisogno – PGS Tiziano Pesce – UISP Damiano Lembo – US Acli A Ceri















































































104 Giro d’Italia
a Corsa Rosa muoverà da Torino, nell’anno del 160° Anniversario dell’Unità d’Italia, e farà le sue prime tre tappe in Piemonte. Nel settecentesimo anniversario della morte di Dante Alighieri, Ravenna (dove il Sommo Poeta è sepolto) e Verona ospiteranno partenza e arrivo della 13^ tappa senza dimenticare Foligno dove fu stampata, nel 1472, la prima Divina Commedia. La Wine Stage di questa edizione sarà la Perugia – Montalcino (Brunello) con molti tratti di Strade Bianche nel finale. La Siena (partenza da Piazza del Campo) – Bagno di Romagna vivrà nel ricordo dell’indimenticato Alfredo Martini, nei 100 anni della nascita, e sarà anche la Tappa Bartali.
La corsa toccherà, infatti, sia Sesto Fiorentino che Ponte a Ema città natale di Bartali. Ritorna l’arrivo sul Monte Zoncolan dal versante di Sutrio. La Cima Coppi sarà il Pordoi (2.239 m) inserito nel tappone dolomitico che prevede anche il Passo Fedaia (Montagna Pantani di questo Giro) e il Passo Giau e l’arrivo a Cortina d’Ampezzo sede delle Olimpiadi Invernali del 2026. Gran finale a Milano con una cronometro di 29,4 km che partirà da Senago. Due gli sconfinamenti della Corsa Rosa: in Slovenia nella Grado – Gorizia e in Svizzera nella Verbania – Valle Spluga/Alpe Motta. Il dislivello totale del Giro d’Italia 2021 sarà di 47.000 m.
LA GRANDE PARTENZA E LA PRIMA SETTIMANA
A 10 anni di distanza dall’ultima volta, e nel 160° Anniversario dell’Unità d’Italia, Torino e la Regione Piemonte ospiteranno la Grande Partenza del Giro d’Italia. La prima frazione sarà una cronometro individuale di 9 chilometri per le vie di Torino; la seconda una tappa adatta ai velocisti da Stupinigi (Nichelino) a Novara (173 chilometri) mentre la terza partirà da Biella per terminare a Canale dopo 187 km (tappa mossa adatta ai finisseur o ai colpi di mano). Primo arrivo in salita, nella quarta tappa, a Sestola con partenza da Piacenza. La parola ai velocisti nella Modena - Cattolica di mercoledì 12 maggio. Sesta frazione molto insidiosa con 3.400 metri di dislivello che porterà il gruppo dalle Grotte di Frasassi ad Ascoli Piceno (San Giacomo) con due Gpm nel mezzo e l’arrivo posto quota 1090 m. La Notaresco – Termoli (178 km) è una tappa adatta ancora alle ruote veloci del gruppo. Sabato 15 maggio la Foggia – Guardia Sanframondi (173 chilometri) con ancora difficoltà altimetriche (3.400m di dislivello) con il GPM di Bocca della Selva a 53 km dal traguardo. Inedito arrivo in salita in Abruzzo, a Campo Felice, nella frazione di domenica 16 maggio con partenza da Castel di Sangro. Una tappa con ancora 3.400 m di dislivello che prevede tre Gran premi della Montagna prima dell’erta finale. La 10^ tappa di lunedì 17 maggio, da L’Aquila a Foligno, potrebbe adattarsi a fughe da lontano o colpi di mano nel finale. Martedì 18 è previsto il primo giorno di riposo del Giro.
LA SECONDA SETTIMANA
Si riparte, mercoledì 19, con una tappa che promette spettacolo da Perugia a Montalcino (Brunello di Montalcino Wine Stage) con una prima parte ondulata mentre negli ultimi 70 chilometri 35 saranno di Strade Bianche. L’ultimo arrivo a Montalcino, nel 2010, vide Cadel Evans aggiudicarsi la tappa in Maglia Iridata in una giornata contraddistinta dalla pioggia e dal fango. La Siena – Bagno di Romagna (Tappa Bartali) renderà omaggio a due uomini speciali che hanno reso grande il ciclismo: Gino Bartali e Alfredo Martini. La corsa toccherà, infatti, sia Ponte a Ema che Sesto Fiorentino per concludersi a Bagno di Romagna dopo 3 GPM e 3.700m di dislivello. Nel ricordo di Dante Alighieri, nel settecentesimo anniversario dalla morte, la 13^ tappa da Ravenna (dove il Sommo Poeta è sepolto) a Verona che attende gli sprinter. Sabato 22 maggio, con partenza da Cittadella, è il giorno del temuto Zoncolan (si sale dal versante di Sutrio). L’unica volta che fu affrontato da quel versante risale al 2003 con la vittoria di Gilberto Simoni. La Grado –Gorizia, frazione adatta ai finisseur, prevede un circuito, da ripetere tre volte, che sconfinerà nella vicina Slovenia. La Sacile – Cortina d’Ampezzo, di lunedì 24 maggio, chiuderà la seconda settimana. E’ il tappone Dolomitico con il Passo Fedaia (Montagna Pantani), il Passo Pordoi (Cima Coppi) e Il Passo di Giau prima del traguardo nella città che ospiterà nel 2026 le Olimpiadi Invernali.
LA TERZA SETTIMANA
Dopo il secondo giorno di riposo si riparte con un’altra tappa di montagna da Canazei a Sega di Ala (arrivo in salita inedito per il Giro). Da scalare, prima dell’ascesa finale, il Passo san Valentino. Giovedì 27 maggio, la 18^ tappa da Rovereto a Stradella. Una frazione insidiosa con diversi strappi nel finale tra le colline dell’Oltrepò Pavese. Muoverà da Abbiategrasso la tappa numero 19 che terminerà sull’Alpe di Mera in Valsesia (arrivo inedito). Questa frazione con 3.700m di dislivello comprende anche l’ascesa del Mottarone e quella della Colma di Varallo. Da Verbania partirà una tappa contrassegnata da 5 stellette di difficoltà e 4.800 m di dislivello che terminerà sull’Alpe di Motta nella Valle Spluga in Valtellina. Da scalare anche il Passo San Bernardino e il Passo dello Spluga, due salite che porteranno il gruppo oltre i duemila metri. Gran finale, domenica 30 maggio, con una cronometro individuale di 29,4 km che partirà da Senago e terminerà sotto il Duomo di Milano.































































La Bikelab Roma-team Astolfi chiude la stagione del ciclocross con una roboante vittoria a Sant’Elpidio a Mare .

Sant’Elpidio a Mare - 31 Gennaio 2021- 1° trofeo Relax – 1° trofeo WellFit.

Ospiti oggi di Sant’Elpidio a Mare , la città occupa il territorio appartenuto all'antica città romana degli Stortini, distrutta dai Goti nei primi anni del 400.Nell'887, nella stessa zona della città distrutta, fu fondata una delle più antiche e potenti abbazie benedettine delle Marche: l'"Abbazia imperiale di Santa Croce al Chienti". Il borgo medievale, conosciuto con il toponimo di "Castello di Sant'Elpidio", sorse nell'XI secolo sul colle nella cui sommità è ospitata la chiesa della Madonna dei Lumi.Questa città è caratterizzata da Elpidio un poderoso cavaliere dei tempi, che salvò la città da un incredibile assalto, onorato appunto, dando il suo santo nome alla città:Sant'Elpidio. Elpidio è stato un eremita dedito alla contemplazione e alle pratiche ascetiche, originario della Cappadocia vissuto nel Piceno dove si è diffuso il suo culto; è venerato come Santo dalla Chiesa cattolica.
Sui 2 km a circuito dell’arena verde di Quota CS (percorsi in media a 6 minuti al giro) con svariati ostacoli artificiali e naturali , con il percorso interamente sterrato , leggermente allentato causa le piogge notturne, si sono dati battaglia una centuria di atleti provenienti da tutta Italia.
La mattinata agonistica e’ iniziata con la gara dei master aderenti alla f.c.i. e agli altri enti di promozione sportiva , che ha confermato la netta supremazia di Fabrizio Trovarelli (Bikelab Roma-team Astolfi – RM ) a seguire sul secondo gradino del podio Alessandro Maggi (Passatempo cycling – Osimo AN ) e sul terzo Alberto Laloni (Abitacolo Sport Club - Rapagnano FM ).
Un ringraziamento dovuto agli sponsor della asd Bikelab 2021 che hanno permesso questa ennesima trasferta in terra marchigiana : BCC Roma di piazza Monte Gennaro, Gioielleria Gambacurta , Nutritrainer , pet shop F.lli Moroni , CE.BI Service nolo attrezzature edili , A.P.I. 2000.
La seconda gara assegnava i titoli nazionali ciclocross CSI 2021 e il Lazio faceva una ottima figura ottenendo ben quattro maglie tricolori con :
Master donna 3: Claudia Cantoni (Gruppo Ciclistico Canino)
Elite sport: Gianluca Magnante (Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini)
Master 2: Luigi Serangeli (Le Mole Bike)
Master 8: Luciano Quintarelli (Team Bike Palombara Sabina)
Gara in calendario , appuntamento nelle Marche , domenica 7 Febbraio 2021 in localita’ Conceria presso il Bike Park di Fermo, tre saranno le partenze a iniziare dalle ore 9.00 .
















































Campionato Nazionale Ciclocross Csi

Sant’Elpidio a Mare - 31 Gennaio 2021

ASD LE MOLE associazione sportiva dilettantistica fondata nell’anno 2020 e situata a Santa Maria delle Mole in provincia di Roma. Svolgiamo attività di ciclismo su strada, ciclocross e mtb a livello amatoriale su tutto il territorio nazionale

Concludiamo questi due giorni in terra marchigiana con il nostro Luigi Serangeli che si aggiudica la maglia tricolore di CAMPIONE ITALIANO CSI CICLOCROSS cat M2, il presidende Flavio Sinapi che si aggiudica il 2 posto nella categoria M2 , e il vice presidente ROSATI PIERO Alessandra Stecca che con molta sfortuna si aggiudica il 2 posto nella categoria M4. Ringraziamo chi un anno fa ci ha aiutato per far si che la nostra piccola squadra prendesse forma:
Star Rent
Vodafone Store Albano Laziale
Alfredo Mastrantoni
Simo Streetfood
E ringraziamo a nome di tutta la squadra Gianluca Johnson Zoffoli che ci ha dato un grande aiuto per i nostri allenamenti
Un enorme grazie anche a chi ogni domenica ci supporta con qualsiasi condizione meteo







































Fabrizio Trovarelli e Cristiano Simeoni sugli scudi nella terza prova del Roma master cross.
Roma 20 Gennaio 2021- Myflyzone Roma

Una domenica da ricordare per la societa’ romana della Bikelab-team Astolfi , Fabrizio Trovarelli ripete nuovamente la prestazione della settimana precedente e sotto un vero diluvio si presenta solitario a braccia alzate al traguardo, si aggiudica cosi’ la categoria M2.
Importante risultato anche per il compagno di casacca Cristiano Simeoni che con il terzo posto odierno vince la classifica finale nella categoria ELMT , il duro lavoro paga e i risultati si vedono.

Giove Pluvio signore della pioggia e delle tempeste non ha risparmiato gli atleti qui convenuti per la terza e ultima prova del Roma Master Cross .
Nonostante le condizioni meteo avverse tutti i cicloamatori ridotti a vere e proprie maschere di fango ( non ci riferiamo a quelle termali , delicate a base di argilla e acqua termale ) non hanno lesinato gli sforzi e hanno dato il meglio del loro potenziale sul pesante tracciato del Myflyzone , percorso che si snoda all’ombra del Santuario della madonna del Divino Amore ( santuario di Roma composto da due chiese: quella antica è del 1745 e quella nuova è invece del 1999 . È una meta di pellegrinaggio cara ai romani: durante l'estate ogni sabato si tiene un pellegrinaggio notturno a piedi da Roma al santuario - Secondo la leggenda, nella primavera del 1740 un pellegrino, diretto alla basilica di San Pietro, si smarrisce nell'inospitale e insalubre campagna nei pressi di Castel di Leva, circa 12 km a sud di Roma. Scorti alcuni casali e un castello diroccato in cima ad una collina, il viandante vi si dirige sperando di trovare qualcuno che gli dia informazioni per trovare la giusta strada. Viene però assalito da un branco di cani rabbiosi che lo circondano. Il pellegrino, alzando lo sguardo, si accorge che sulla torre del castello c'è un'icona che raffigura la Vergine con il Bambino, sovrastata dalla colomba dello Spirito Santo. Invoca perciò la Madonna che lo salvi da quel pericolo. Le bestie che gli sono addosso di colpo si fermano e si dileguano. La notizia dell'accaduto si diffuse ben presto in città tanto che l'icona della Madonna a Castel di Leva divenne ben presto meta di pellegrinaggio. ).

Complimenti alla societa’ che continua a mietere successi nelle svariate discipline ciclistiche e la stagione e’ appena iniziata. Un ringraziamento agli sponsor 2021 : BCC Roma di piazza Monte Gennaro, Gioielleria Gambacurta , Nutritrainer , pet shop F.lli Moroni , CE.BI Service nolo attrezzature edili , A.P.I. 2000.

TUTTI I VINCITORI DI CATEGORIA :
- ELISP Luca Quattrini (Fiormonti team) – JUN Valerio Ambrifi ( Jeko team) - M1 Alfredo Balloni ( Balloni Accademy) - M2 Fabrizio Trovarelli (Bikelab Roma-team Astolfi) – M3 Domenico Ponzo (Piesse Cycling) – M4 Eugenio Feliziani ( Jeko team ) – M5 Giancarlo Ingegneri (Balloni Academy ) – M6 Paolo Casconi ( Paco Team ) – M7 Angelo Ciancarini (MTB Santa Marinella) - M8 Luciano Quintarelli (team bike Palombara Sabina ) – W1 Flaminia Ursino (Pro Bike Ridink Team) – W2 Claudia Cantoni (GC Canino).

















































































A Porto Recanati laureati i nuovi campioni regionali ciclocross CSI Marche
I Campionati Regionali Ciclocross CSI Marche sono stati portati a termine con successo grazie agli enormi sforzi della FD Steel, del comitato Ciclismo CSI Marche e dell’amministrazione comunale di Porto Recanati che si sono impegnati egregiamente per far sì che tutto potesse essere svolto nella massima sicurezza sul fronte Covid-19 con l’applicazione del protocollo sanitario anti contagio.
Nonostante la pioggia e il vento, erano presenti quasi tutti i migliori ciclocrossisti amatoriali dalle Marche e dalle regioni limitrofe che hanno vivacizzato il ritmo gara sui 2000 metri del percorso in riva al mare e dentro la pineta con il superamento di un breve tratto di sabbia.
Obiettivo podio raggiunto per Cristiano Santolini (Passatempo Cycling), Daniel Paoletti (Passatempo Cycling) e Christian Bufalini (Giatra Servizi Rifer Gomme) tra gli élite sport, Diego Pacifici (Extreme Bike Team) e Giacomo Viozzi (New Mario Pupilli CSI) tra gli junior sport, Alessandro Magi (Passatempo Cycling), Samuele Agostinelli (Passatempo Cycling) e Nicolò Centanni (100% Bike) tra i master 1, Emanuele Serrani (Pedale Aguglianese), Luca Re (Bike Racing Team) e Mauro Magi (Passatempo Cycling) tra i master 2, Andrea Pasquarella (Individuale), Giuseppe Paolino (UC Petrignano) e Michele Centanni (100% Bike) tra i master 3, Alberto Laloni (Abitacolo Sport Club), Alberto Gobbi (Abitacolo Sport Club) e Giovanni Raimondi (Team Co.Bo Pavoni) tra i master 4, Marco Gorietti (UC Petrignano), David Gambella (Ven Mtb) e Mauro Mercuri (Extreme Bike) tra i master 5, Carlo Tudico (Pro Life No Doping Team), Marco Gubbiotti (Bike Service Corinaldo) e Marco Brusciotti (Team Cingolani) tra i master 6, Paolo Pirani (New Mario Pupilli CSI), Giulio Conti (Polisportiva Belmontese Uisp) e Lorenzo Bufalini (Giatra Servizi Rifer Gomme) tra i master 7, Lorenzo Bissioni (Sambi Team), Claudio Frollà (Abitacolo Sport Club) e Glauco Bucci (Team Studio Moda) tra i master 8. Molto bene anche il comparto femminile, rappresentato per l’occasione da Alessandra Papa (FD Steel), Mirella Nemes (Polisportiva Belmontese Uisp) e Cinzia Zacconi (New Pupilli CSI).
“C’è stata molta soddisfazione per essere riusciti ad ospitare una gara di ciclocross a Porto Recanati – ha dichiarato il delegato allo sport Emiliano Giorgetti – ma anche per la sinergia tra la nostra amministrazione comunale, la FD Steel e il Centro Sportivo Italiano. Questo evento alla pineta può essere considerato il primo di una lunga serie con l’intento di riqualificare l’intera area”.
Un elogio va rivolto agli organizzatori FD Steel, rappresentati da Costanzo e Ettore Pierini, che hanno fatto del loro meglio per assicurare nel migliore dei modi la ripartenza del calendario Cross Cup CSI Marche a pochi giorni dallo svolgimnto dei Campionati Nazionali a Sant’Elpidio a Mare il 31 gennaio.
“Non finiremo mai di ringraziare tutti i partecipanti – ha spiegato Giampiero Conti, coordinatore regionale CSI Marche per il ciclismo - che si sono cimentati in questa manifestazione che per noi ha rappresentato lo sprone per la ripresa dell’attività nel rispetto delle normative anti Covid-19. Un grazie speciale agli organizzatori in loco della FD Steel per la dedizione e professionalità dimostrate oltre a tutte quelle persone che hanno reso possibile la buona riuscita di questa gara”.
I CAMPIONI REGIONALI CICLOCROSS CSI MARCHE 2021
Master donna 1: Alessandra Papa (FD Steel) Master donna 2: Cinzia Zacconi (New Pupilli CSI) Junior sport: Diego Pacifici (Xtreme Bike Team) Elite sport: Christian Bufalini (Giatra Servizi Rifer Gomme) Master 1: Nicolò Centanni (100% Bike) Master 2: Rametta Daniele (Giatra Servizi Rifer Gomme) Master 3: Michele Centanni (100% Bike) Master 4: Massimo Viozzi (New Pupilli CSI) Master 5: Mauro Mercuri (Xtreme Bike Team) Master 6: Roberto Marini (Studio Moda) Master 7: Paolo Pirani (New Pupilli CSI) Master 8: Glauco Bucci (Team Studio Moda)















































Roma – 17 Gennaio 2021 - Trofeo Myflyzone

Eccezionale prestazione della asd Bikelab Roma-Team Astolfi

Il portacolori della asd Fabrizio Trovarelli fa sua tappa e categoria in evidenza i compagni di casacca

Successo per il team capitolino Rosso-Nero, che nella tappa di casa svoltasi domenica 17 Gennaio 2021 a Castel di Leva (RM) , 2 prova del master cross , ottiene la prima piazza assoluta con il giovane Fabrizio Troverelli .
Nella seconda partenza riservata ai giovani dai 19 ai 44 anni Fabrizio Trovarelli ( Bikelab-Team Astolfi )con il tempo di 55,51 anticipa Ludovico Cristini ( MTB Santa Marinella ) 56.28 e l'ex professionista specialista delle gare a cronometro Alfredo Balloni ( Balloni Accademy ) 56.30.
Ottima la prova dei compagni di squadra :
Christian Astolfi che ottiene la terza piazza in categoria M2 .
Un prestigioso secondo gradino del podio ELISP-M per Cristiano Simeoni in 01.01.
Nella categoria M1 bene Davide Quadrelli con il 7° tempo in 01.01 e Domenico Cartolano con il 9 in 01.02°.

Nella prima gara riservata agli amatori master dai 45 anni in su con il tempo di 39.51 sale sul primo gradino assoluto Fabrizio Paris (asd Tbk 3.0) a seguire Eugenio Feliziani ( Jeko Team) 39.53 e medaglia di bronzo Stefano Coscia (Lazzaretti Racing Team )41.02.

Il bikepark Myflyzone e' un ottimo impianto permanente situato alle porte di Roma ,il percorso e’ sicuramente veloce ma allo stesso tempo tecnico , circuito che mette in evidenza i corridori piu' preparati.
Un risultato che fa ben sperare il team capitolino per il prosieguo della stagione ciclocrossistica 2021.
Una societa' che si sta' impegnando affinche' le nuove leve possano crescere in armonia nella scuola ciclismo della Bikelab-Team Astolfi di Viale Adriatico 54.
Si coglie l'occasione per ringraziare gli sponsor : BCC Roma di piazza Monte Gennaro, Gioielleria Gambacurta , Nutritrainer , pet shop F.lli Moroni , CE.BI Service nolo attrezzature edili , A.P.I. 2000.
































































12° GIRO D’ITALIA CICLOCROSS

TROVARELLI E FOLCARELLI PORTANO IL LAZIO SUL TETTO DEL CICLISMO AMATORIALE

Dopo ben 7 durissime tappe svoltesi in tutta Italia, i nostri atleti non hanno lesinato gli sforzi pur di aggiudicarsi le sospirate maglie rosa.
Gare disputate sui piu’ svariati percorsi , sono passati da quelli altamente tecnici a quelli con fango e nientedimeno con sabbia.
Una edizione particolare funestata dalla pandemia , che non dimenticheremo facilmente , ma lo sport aiuta e ricompattata e loro hanno macinato chilometri pur di essere presenti e rappresentare la nostra regione.

Una lunga cavalcata di 7 gare , partita il 04 Ottobre da Jesolo ,per poi spostarsi in tutta Italia dal Nord al Sud , l’11 Ottobre a Corridonia , il 18 Ottobre a Ladispoli , il 25 Ottobre a Buja-Osoppo , il 01 Novembre a Gallipoli , il 13 Dicembre a Ferentino per terminare in bellezza il giorno della Befana a Sant’Elpidio a Mare, giorno che ha portato nella calza due sfavillanti maglie rosa.

Complimenti ai nostri atleti :
Fabrizio Trovarelli (asd Bikelab Roma-team Astolfi con sede a Roma) che chiude con il bottino di 198 punti con ben 4 vittorie assolute di tappa ( Corridonia-Ladispoli-Gallipoli-Ferentino) , aggiudicandosi la categoria Master fascia 1.

Massimo Folcarelli (asd Race Mountain Folcarelli team con sede ad Anzio ) ormai un punto di riferimento per il ciclocross nazionale con 180 punti e 6 vittorie assolute di tappa ( Jesolo-Corridonia-Ladispoli-Buja-Gallipoli-Ferentino ) , fa sua la categoria master fascia 2.

Vogliamo comunque ricordare la brava Sabrina Di Lorenzo (asd Pro Bike Riding Team con sede a Roma ) che ha chiuso con 172 punti in seconda posizione , a soli 5 punti dalla prima classificata e dopo aver indossato per alcune tappe la maglia di leader .

Sperando che i loro risultati siano di esempio per le giovani leve di questa affascinante disciplina e per il rilancio del ciclismo nella nostra regione , con l’ampiamento del numero dei ciclodromi per mountain bike e ciclocross e con finalmente la tanto sospirata costruzione di un velodromo .























































































Tricolori ciclocross 2021 - A Bertolini e Arzuffi i titoli elite Gare combattute per entrambi che piegano rispettivamente Dorigoni e Teocchi. Successi anche per Fontana e Baroni (U23), Olivo e Bramati (Juniores).
Entusiasmo alle stelle a Lecce con lo svolgimento delle sei gare clou dei Campionati Italiani Ciclocross 2021 che hanno consacrato Gioele Bertolini e Alice Maria Arzuffi tra gli èlite, Filippo Fontana e Francesca Baroni tra gli under 23, Bryan Olivo e Lucia Bramati tra gli juniores, nell'evento griffato Kalos come regia organizzativa, sotto l'egida della Federazione Ciclistica Italiana, il sostegno di Pugliapromozione e Regione Puglia, oltre al patrocinio del Comune e della Provincia di Lecce.
La terza ed ultima giornata di assegnazione dei titoli italiani ha regalato uno spettacolo agonistico veramente entusiasmante e di altissimo livello con lo sterrato del percorso di 2800 metri dentro il Parco di Belloluogo appesantito dalla pioggia caduta durante la notte.
Nella gara élite uomini Gioele Bertolini (Centro Sportivo Esercito) e Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti) hanno dato subito fuoco alle polveri nelle prime tornate. Successivamente Bertolini ha imposto il proprio ritmo mettendo in lieve difficoltà Dorigoni, a sua volta attardato da una scivolata a due giri dalla fine e riuscendo a contenere il gap dal battistrada entro i 10 secondi. Podio più alto per il lombardo Bertolini, seconda piazza a una manciata di secondi per Dorigoni, terzo posto per Cristian Cominelli (Scott Racing Team) che è salito sul podio tenendo a distanza Nicolas Samparisi e Lorenzo Samparisi della Ktm Alchemist-Selle Smp Dama. In gara anche Fabio Aru (Qhubeka Assos) che ha strappato applausi ed incitamenti tali da poter chiudere onorevolmente la propria fatica al decimo posto.
La lombarda Alice Maria Arzuffi (Fiamme Oro) ha piegato la resistenza di Chiara Teocchi (Centro Sportivo Esercito) ed Eva Lechner (Centro Sportivo Esercito) per aggiudicarsi il titolo italiano tra le donne élite. Con la vittoria messa al sicuro da Arzuffi negli ultimi due giri, Teocchi e Lechner hanno faticato non poco a rimanere sul podio con Rebecca Gariboldi del Team Cingolani (poi quarta all'arrivo) a dare filo da torcere alle due atlete del Centro Sportivo Esercito, in evidenza anche Alessia Bulleri (Cycling Cafè Racing Team) che si è classificata al quinto posto.
Il veneto Filippo Fontana (Carabinieri) è stato irresistibile nella conquista del titolo italiano under 23 uomini dove nulla hanno potuto Marco Pavan (D'Amico UM Tools), Davide Toneatti (DP66 Giant Smp), Samuele Leone (Development Guerciotti) e Tommaso Bergagna (DP66 Giant Smp).
La gara femminile under 23 ha visto la conferma del titolo alla toscana Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti) che ha incrementato il vantaggio sulla diretta inseguitrice Gaia Realini (Selle Italia Guerciotti) con l'affondo decisivo all'ultimo giro. A Sara Casasola (DP66 Giant Smp) la terza posizione, più staccate Carlotta Borello (DP66 Giant Smp) e Alessandra Grillo (Development Guerciotti) che hanno terminato in quarta e quinta posizione.
Tra gli juniores uomini, a risolvere la contesa a proprio favore il friulano Bryan Olivo (DP66 Giant Smp) che ha avuto la meglio su Luca Paletti (Team Ciclistico Paletti) e Gabriel Fede (Selle Italia Guerciotti), quarto posto per Lorenzo Masciarelli (Callant Pauwels) coinvolto nella caduta innescata da Filippo Agostinacchio (Selle Italia Guerciotti), anche lui scivolato a terra e al traguardo in quinta posizione.
Grandissima prestazione di Lucia Bramati della Starcasino CX Team (bergamasca di origini ma ormai da tempo trasferitasi con la famiglia a Sandrigo, in Veneto) molto brava a gestire la gara in perfetta solitudine, rivestendo la maglia tricolore tra le donne juniores a distanza di un anno. Grande bagarre per completare il podio dove Giulia Challancin (Development Guerciotti) ha chiuso in crescendo la sua performance con il secondo posto mettendosi alle spalle Lisa Canciani (DP66 Giant Smp), quarta e quinta all'arrivo Elisa Rumac (DP66 Giant Smp) e Sophie Auer (Asv St. Lorenzen).
Il Panathlon Club Lecce del presidente Ludovico Malorgio ha consegnato la Targa Fair Play, intitolata a Mario e Giovanni Stasi, alla DP66 Giant Smp di Daniele Pontoni che ha piazzato ben cinque ragazze nei primi dieci della gara juniores donne come premio alla combattività: terza Canciani, quarta Rumac, sesta Alice Papo, settima Elisa Viezzi e ottava Romina Costantini.
RIEPILOGO CAMPIONI ITALIANI FCI CICLOCROSS LECCE 2021 – TERZA GIORNATA
Elite uomini: Gioele Bertolini (Centro Sportivo Esercito) Elite donne: Alice Maria Arzuffi (Fiamme Oro) Under 23 uomini: Filippo Fontana (Carabinieri) Under 23 donne: Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti) Juniores uomini: Bryan Olivo (DP66 Giant Smp) Juniores donne: Lucia Bramati (Starcasino CX Team)
Classifiche complete della terza giornata al link https://www.mtbonline.it/Risultato/1472/0


























































Tricolori Ciclocross 2021 - Show per i titoli giovanili Tra esordienti e allievi sono Pietro Deon, Ettore Fabbro, Elisa Bianchi, Elisa Ferri, Nicholas Travella, Ettore Prà, Anita Baima e Federica Venturelli a ritagliarsi un indimenticabile momento di gloria personale a Lecce. Oltre 300 gli atleti al via

LECCE - Tra esordienti e allievi, sono stati Pietro Deon, Ettore Fabbro, Elisa Bianchi, Elisa Ferri, Nicholas Travella, Ettore Prà, Anita Baima e Federica Venturelli a ritagliarsi un indimenticabile momento di gloria personale con la vittoria ai Campionati Italiani Ciclocross Lecce 2021, evento sotto l'egida della Federazione Ciclistica Italiana che ha il sostegno di Puglia promozione e Regione Puglia, oltre al patrocinio del Comune e della Provincia di Lecce.
Di rilievo la grinta e l'impegno di tutti i 313 ragazzi, in gara sul percorso di 2800 metri dentro il Parco di Belloluogo, in cui lo sterrato è stato ammorbidito dalla pioggia che ha creato alcune scivolate e un po' di accortezza in più nella guida della bicicletta.
Tra gli allievi primo anno uomini, è stato il lombardo Nicholas Travella (Cicli Fiorin) a dominare la scena mettendosi alle spalle Matteo Gabelloni (Team Bramati), Lorenzo De Longhi (GS Mosole), Edoardo Bonafini (Fosco Bessi Calenzano) e Stefano Viezzi (DP66 Giant Smp).
Tra le allieve primo anno donne, è uscita vincitrice la torinese Anita Baima (Cicli Fiorin Cycling Team), a piazzarsi tra il secondo e il quinto posto nell'ordine Beatrice Temperoni (L'Equilibrio Cycling School), Elisa Lanfranchi (Melavi Tirano Bike), Anna Auer (Asv St Lorenzen) e Alice Bulegato (Work Service).
Pochi giorni dopo il trionfo finale al Giro d'Italia Ciclocross, è stato il veronese Ettore Prà (Hellas Monteforte) ad imporsi con una condizione strepitosa tra gli allievi secondo anno. Nulla hanno potuto dietro di lui Elian Paccagnella (Kardaun Cardano), Samuele Scappini (Team Fortebraccio), Milo Marcolli (Busto Garolfo) e Alessandro Mario Dante (Team Bramati).
Il Giro d'Italia Ciclocross ha portato bene anche alla lombarda Federica Venturelli (Cicli Fiorin): la maglia rosa conquistata pochi giorni fa nelle Marche a Sant'Elpidio a Mare si è tinta di verde, bianco e rosso nella gara allieve donne secondo anno sbarazzandosi delle dirette avversarie Valentina Corvi (Melavì Tirano Bike), Vittoria Rizzo (L'Equilibrio-Cycling School), Tanya Donati (Ciclistica Bordighera) e Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli Team).
Domenica 10 gennaio (domani) l'epilogo con le gare riservate alle categorie juniores, under 23 ed élite, uomini e donne: tra i 197 partecipanti spicca il nome di Fabio Aru (alla quinta gara consecutiva di ciclocross, la terza da inizio 2021 con la casacca della Qhubeka-Assos) nella gara élite, unitamente ai campioni italiani uscenti come Jakob Dorigoni della Selle Italia Guerciotti (élite uomini), Lucia Bramati della Starcasino CX Team (juniores donne), Francesca Baroni della Selle Italia Guerciotti (under 23 donne) ed Eva Lechner del Centro Sportivo Esercito (élite donne).
I CAMPIONI ITALIANI FCI CICLOCROSS LECCE 2021 – SECONDA GIORNATA
Esordienti primo anno uomini: Pietro Deon (Società Sportiva Sanfiorese) Esordienti primo anno donne: Elisa Bianchi (Velò Montirone) Esordienti secondo anno uomini: Ettore Fabbro (Jam's Bike Team Buja) Esordienti secondo anno donne: Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese) Allievi primo anno uomini: Nicholas Travella (Cicli Fiorin) Allieve primo anno donne: Anita Baima (Cicli Fiorin Cycling Team) Allievi secondo anno uomini: Ettore Prà (Hellas Monteforte) Allieve secondo anno donne: Federica Venturelli (Cicli Fiorin)
















































Tricolori Ciclocross 2021: assegnati i 12 titoli Master I nuovi campioni italiani amatori sono Fischnaller, Bocchini, Lazzaro, Cancherini, Ferrazzo, Mazzucchelli, Del Riccio, Folcarelli, Zamboni, Carrer, Palmisano e Stefani.
Spettacolare come dalle attese, si è rivelato un gran successo l'avvio dei Campionati Italiani Ciclocross Lecce 2021, l'evento del nuovo anno sotto l'egida della Federazione Ciclistica Italiana che ha il sostegno di Pugliapromozione e Regione Puglia, il patrocinio del Comune e della Provincia di Lecce.
Nel rispetto delle normative anti Covid-19, degno di nota l'instancabile operato del comitato organizzatore della Kalos (del presidente Sergio Carico) che si è dato un gran da fare con tanti sacrifici per la miglior riuscita di tutto l'evento che accoglierà fino a domenica 10 gennaio il meglio d'Italia del ciclocross nelle categorie giovanili, agonistiche ed amatoriali. Di rilievo le vittorie e i podi tricolori per Matteo Cancherini (CM2 Asd), Leonardo Caracciolo (Triono Racing) e Alessandro Sereni (Cicli Taddei) tra gli élite sport, Nicolò Ferrazzo (Tteam), Adriano Luciano (Cps Professional Team) e Leonardo Chieruzzi (Avis Amelia) tra i master 1, Samuele Mazzucchelli (STM Asd), Marco Del Missier (Dp66 Giant SMP) e Fabrizio Trovarelli (Bikelab-Team Astolfi) tra i master 2, Carmine Del Riccio (Sunshine Racers Asv Nals), Fabrizio Iaconi (Bike Racing Team) e Domenico Ponzo (Piesse Cycling Team) tra i master 3, Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team), Graziano Bonalda (Stm Asd) ed Ezio Cameli (Bici Adventure Team) tra i master 4, Maurizio Carrer (Team Eurobike), Stefano Nicoletti (Hicari Cablotech) ed Eremo Bardelli (Spilla Team) tra i master 5, Biagio Palmisano (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano), Giuseppe Dal Grande (Ctf) e Flavio Zoppas (El Coridor Team) tra i master 6, Andrea Zamboni (Team Ridiculous), Gianfranco Mongardi (Spilla Team) e Moreno Ridolfi (Team Cingolani) tra i master 7, Fabrizio Stefani (Bike Pro Action), Massimo Burzi (Cicli Taddei) e Flavio Lavarda (Fox Team) tra i master 8, Linda Fischnaller (SC Meran Bike), Federica Sesenna (Lugagnano Off Road) e Sara Mazzorana (Bike Therapy Asd) tra le élite master donna, Ania Bocchini (Team Cingolani), Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team) e Giulia Ballestri tra le master donna 1, Ilenia Lazzaro (Unione Ciclistica 2000), Mariangela Roncacci (Race Mountain Folcarelli Team) e Luisa De Lorenzo Poz (Team Estebike Zordan) tra le master donna 2.
Le gare di sabato 9 gennaio, per esordienti e allievi uomini e donne, continueranno a svolgersi senza la presenza del pubblico a causa delle stringenti normative anti Covid-19: prevista la diretta streaming dalle 14:00 alle 16:00 sulla pagina Facebook di L'Ora del Ciclismo, collegamenti anche sulla pagina Facebook di "Campionati Italiani di Ciclocross di Lecce". Non mancheranno gli aggiornamenti dal servizio cronometraggio https://www.mtbonline.it/Live/ come riferimento per consultare le classifiche in tempo reale in tutte le categorie.
Per domenica 10 gennaio, diretta su Rai Sport della gara élite uomini tra le 14:45 e le 16:00, su Rai Sport Web diretta delle gare femminili a partire dalle 13:00 (in replica su Rai Sport alle 16:15).
I CAMPIONI ITALIANI FCI CICLOCROSS 2021
Elite master donna: Linda Fischnaller (Meran Bike) Master donna 1: Ania Bocchini (Team Cingolani) Master donna 2: Ilenia Lazzaro (Unione Ciclistica 2000) Elite Sport: Matteo Cancherini (CM2 Asd) Master 1: Nicolò Ferrazzo (TTeam) Master 2: Samuel Mazzucchelli (Stm Asd) Master 3: Carmine Del Riccio (Sunshine Racers) Master 4: Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team) Master 5: Maurizio Carrer (Team Eurobike) Master 6: Biagio Palmisano (Asd Narducci-Team Edil Luigi Cofano) Master 7: Andrea Zamboni (Team Ridiculous) Master 8: Fabrizio Stefani (Bike Pro Action)
















































GIRO ITALIA CICLOCROSS, CONCLUSA LA 12ESIMA EDIZIONE, PRONTA LA 13ESIMA
Sette tappe, da ottobre a gennaio con una intensa partenza allo sprint e poi il grande balzo finale. Questo lo schema adottato dal Giro d’Italia Ciclocross nella stagione 2020/2021 che è nuovamente riuscito ad addensare intorno a sé tutti i migliori esponenti italiani della disciplina invernale e a ha dato a tantissimi atleti, specialmente giovani, la possibilità di confrontarsi su scenari impegnativi ma sempre completi dal punto di vista tecnico e organizzativo sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana. E quindi le maglie rosa finali (assegnate in totale 19 rosa e 3 bianche) hanno un sapore speciale, condito dalla medaglia ricordo in oro e argento coniata da Migliorini Gioielli, uno dei partner più cari del Giro d’Italia Ciclocross. E una novità: la maglia bianca per gli allievi di primo anno. Una scelta motivata, nell’ottica dell’elevato valore tecnico e formativo di far correre insieme gli allievi di primo e secondo anno, per via delle straordinarie prestazioni che gli atleti di primo anno hanno mostrato al cospetto dei colleghi più grandi.
7 tappe, 7 percorsi e 7 condizioni meteo completamente diverse. Sabbia a Jesolo e Gallipoli, fango morbido a Ferentino, fango colloso a Sant’Elpidio a Mare, tanta velocità e prato a Ladispoli e Corridonia, prato e contropendenze a Osoppo. Sole estivo a Gallipoli, pioggia intermittente a Corridonia e Jesolo, tanto freddo a Ferentino. Mica male per testare la gamba in ogni condizione: anche in questo il Giro d’Italia Ciclocross si dimostra una valida palestra per la disciplina e a conferma dell’altezza dell’asticella, nessun atleta ha concluso a punteggio pieno (circostanza verificatasi nelle ultime due edizioni) sebbene un paio ci siano andati molto vicino. Mettetevi comodi.
Le classifiche generali e l’analisi
La DP 66 è campione d’Italia
DP 66 CAMPIONE D’ITALIA – Il due volte iridato Daniele Pontoni e il suo ampio e volenteroso staff possono festeggiare il terzo scudetto societario di fila, sebbene la lotta sia stata molto più serrata dello scorso anno. La DP 66 Giant SMP ha battuto la Selle Italia Guerciotti Elite 880 a 726, ancorché il team diretto da Vito Di Tano abbia potuto contare su molti meno atleti e concentrati solo in alcune categorie. Per lo storico team milanese sono da segnalare 5 doppiette (tutte della coppia Baroni-Realini). L’unica altra squadra ad esserci riuscita (una sola volta) è stata la Sorgente Pradipozzo. La DP 66 sbaraglia la concorrenza sul piano della capillarità e della pianificazione: benché priva degli exploit degli scorsi anni ha (quasi) sempre marcato il cartellino in tutte le categorie – esordienti uomini esclusi – a dimostrazione di un ottimo lavoro svolto con la base, che vale davvero uno scudetto corale. Sul terzo gradino del podio un’altra compagine friulana: i nero-verdi della Jam’s Bike Team Buja chiudono il GIC a 461 punti, vincendo lo sprint a ranghi ristretti con Development Guerciotti (416) e Race Mountain Folcarelli (391).
Per il campionato italiano di società della Federazione Ciclistica Italiana si considerano i due migliori risultati di ogni società all’interno della zona punti 1^-15esima posizione per ciascuna categoria agonistica. Gli amatori master sono quindi esclusi dal computo.
UOMINI OPEN – Il finale più incerto di sempre, giocato sul filo del rasoio e finito…in parità. 172 a 172 come in una infinita ripresa boxistica, con la maglia rosa assegnata solo grazie al miglior piazzamento nell’ultima tappa. Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) porta a casa il suo primo Giro d’Italia Ciclocross nella massima categoria strappando dalle spalle del campione uscente Cristian Cominelli (Scott) una maglia rosa che sembrava quasi sull’aereo per Brescia. Molto regolari entrambi, con Cominelli che non è sceso dal podio che nell’ultima tappa, mentre Dorigoni marca il cartellino con 4 vittorie, 2 secondi posti e un piazzamento fuori dalla zona punti, esattamente quello che ha rimesso in discussione il GIC dopo la tappa di Osoppo. La vittoria di Cominelli a Ferentino ha sbilanciato le possibilità verso il bresciano; l’imprevedibile corsa di Sant’Elpidio a mare ha regalato invece il risultato che tutti conosciamo.
Tra i giovani (Under 23) la maglia bianca va con diritto al piemontese Marco Pavan (D’Amico UM Tools) che nel cartellino può vantare anche la vittoria della difficile tappa friulana di Osoppo, mostrandosi particolarmente a suo agio anche con la classe più grande: il terzo posto finale in generale è il giusto riconoscimento, anche se l’onore delle armi va riconosciuto ad Antonio Folcarelli, autore di una stagione regolare stroncata in extremis per un incidente in una gara regionale. Degne di nota le prestazioni di chi si è visto poco (Filippo Fontana) ma che nelle due occasioni disponibili ha centrato un secondo e un primo posto. Niente male per il figlio d’arte!
DONNE OPEN – Faccenda tutta in casa Selle Italia Guerciotti Elite tra Francesca Baroni e Gaia Realini. La Toscana alla fine la spunta per 11 lunghezze sull’abruzzese, con un bilancio di 4 vittorie a 2. Eppure la stagione era cominciata con ben altro tono; l’assolo di Sara Casasola a Jesolo. Di lì in poi, però, la friulana ha perso mordente, sebbene sia riuscita a mantenere la terza posizione del podio generale. Si è rivista per ben due volte sul podio Alessia Bulleri, 4^ nella generale a 97 punti dopo la vittoria del GIC 2017, mentre una menzione di merito spetta alla piemontese in quota DP 66 Carlotta Borello, che al primo anno tra le under 23 conquista 91 punti, il 5° posto della generale e un’ottima costanza di rendimento in tutta la stagione. Tra le giovani della categoria juniores, valida per la maglia bianca, è Alice Papo (DP 66) a spuntarla, con un’accelerata decisa nella seconda parte di stagione e, in modo particolare, all’ultima tappa. Nel finale di GIC si è rivista pimpante Alessandra Grillo (Development Guerciotti), 6^ nella generale.
JUNIORES – L’equilibrio si è rotto proprio alla fine, ma poco ci è mancato che 7 tappe avessero vincitori tutti e 7 diversi. Segnatevi questi nomi, perché l’incertezza la fa da padrone e ciascuno di loro è capace di esaltarsi con la combinazione giusta di fattori. Hanno vinto una tappa a testa: Eros Cancedda, Vittorio Carrer, Lorenzo Masciarelli, Filippo Agostinacchio e Matteo Siffredi. Addirittura (!) due per Bryan Olivo (che sconta però poche partecipazioni alle tappe rosa) e addirittura 0 per la maglia rosa Enrico Barazzuol (team Rudy Project) che oltre al podio di tappa sembra aver fatto l’abbonamento con la costanza di rendimento.
ALLIEVI UOMINI – Non c’è stata storia. Il veronese Ettore Prà (Hellas Monteforte) ha monopolizzato il 12° GIC con 6 vittorie e un secondo posto, che gli valgono il record assoluto di punti nelle ultime 5 edizioni della Corsa Rosa: ben 206 sui 210 disponibili. (con una media di 29,4 – non male se fosse all’università) Alle sue spalle onore delle armi a Simone Vari (Race Mountain Folcarelli), forte della vittoria di Osoppo e di numerosi podi, ben 5 (sebbene manchi il parametro di paragone dell’ultima tappa), mentre uno scroscio di applausi è da destinare al primo anno Stefano Viezzi (DP 66)
CICLOAMATORI MASTER – Tra le ragazze Ania Bocchini (Cingolani) vince il Giro d’Italia Ciclocross dopo una lunga rincorsa alla vincitrice uscente Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike), una battaglia colpo su colpo conclusasi 177 a 172, tre vittorie contro 2, sebbene anche Chiara Selva abbia ottenuto due successi parziali e poi abbia salutato la carovana del GIC.
Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) aggiunge una maglia rosa al suo multicolore armadio, aggiudicandosi con 180 punti, 6 vittorie e un’assenza, la fascia 2 amatoriale, precedendo Luigi Carrer (Eurobike) ed Ezio Cameli (Bici Adventure). In fascia 1, invece, è Fabrizio Trovarelli (Bike Lab) a mettere sin da subito le cose in chiaro, sebbene gli onori delle armi vadano resi a Thomas Felice (DP 66) che in casa sua, a Osoppo, ha festeggiato una vittoria di tappa fortemente voluta. Terzo Alessandro Sereni (Cicli Taddei).
Hanno conquistato la maglia rosa-gialla di vincitore di categoria MASTER i seguenti atleti: Thomas Felice (ELMT – DP 66); Leonardo Chieruzzi (M1 – Avis Amelia); Fabrizio Iaconi (M3 – Bike Racing Team); Luigi Carrer (M5 – Team Eurobike); Biagio Palmisano (M6 – Narducci); Sandro Chieruzzi (M7 – Avis Amelia); Marco Valentini (M8 – Avis Amelia) . Sono esclusi dal computo i già vincitori di fascia.






















































































Giro d’Italia Ciclocross, finalmente il fango F come fango, Ferentino e fenomenale: un successo la sesta tappa del GIC in terra Ciociara con l’organizzazione di MTB Ferentino Bikers e ASD Romano Scotti.
FERENTINO – Missione compiuta nel lago di fango delle Molazzete. Il parco del comune di Ferentino si è trasformato in una distesa di terra morbida e acqua per accogliere al meglio il popolo del Giro d’Italia Ciclocross che, da amante del fango purosangue, ha ovviamente apprezzato e ha dato il meglio di sé. Oltre il valore puramente numerico degli oltre 750 atleti al via in 8 partenze (mancavano solo i giovanissimi) è quello tecnico a far brillare gli occhi a chi fa del ciclocross la sua passione. Si sono rivisti in gara tutti i grandi nomi del cross italiano del momento e ciascuno, a suo modo, ha dato spettacolo, rendendo spumeggiante la sesta tappa del GIC, con risultati spesso imprevedibili e numerosi outsider che hanno avuto modo di esprimersi al meglio su un percorso duro.
Quello messo in piedi dalla MTB Ferentino Bikers e dell’ASD Romano Scotti si è rivelato un banco di prova non solo per gli atleti, rimarcando l’importanza della corsa a piedi e dell’equilibrio, ma anche per i meccanici, che sono stati il vero anello forte della catena. Molte delle gare in programma si sono decise per aver azzeccato il cambio corretto ai box e per aver lavato e lubrificato al meglio i mezzi in un’autentica tempesta di acqua nebulizzata. La tappa di Ferentino era anche tappa del molto seguito Lazio Cross – Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte e prova unica del campionato provinciale di Frosinone. «Ce l’abbiamo fatta. Per il quarto anno consecutivo abbiamo messo in piedi una grandissima festa con la grande collaborazione dell’ASD Romano Scotti – spiega Ornella Amantini (MTB Ferentino Bikers) - Vedere la felicità negli occhi di tutti e l’adrenalina nei ragazzi, affascinati dal fango, è un bellissimo successo. Grazie a tutti e un abbraccio particolare agli sponsor e all’amministrazione comunale che ci è stata particolarmente vicina». La laboriosa opera dei team ai box e il grande senso di responsabilità mostrato nel rispetto delle norme anti-contagio non è sfuggito agli uomini dell’ASD Romano Scotti- Sergio Scotti, vicepresidente dell’ASD Romano Scotti ha dichiarato: «Non potevamo chiedere di meglio a Ferentino, al Lazio e al popolo del Giro d’Italia Ciclocross. Nonostante la situazione che stiamo vivendo siamo riusciti ad allestire un grande evento ciclistico, in cui non solo numericamente, ma anche qualitativamente, abbiamo sedotto il meglio del ciclocross italiano. Grazie alle società che fanno centinaia di chilometri per il Giro d’Italia Ciclocross, grazie agli atleti per il loro impegno anche su un percorso difficile come quello di oggi, un grazie grandissimo a Ornella, Aurelio e a tutta la MTB Ferentino Bikers
UOMINI OPEN – Ci deve essere un legame speciale tra Ferentino, il Giro d’Italia Ciclocross e Cristian Cominelli (Scott). Un triangolo amoroso che giova al bresciano, che qui è particolarmente a suo agio: ne è dimostrazione la vittoria di classe che ha ottenuto sul percorso ciociaro, la terza in sue tre partecipazioni. E se è pur vero che la maglia rosa è particolarmente a suo agio quando c’è da correre a piedi (in fondo è nato podista), bisogna riconoscere che alle Molazzete ha vinto anche con l’asciutto e la velocità. Il successo della maglia rosa ha un sapore speciale, perché è il primo in questa edizione del GIC dopo una serie ininterrotta di (certamente fruttuosi) piazzamenti. «Tre volte che corro qui e tre vittorie – spiega Cominelli - Quando c’è così tanto da fare a piedi io emergo, ma avevo vinto anche sull’asciutto. Sono contento dopo tanti secondi posti di portare a casa la vittoria e conservare la maglia rosa; questo era l’obiettivo. Ora ho qualche punto in più, non era semplice in una giornata d’altri tempi ma ci siamo riusciti». Secondo a oltre un minuto si è piazzato il tricolore Jackob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite), ma la vera sorpresa di giornata è la sbalorditiva prestazione di Luciano Rota (Development Guerciotti), che per lungo tratto ha anche guidato la gara. Una gara strana (in cui al via c’era anche il rientrante Gioele Bertolini) che ha visto sovvertiti molti valori in campo e una partenza sprint sia del lombardo Rota che del trentino Andrea Martinelli (outsider anch’egli), entrambi molto a loro agio nei tratti podistici, come conferma il portacolori della Delopment Guerciotti: «Mi dicono sempre che ho sbagliato sport, ma a me piace il ciclismo ed eccomi qua. Sono partito un po’ male, mi sono incastrato con un collega e mi sono ritrovato nelle retrovie. La foga del momento mi ha fatto guadagnare subito, ho sentito di star bene e mi sono portato sulla testa della corsa. Poi è risalito fortissimo Cristian e dopo di lui Jackob, il loro ritmo era troppo forte e sono andato via del mio, cerando di mantenere il podio». Seppur ai piedi del podio (4°) una grande prestazione è stata quella di Luca Cibrario (Development Guerciotti), anch’egli particolarmente a suo agio sui terreni più difficili. Maglia rosa ancora sulle spalle di Marco Pavan (oggi meno brillante del solito).
DONNE OPEN – Giornata di grandi rientri: oltre alle consuete protagoniste del GIC si rivedono ai nastri di partenza delle vecchie conoscenze del ciclocross italico. Ci sono infatti Rachele Barbieri, Silvia Persico e Chiara Teocchi. È proprio la bergamasca a fulminare tutte in partenza e a dominare il primo giro, salvo poi essere ripresa dalla coppia scatenata di casa Guerciotti, Francesca Baroni e Gaia Realini, che hanno impresso alla gara un ritmo insostenibile per le altre. Solo Silvia Persico (Valcar) ha provato a tenere il ritmo per poi consolidarsi saldamente in terza posizione. Correndo per penultime e dopo ben sei gare le ragazze hanno trovato un percorso particolarmente impegnativo, non pochi i ritiri di spessore, come quello di Casasola e Rumac. Nelle fasi finali l’allungo decisivo della maglia rosa ci consegna questa classifica:1^ Francesca Baroni (Selle Italia Guerciotti Elite); 2^ Gaia Realini (Selle Italia Guerciotti Elite); 3^ Silvia Persico (Valcar). JUNIORES – Altra gara decisamente imprevedibile è stata quella degli uomini juniores, con il primo e il secondo della generale (Cancedda e Carrer) che non sono mai riusciti a riemergere discretamente dal fango pesante, lasciando che la corsa generalmente più incerta del tabellone generasse il sesto vincitore diverso in sei appuntamenti. È infatti Matteo Siffredi (Development Guerciotti) a porre il sigillo, con una fuga solitaria durata metà gara e insidiata nel finale dallo strepitoso recupero del beniamino di casa Federico De Paolis (Race Mountain Folcareli).
MASTER – Folla di cicloamatori per il Parco delle Molazzete. Oltre 150 i partenti tra i master, divisi in due gare separate. Tra i master di seconda fascia continua il monocolore Folcarelli: il laziale Massimo ingrana la sesta e firma l’ennesimo successo consecutivo, precedendo Graziano Bonalda e Ezio Cameli. Incredibilmente fuori dalla top 15 il secondo in generale, Carrer, autore di una prestazione opaca.
In prima fascia fa festa la maglia sempre più rosa Fabrizio Trovarelli, che riesce ad avere la meglio di Marco del Missier e Matteo Cancherini. Spettacolo puro tra le donne, con Ania Bocchini che, vincendo, è quasi riuscita nell’impresa di strappare la maglia dalle spalle di Sabrina di Lorenzo. La laziale si è difesa portando a casa l’unico risultato utile alla causa: il secondo posto in volata su Sara Maggiorana.




















































































BIKELAB SCUOLA CICLISMO :
A CERVETERI IL PORTACOLORI DELLA ASD BIKELAB DI ROMA E’ PRIMO ASSOLUTO E SI AGGIUDICA LA GARA DI CICLOCROSS 2° TROFEO CITTA' DI CERVETERI.

Il giovane Fabrizio Trovarelli (asd Bikelab scuola ciclismo ) sfruttando l’ottimo periodo di forma sale sul gradino piu’ alto del podio , in seconda posizione della master 2 Mirko Marcucci ( Team Specialized Terni ) e medaglia di bronzo Luca Re ( Racing Team asd ) , dimostrando di apprezzare il circuito molto veloce , completamente asciutto , grazie alla giornata prettamente primaverile.

Dopo due mesi di girovagare in lungo e largo per tutta Italia , grande soddisfazione per il successo ottenuto nella gara effettuata tra le mura di casa , la 5 tappa del Lazio Cross 2° Trofeo citta’ di Cerveteri , organizzata dalla asd Tirreno Bike .

Euforia per questa sequela di risultati in casa Bikelab di Roma di Marco Fortunati ( Viale Adriatico 54 - bikelab.roma@gmail.com - Negozio di biciclette e accessori dal 2007. Negozio specializzato in bici di ogni tipologia, dal mountain alla strada, dalle bici da bambino alle elettriche , i marchi più importanti sono Trek, Scott, Atala, Shimano, Sram, Mavic ) .

Il prossimo impegno sara’ quello di onorare la maglia rosa fascia 1 , che dopo le 5 tappe del giro d’Italia di ciclocross e’ sulle sue spalle , prendendo il via domenica 13 Dicembre a Ferentino (FR)

CREDIT FOTOGRAFICO : BIT & LED FOTOGRAFICA










































Trofeo Romano Scotti - A Cerveteri successo di Samparisi e Bulleri
Il lavoro della associazione sportiva Tirreno Bike è stato ripagato dai quasi 350 partenti tra agonisti e master e dagli spettatori presenti. Vittorie di Camplone (Juniores), Alberti (Allievi), Capagni (Donne Allieve), Ferruzzi (Esordienti) e Coluccini (Donne Esordienti).
CERVETERI - Domenica 8 novembre 2020, nel cuore di Cerveteri (Roma) sul litorale laziale, si è corsa la prova numero cinque del Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte Lazio Cross. Mentre la squadra nazionale composta dal commissario tecnico Fausto Scotti, approdava in Olanda per correre la prova di campionato europeo della disciplina del fango, la macchina organizzativa romana era in moto per offrire, nonostante le molte restrizioni di questo periodo, una occasione di tipo agonistico che facesse bene al ciclismo in un momento così delicato per tutto lo sport.
Il lavoro della associazione sportiva Tirreno Bike è stato ripagato dai quasi 350 partenti tra agonisti e master e dagli spettatori presenti. “Questo è un numero importante in una fase come questa e la provenienza di team da ogni parte d’Italia, ci ha gratificato enormemente” dice Cristiano D’Annunzio di Tirreno Bike che ha lavorato a braccetto con Gianluca Capozzi e i tanti sostenitori del progetto.
Nella prova Open ha dominato Lorenzo Samparisi, classe 1993, alfiere di KTM Alchemist Powered by Brenta Dama Selle SMP. In seconda piazza troviamo il fratello Nicolas. Entrambi sono atleti multidisciplina che da tempo praticano il ciclocross con successo ma anche la mountain bike e l’attività su strada. Pensiamo al recente risultato di Nicolas Samparisi, nella top five del campionato italiano marathon alla Capoliveri Legend Cup di quest’anno. Il terzo gradino del podio di giornata lo ha raggiunto Luca De Nicola (S.S. Lazio Ciclismo),
Tra le donne, il successo è della toscana Alessia Bulleri, in forza nel team romano Cycling Cafè Racing T. Dietro l’elbana si piazza Marta Zanga, quota rosa della KTM Alchemist Powered By Brenta Dama Selle SMP e risulta anche prima delle Under23. Terzo gradino occupato da Sara Sciuto di Punto Bici Aprilia. Beatrice Margherita Oggero è prima delle donne Juniores, toscana con la uniforme di Elba Bike.
Tra gli Juniores, vittoria dell’abruzzese Luciano Camplone. La maglia è quella del Team Race Mountain Folcarelli da questa stagione. Secondo posto della categoria occupato da un altro ragazzo cresciuto nel team di Massimo Folcarelli, si tratta di Federico De Paolis, campione italiano uscente dalla schiera degli Allievi di secondo anno. Terzo classificato Giovanni Eugenio Costalla del Cicloteca Team.
Vittoria di Tommaso Alberti di Elba Bike tra gli allievi, Simone Vari (Race Mountain Folcarelli Team) ottiene il secondo posto della categoria mentre Alessio Giannelli della Olimpia Valdarnese, chiude il podio.
Tra le donne allieve è trionfo per Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli Team) seguita da Martina Parotto (Punto Bici) e da Valentina Gentili, quest’ultima vetrallese, compagna di Sofia e in forza al team di Folcarelli da oramai due stagioni.
La fascia 1 categoria master e' terreno di conquista del romano Fabrizio Trovarelli , i podi sono stati raggiunti da : Leonardo Caracciolo (ELMT di Triono Racing Centro Bici), Adriano Luciano (M1 di CPS Professional), Fabrizio Trovarelli (M2 di Asd Bike Lab scuola Ciclismo) e da Domenico Ponzo (M3 di Piesse Cycling Team).
La fascia 2 è quella dove domina il tempo record di Massimo Folcarelli. In categoria M4 troviamo il nome della Race Mountain Folcarelli Team, in categoria M5 è Marco Gorietti, umbro della U.C. Petrignano ad avere la meglio, tra gli M6 vittoria di Mauro Tursi della Loris Bike mentre nella M7, il primo atleta al traguardo è Massimo Guiducci tesserato da questa stagione con Race Mountain Folcarelli Team.
Il podio tra le donne master è tutto per Sara Mazzorana (Team Cingolani), unica nella categoria elite woman sport, ma bene inserita nel ritmo della gara dove ha superato molte delle atlete agoniste.
Il trofeo laziale giunge oramai al giro di boa del calendario e il prossimo appuntamento sarà quello del campionato regionale della disciplina ciclocross, per cui si cerca una nuova location. Purtroppo le autorità di Soriano nel Cimino non hanno autorizzato lo svolgimento della manifestazione del 15 novembre. Gli aggiornamenti e le classifiche complete del trofeo sono pubblicate nella pagina social (FB) Lazio Cross























































01/11/2020 - GIRO D'ITALIA DI CICLOCROSS
GALLIPOLI (LE)

Tre primi posti assoluti nelle rispettive categorie : SABRINA DI LORENZO , MASSIMO FOLCARELLI . FABRIZIO TROVARELLI

Dal mare di Jesolo a quello di Gallipoli passando prima per Corridonia,poi per Ladispoli e infine per Osoppo, uno sforso intenso e prolungato per le nostre tre maglie rosa amatoriali

Mancano solo due tappe per avere la certezza che i nostri amatori possano fregiarsi del prestigioso titolo del Giro d'Italia di ciclocross.

Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo)

Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team)

Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team)

Sesta tappa del Giro d’Italia Ciclocross in arrivo.
Prossimo appuntamento per domenica 13 Dicembre 2020 a FERENTINO (FR)

Fine primo tempo. Se il Giro d’Italia Ciclocross 2020/2021 fosse un film saremmo al momento della pausa e dei pop-corn. Quei minuti sospesi in cui commentare le emozioni appena vissute e predisporsi al gran finale. In effetti di emozioni il GIC ne ha regalate a valanga nella prima parte, anche perché si è trattato di un lunghissimo interminabile sprint, tirato dagli infaticabili gregari (gli addetti ai lavori della Romano Scotti), lanciato dagli uomini dell’ultimo chilometro (gli organizzatori locali) pedalato con energia dai protagonisti, i ciclocrossisti. 5 tappe di fila, un pendolo su e giù per lo Stivale, una carovana multicolore che si è spostata rispettando alla lettera le norme anti-contagio e accettando una forzata riduzione della festa.
Da Jesolo a Gallipoli passando per Corridonia, Ladispoli e Osoppo, migliaia di chilometri macinati nelle trasferte, un tour de force senza eguali per gli uomini dell’ASD Romano Scotti, che ha voluto con forza la dodicesima edizione pur in un anno particolare. I risultati, di partecipazione ma anche e soprattutto di valori tecnici, stanno ripagando in pieno gli sforzi. Ecco dunque un punto della situazione quando di tappe ne mancano due: Ferentino il 13 dicembre e Sant’Elpidio a Mare il 6 gennaio 2021.
CLASSIFICHE APERTISSIME – Vestono la maglia rosa: Riccardo Da Rios (ES), Elisa Ferri (ED), Ettore Prà (AL), Arianna Bianchi (DA), Eros Cancedda (JU), Francesca Baroni (DO), Cristian Cominelli (UO). Maglie di miglior giovane ad Alice Papo (DJ) e Marco Pavan (U23), mentre tra i master guidano Fabrizio Trovarelli (F1), Massimo Folcarelli (F2) e Sabrina Di Lorenzo (W).
Dal punto di vista numerico è particolarmente serrata la battaglia tra gli uomini open, con Cominelli (126) inseguito a soli 6 punti da Jakob Dorigoni. Situazione analoga e ancor più incerta tra gli juniores, con tre atleti racchiusi in un fazzoletto di 7 punti: Cancedda 107, Carrer 102, Barazzuol 100. La lotta per la rosa delle donne open è ormai un fattore di casa Guerciotti, con Baroni e Realini distanziate di soli 11 punti. Podio incerto tra le donne esordienti, con Ferri, Tambosco e Montagner raccolte in 14 punti. Sarà un intenso sprint, invece, tra le donne allieve: Solo 2 lunghezze separano la Bianchi (114) dalla Venturelli (112). Di certo c’è che sarà una bellissima volata fino alla bandiera a scacchi di Sant’Elpidio a mare.








































































CAROLI HOTELS E GIRO D’ITALIA CICLOCROSS: L’ACCOPPIATA VINCENTE PREMIA LA CORSA ROSA A GALLIPOLI
GALLIPOLI – “Lu Salentu: lu sule, lu mare, lu ientu”: in italiano, “Il Salento: il sole, il mare, il vento”. Non è mancata nessuna di queste tre componenti a Gallipoli per la quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross che quest’oggi ha portato la festa della carovana rosa in casa di Caroli Hotels con la regia dell’ASD Romano Scotti sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana. Nel pieno tacco dello Stivale, in Puglia, immersi nel Parco Naturale Regionale Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo e cullati dagli splendidi colori del mare Jonio tutti i migliori della disciplina invernale si sono dati appuntamento per contendersi le maglie rosa sotto gli occhi attenti del presidente nazionale della Federciclismo, Renato Di Rocco, e nel pieno rispetto delle norme anti-contagio secondo il ben noto protocollo federale
Tre i capovolgimenti di fronte in classifica generale: la maglia rosa delle donne allieve è passata sulle spalle di Arianna Bianchi (Team Piton), la rosa juniores è tornata su quelle di Eros Cancedda (Sorgente Pradipozzo) e la bianca delle donne open ad Alice Papo (DP 66). La famiglia e la carovana tutta del Giro d’Italia Ciclocross incrociano ora le dita e fanno il tifo per la nazione intera affinché si superi al più presto e nel modo più indolore possibile, questo periodo di emergenza sanitaria. Con la speranza di rivedersi tutti a Ferentino il 13 dicembre per rimettere in palio le maglie rosa di questa meravigliosa disciplina.
La sinossi delle gare e le dichiarazioni DOMINIO GUERCIOTTI TRA GLI INTERNAZIONALI – Tre su tre, con una doppietta, per la Selle Italia Guerciotti Elite a Gallipoli: Dorigoni, Realini e Agostinacchio monopolizzano le categorie internazionali. Jakob Dorigoni ha vinto una strepitosa volata al cardiopalma sulla maglia rosa Cristian Cominelli (Scott), autore della consueta rimonta diesel. Si è deciso tutto per una questione di centimetri, ruota a ruota, dopo una gara intensa e senza esclusioni di colpi. Terzo un ottimo Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli). Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite)
Tra le donne open fa finalmente festa Gaia Realini, che batte allo sprint la compagna di squadra e maglia rosa Francesca Baroni al termine di una gara che ha visto il duo Guerciotti dettare legge sin dal secondo giro, subito dopo una inspiegabile débâcle di Sara Casasola (che chiuderà in sesta piazza)
Gara intensa quella degli juniores, caratterizzata sin da subito dalla défaillance della maglia rosa Vittorio Carrer, reduce da un problema intestinale che lo ha costretto a una lunghissima rimonta pur di entrare in zona punti. A trionfare è stato il valdostano Filippo Agostinacchio (Selle Italia Guerciotti Elite) alla seconda gara nel cross per questa stagione. Il suo è un successo che arriva dopo un lungo confronto con Eros Cancedda (2°), Matteo Siffredi (3°), Luca Paletti (4°) e Filippo Borello (5°)
GARE GIOVANILI, VIGOROSE CONFERME – Ettore Prà (Hellas Monteforte) torna a dominare la gara allievi, riuscendo a primeggiare in rosa anche su un percorso che in prima battuta sembrava non confarsi alle sue caratteristiche. Il veronese ha battuto Simone Vari (Race Mountain Folcarelli) e Tommaso Cafueri (Acido Lattico Team).
È pesante l’assenza della maglia rosa Venturelli tra le donne allieve: Arianna Bianchi aveva solo una possibilità di strapparle di dosso il simbolo del primato: vincere. E così ha fatto l’alfiera del Team Piton, che con una prestazione sublime, a Gallipoli, si è presa tappa e maglia davanti a Irma Siri (Team Ciclistico Paletti) e Sofia Capagni (Race Mountain Folcarelli).

I CICLOAMATORI – Tra i master si confermano le tre maglie rosa. Fabrizio Trovarelli (Bike Lab) trionfa in fascia 1 precedendo Matteo Cancherini (Cm2) e Giacomo Colona (Tugliese Nibali Salentino).
Massimo Folcarelli cala la cinquina e sbaraglia la concorrenza nella fascia 2, vincendo sul locale Luigi Carrer (Eurobike) e Gianni Panzarini (Race Mountain Folcarelli). Attenti a quei (soliti) tre, insomma.
Tra le ragazze Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike) rafforza il primato vincendo su Arianna Bocchini (Team Cingolani).





















































Trasferta piu' che costruttiva , si torna a casa con indosso quattro maglie rosa

25/10/2020 - GIRO D'ITALIA DI CICLOCROSS
BUJA-OSOPPO (UD)

Tappa dopo tappa i nostri atleti si stanno facendo onore in tutta Italia, la nota tecnica e' che se anche cambiano i percorsi , non cambiano gli eccellenti risultati .

Juniores Uomini | Maglia Rosa: Vittorio Carrer
( Team Bike Terenzi)

Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo)

Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team)

Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team)

Prossimo appuntamento per domenica 01 Novembre 2020 a GALLIPOLI (LE)
Quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross in arrivo.
Il Giro d’Italia Ciclocross torna a far visita in Salento, la terra che tra qualche mese sarà anche teatro dei Campionati Italiani di Lecce. Dall’estremo nord al profondo sud dello stivale in soli sette giorni. Il giorno di Ognissanti saluta il ritorno di Gallipoli nel calendario del Giro d’Italia Ciclocross, con il 2° Trofeo Caroli Hotels (ID Fattore K 155762), ospitando la carovana che arriva dritta dal lontano Friuli, dove ha disputato a Osoppo la quarta tappa. Sarà infatti la struttura di patron Attilio, l’Ecoresort Le Sirenè, a ospitare il quinto appuntamento del GIC dopo il grande successo di pubblico, di tecnica e di spettacolo offerto nel 2018. Lo staff dell’ASD Romano Scotti è in loco già da ieri, al lavoro. Sabato pomeriggio le prove ufficiali e la presentazione (trasmessa in diretta streaming). Domenica le gare, con tutti i migliori atleti del settore che hanno prenotato aerei in arrivo a Bari e Brindisi da Torino, Trieste, Venezia e Pisa. Un bel colpo anche per la promozione del sistema turistico pugliese. Quartier generale della tappa fissato proprio nel Caroli Hotels Ecoresort Le Sirenè

LE MERAVIGLIE DI UN PERCORSO TRA I COLORI DELLA NATURA – Radici, aria salmastra, insidie nel sottobosco. Dall’altra parte un prato acquitrinoso che non concede un attimo per rifiatare. E poi lei, la regina di giornata: sua maestà la sabbia bianca, elemento naturale incastonato nel parco di Torre Sant’Andrea-Lido del Pizzo che come un valente scultore saprà tirar fuori le caratteristiche migliori dei ciclocrossisti in rosa e regalerà ai pugliesi tantissime soddisfazioni in termini spettacolo, immagini che saranno poi disponibili sulle principali emittenti sportive nazionali. Tra la spiaggia degli innamorati sul cristallino mare Jonio, la pineta e la macchia mediterranea e il campo di golf foriero di sorprese ci sarà un gran bel da fare per non commettere errori.

L’ASD Romano Scotti sta allestendo un percorso di 2700 metri da ripetere più volte che attraversa un ex campo di volo, oggi campo da golf, una pineta, la macchia mediterranea e il tratto sabbioso. Un percorso completo, che compendia tutte le caratteristiche del ciclocross, tanto gradito agli appassionati nel 2018 che a gran voce ne hanno richiesto la candidatura ad ospitare la Coppa del Mondo. Due anni fa la Puglia fece festa con Ettore Loconsolo tra gli allievi, oggi ha un portabandiera d’eccezione, lo Juniores Vittorio Carrer in maglia rosa, che, nella sua terra, farà gli onori di casa a tutti i colleghi. Tra gli open maschili l’albo d’oro riporta la vittoria di Antonio Folcarelli, tra le donne quello di Sara Casasola. Il mezzo
CREDIT FOTOGRAFICO : BIT & LED FOTOGRAFICA




















































































Giro d’Italia Ciclocross: successi di Pavan e Baroni
Il Memorial Tabotta al Parco del Rivellino celebrato oggi con 800 partenti e la perfetta regia della Jam’s Bike Team Buja con l’ASD Romano Scotti.
OSOPPO (UD) – Mandi da Osôf, Friûl. Un caloroso abbraccio da Osoppo, Friuli, con quello che è il tradizionale saluto di queste terre, più che un ciao una vera e propria benedizione rivolta all’interlocutore, una raccomandazione all’Altissimo. E una benedizione lo è stata per davvero la quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross disputata quest’oggi presso il Parco del Rivellino sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana e l’organizzazione della Jam’s Bike Team Buja con la collaborazione dell’ASD Romano Scotti. Una bella festa dello sport che è segnale di incoraggiamento a tener duro in questi tempi così difficili, a restare sul filo di quell’equilibrio che il ciclocross sa così ben insegnare sin da subito ai suoi praticanti. Non un caso, dunque, perché la gara, oltre a essere valida come campionato regionale del Friuli Venezia Giulia, era anche e soprattutto dedicata alla memoria di un grande lottatore: Jonathan Tabotta.
Per la prima volta dal 2015 non ha piovuto sul parco del Rivellino – fatto salvo un leggero annuvolamento durante la gara delle donne open – ma lo spettacolo non è mancato, perché sul percorso del foliage ricavato su e giù per le fortificazioni ai piedi del forte di Osoppo sono emersi tutti i valori tecnici che rendono esaltante questo sport. Il paesaggio, incastonato dalle prime propaggini delle Alpi Carniche e dipinto dal tripudio fantasioso dei colori autunnali, ha fatto da sfondo a sfide entusiasmanti che, sebbene non abbiano portato in sconvolgimenti in classifica generale – tranne nella gara regina in cui c’è stato un piccolo terremoto – hanno infiammato i cuori del popolo del ciclocross, facendo presto dimenticare gli iniziali - ma necessari - disagi per l’accreditamento e l’ingresso ottemperanti alle norme anti-contagio (consegna delle autocertificazioni, controllo della temperatura, registrazione e consegna dei braccialetti).
VITTORIA IN BIANCO (Uomini Open) – É successo di tutto nella gara regina di giornata. Dopo una lunghissima fase di studio, proprio quando ci si aspettava un suo attacco, la maglia rosa Jackob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti Elite) è clamorosamente uscito di scena per la rottura della catena in un punto lontano dai box, circostanza che lo ha costretto a una lunghissima corsa a piedi con la bicicletta in spalla. Una sorte simile era capitata il giro prima al laziale Antonio Folcarelli (Folcarelli Race Mountain) che ha contemporaneamente scollato entrambi i tubolari. Privata di due dei principali protagonisti, con l’arrembante ritorno di Cristian Cominelli (Scott), la corsa ha assunto un entusiasmante alone di incertezza che ha accompagnato il pubblico sino alla volata finale, superbamente impostata dalla Maglia Bianca della D’Amico UM Tool Marco Pavan. Il piemontese, alla sua prima vittoria in una tappa del Giro d’Italia Ciclocross ha preceduto di poco il trevigiano Filippo Fontana, alfiere dei Carabinieri alla sua prima comparsa stagionale nel cross e il tenace Cominelli, che con la débâcle di Dorigoni e complice la sua martellante costanza, è la nuova maglia rosa.
UN LAMPO ROSA FINO GIÙ IN PUGLIA (Juniores) – Il giorno che vale tutta una carriera giovanile. Il coronamento di un sogno. Vittorio Carrer, alfiere pugliese di Corato (BA) del Team Bike Terenzi, aveva cominciato già domenica scorsa a Ladispoli a sentire il fascino vellutato di una maglia rosa sulla sua pelle: ad Osoppo si è però realizzato il desiderio di una vittoria di tappa al Giro d’Italia Ciclocross, inseguita, sfiorata e mai raggiunta sin dai suoi primi passi da esordiente. È stata la gara più complessa di giornata, la più ricca di parametri tecnici da valutare e densa di protagonisti che fanno ben sperare per il futuro del pedale italiano. Olivo, Cancedda, Dallago, Paletti, Barazzuol, Carrer, cui aggiungere i rientri di Agostinacchio e Siffredi (autori di una lunghissima e incredibile rimonta, partendo dalle retrovie) a dipingere un quadretto ricco di assalti all’arma bianca. Tre giri per capirsi e studiarsi, tre per l’attacco. Ha rotto gli indugi il pugliese facendo leva su una delle sue skill, il salto degli ostacoli in velocità, avendo capito che lì poteva mettere in difficoltà gli avversari e guadagnare quella manciata di metri necessaria a scappar via. Sembrava fatta, quando il rientro poderoso di Enrico Barazzuol, desideroso di riappropriarsi della rosa, ha rimesso tutto in discussione. Arrivo in volata? No di certo, grazie agli ostacoli collocati nella parte finale del percorso Carrer ha nuovamente attaccato, giungendo sul traguardo in una rosa quanto mai luminosa, l’ideale passaggio del testimone per andare giù in Puglia a vivere la quinta tappa, guidati dal più bel testimonial che la regione del sole potesse desiderare. Terzo un bravissimo Luca Paletti, quarto Cancedda, quinto Siffredi per un ordine d’arrivo da incorniciare.
VARI(AZIONI) SUL TEMA (Allievi) – Simone Vari (Race Mountain Folcarelli) infrange lo strapotere di Ettore Prà battendo il veronese della Hellas Monteforte in un serratissimo sprint al termine di una gara senza esclusioni di colpi, decisa soltanto dalla volata dopo che ogni reciproco tentativo di fuga in avanti. Bronzo per Stefano Viezzi (DP 66), che può ben gioire per il titolo regionale conquistato. Dopo aver sfiorato la vittoria nelle scorse gare, il laziale Vari ha trovato pane per i suoi denti sul percorso del Rivellino
UNA FELICE FESTA CASALINGA (Master) – Festa della comunità collinare del Friuli nella prima gara di giornata: gli applausi sono tutti per il Bujese della Dp 66 Thomas Felice, che fa sua la corsa dedicata alle categorie amatoriali, portato in trionfo dal pubblico di casa. Nella fascia 1 ha preceduto Marco Del Missier (Spezzotto Bike Team) e la maglia rosa – sempre più solida – di Fabrizio Trovarelli (Bike Lab). Nella seconda fascia il dominio rosa di Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli) è incontrastato, contro il laziale poco hanno potuto Graziano Bonalda (F.lli Rizzotto) e Gianni Panzarini (Race Mountain Folcarelli), mentre brilla il tricolore di Chiara Selva (Spezzotto) in campo femminile, precedendo una tenace Ilenia Lazzaro (UC 2000) e la padrona di casa Alessia Debellis (Jam's Bike Team Buja). Fuori dal podio la maglia rosa Sabrina Di Lorenzo, che mantiene il simbolo del primato per sole 4 lunghezze.




































































1 TROFEO GIANT - GRAN PREMIO BAR MARICLA

FABRIZIO PONZO SI ESALTA SUL CIRCUITO DI CASA E OTTIENE IL MIGLIOR TEMPO ASSOLUTO

FABRIZIO PONZO (SANTA MARIA DELLE MOLE) SALE SUL PRIMO GRADINO DEL PODIO CON LO STRATOSFERICO TEMPO DI 11.17
SUL SECONDO DELLA FASCIA A GIAMPAOLO MASTROIANNI (ASD CICLOTECH-BLOKKO) 11.40
MEDAGLIA DI BRONZO PER MARIO ROGERIO DOS SANTOS GALVAO ( PODISTICA SOLIDARIETA') 11.41.

TRE ATLETI BEN CONOSCIUTI NEL CIRCUITO DI COPPA LAZIO ,OGGI SI SONO FATTI VALERE ANCHE A CRONOMETRO , COMPLIMENTI AGLI ATLETI E AI LORO PRESIDENTI PER L'OTTIMA PRESTAZIONE .










































Le tre maglie rosa amatoriali si confermano "profeti in patria"

GIRO D'ITALIA DI CICLOCROSS - LADISPOLI

E' sempre difficile riconfermarsi , ma i nostri atleti laziali , nella tappa di casa , sono riusciti a mantenere sulle loro spalle le maglie di leader

Giornata prettamente primaverile su un percorso tecnico ma asciutto per la terza prova del giro 2020

Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo)

Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli (Race Mountain Folcarelli Team)

Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo (Pro Bike Riding Team)

Prossimo appuntamento per domenica 25 Ottobre 2020 a BUJA-OSOPPO (UD) Quarta tappa del Giro d’Italia Ciclocross in arrivo. Dal Lazio si sale in terra friulana, in casa del Jam’s Bike Team Buja che, in collaborazione con l’ASD Romano Scotti popone la 14esima edizione del Memorial dedicato all’indimenticabile Jonathan Tabotta.

Il mezzo
Una bici da ciclocross è essenzialmente una bici da strada con alcune modifiche al telaio per adattarlo ai percorsi sterrati. È dotata di manubrio drop bar e di ruote della bici da strada tradizionale, ma ha freni cantilever o a disco per una migliore potenza di frenata, spazio aggiuntivo per pneumatici tassellati larghi, adatti al fango. Il movimento centrale è più alto da terra (per evitare meglio gli ostacoli), il carro posteriore e la forcella anteriore sono più larghi, per evitare che il fango blocchi le ruote durante la competizione; vengono e utilizzate corone anteriori con dentatura inferiore a quella normalmente usata nel ciclismo su strada, per poter usufruire di rapporti più corti per affrontare più facilmente le asperità del terreno.
Si utilizzano pedali da mtb a sgancio rapido.

Periodi di attività
Il ciclocross è uno sport tipicamente invernale, la stagione normalmente va da settembre a febbraio. I Campionati del Mondo si svolgono a fine gennaio.

CREDIT FOTOGRAFICO : BIT & LED FOTOGRAFICA



























































































Pioggia di maglie rosa per i nostri atleti laziali nel ciclocross.

GIRO D'ITALIA DI CICLOCROSS
( CORRIDONIA)

Nella nostra regione cresce il numero di societa' e di atleti che praticano questa affascinante disciplina invernale.

Si cominciano a vedere i risultati:

Master Fascia 1 | Maglia Rosa-gialla: Fabrizio Trovarelli (NEW!) ( Bikelab scuola ciclismo )

Master Fascia 2 | Maglia Rosa-gialla: Massimo Folcarelli ( Race Mountain Folcarelli Team )

Master Donne | Maglia Rosa-gialla: Sabrina Di Lorenzo (NEW!) ( Pro Bike Riding Team )

Complimenti ai nostri atleti e alle loro societa'.

Prossimo appuntamento domenica 3^ tappa:
18 ottobre LADISPOLI (RM)

Le origini di questo sport risalgono ai primi del Novecento: d'inverno i ciclisti, per tenersi in forma, passavano con le loro bici nei prati. In questo modo allenavano e mettevano alla prova la forza muscolare, il fiato e la capacità di guida del mezzo, alternando alla pedalata i momenti in cui bisognava correre per scavalcare i fossi o superare salite troppo ripide.
Octave Lapize fu uno dei primi a praticare questo tipo di allenamento e a "inventare" la tipica corsa con la bicicletta sulle spalle.
La Francia fu la culla di questo sport: nel 1902 furono organizzati i primi campionati nazionali, sotto la guida di Daniel Gousseau e Géo Lefèvre, quest'ultimo ideatore del Tour de France. Negli anni seguenti il ciclocross (ancora con l'accezione di "ciclocross pedestre") si diffuse in Belgio, Svizzera, Spagna, Italia, Lussemburgo.
La prima gara internazionale fu "Le Critérium International de Cross-Country Cyclo-Pédestre", tenutosi a Parigi nel 1924.
Solo negli anni quaranta l'Unione Ciclistica Internazionale cominciò a regolare il ciclocross e il primo campionato mondiale si tenne a Parigi nel 1950 e fu vinto da Jean Robic.
I francesi dominarono le prime nove edizioni, dal 1950 al 1958, fino alla vittoria di Renato Longo nel 1959 e si ripeté nel 1962, 1964, 1965 e 1967. Eric De Vlaeminck dominò letteralmente la scena negli anni sessanta e settanta, vincendo il titolo mondiale nel 1966, 1968, 1969, 1970, 1971, 1972, 1973. Sia pure con risultati meno eclatanti, anche suo fratello Roger si ritagliò un posto nella storia di questa disciplina, conquistando l'iride nel 1975.
In una specialità dominata dai belgi, lo svizzero Albert Zweifel si dimostrò vincente e longevo, con cinque vittorie nella massima competizione mondiale (1976, 1977, 1978, 1979, 1986)............................................
































































FORMELLO DOMENICA 13 SETTEMBRE 2020
@mtbformello · Stabilimento sportivo e per il tempo libero

13.09.2020 MTB Formello in bici insieme ai ragazi di Bike riding for Parkinson's Italy 2020, un'avventura in bici da Pavia a Roma sulla Via Francigena organizzata da Parkinson Sport. Combattiamo il Parkinson attraverso lo Sport

I ragazzi della Bike Riding for Parkinson Italy 2020 sono stati accolti da Papa Francesco , questa mattina a Roma al loro arrivo.




































San Lorenzo, c'è la novità Toti per la scuola calcio

La famiglia Monti annuncia l'innesto dell'ex Savio e di Umberto Bona
La famiglia Monti come sua abitudine, ad ogni inizio di stagione, nel proseguimento di quel processo di miglioramento del San Lorenzo Calcio che definì sin dal primo giorno del suo insediamento ai vertici societari, e volendo dare ai propri tesserati della Scuola Calcio un servizio qualitativo ancor più elevato, è lieta di annunciare di aver dato mandato al Prof. Eugenio Toti, figura di spicco nel panorama calcistico di base, di avviare un progetto ambizioso e qualitativamente d'eccellenza per la Stagione 2020/2021.
Eugenio Toti
“Vogliamo essere una società diversa” Questo è il motto del nuovo team che quest’anno sarà responsabile della Stagione 2020/2021 della Scuola Calcio San Lorenzo. Il concetto è molto semplice ma geniale: dare la gestione di tutta l’attività completamente nelle mani degli Istruttori. Cosa significa? L’idea del Prof. Toti è quella di far gestire l’organizzazione dell’attività Scuola Calcio e pre-agonistica dalle stesse persone preposte alla didattica metodologica, a quella del rafforzamento delle capacità coordinative, condzionali, psico-pedagogiche e di tutti gli altri aspetti inerenti alla crescita tecnico, tattica, atletico e formativa dei piccoli atleti. I vantaggi saranno innegabili: periodi ottimizzati sotto tutti i punti di vista, allenamenti ed eventi e manifestazioni sportive calibrati in base all’interazione che il gruppo gestionale potrà fare direttamente sul campo osservando l’evoluzione sia dei singoli che delle squadre giorno dopo giorno. Chi saranno gli artefici di tutto questo? Un gruppo di Professionisti del settore con titoli guadagnati sui banchi dell’università attraverso corsi nazionali e l’esperienza pluriennale, elemento fondamentale nel mondo calcistico, acquisita direttamente sui campi di gioco. Di fatto vengono esclusi tutti quei personaggi privi di alcuna competenza didattica ed organizzativa che, purtroppo, nel mondo del calcio di base per tanto tempo hanno tarpato le ali formative di tanti piccoli atleti. Nel calcio di base non c'è più spazio per gli improvvisatori, gli avventurieri e/o faccendieri ... lo sport torni in mano ai veri sportivi che ne hanno fatto della loro vita una ragione, una missione coltivata e sostenuta con anni di studi formativi sia sul campo e fuori, teoria e pratica sempre al servizio dei giovani. Per questo la Scuola Calcio San Lorenzo oltre al già citato Prof. Eugenio Toti potrà avvalersi della collaborazione del Prof. Umberto Bona - anche lui personaggio ben noto nel panorama calcistico romano avendo svolto la propria attività nei settori giovanili delle più importanti e rinomate società calcistiche di Roma - e di un team composto da Laureati in Scienze Motorie ed Istruttori brevettati Uefa. Il nostro auspicio è che questo nuovo modello organizzativo trovi immediati e positivi riscontri e che possa essere di esempio a tutte le altre società di base in modo di favorire la crescita dei nostri giovani talenti per portare il calcio romano sempre più alla ribalta nazionale.











































Coronavirus, a Tor Bella Monaca scende in campo la protezione civile con la “Spesa amica”

Coronavirus, a Tor Bella Monaca scende in campo la protezione civile con la “Spesa amica” I volontari della protezione civile del sesto gruppo Tor Bella Monaca hanno avviato una raccolta di generi alimentari per i meno abbienti
Coronavirus, a Tor Bella Monaca scende in campo la protezione civile con la “Spesa amica”
In periferia la parola d’ordine è “solidarietà”. Lo sanno bene i volontari della protezione civile del sesto gruppo di Tor Bella Monaca che hanno avviato una raccolta di generi alimentari da donare alle famiglie meno abbienti che in questo periodo di emergenza per il contrasto da Covid-19 vivono momenti di difficoltà soprattutto economica. L’iniziativa si chiama “Spesa amica” e ha due punti di raccolta: la sede della parrocchia di via Acquaroni 71 (Tor Bella Monaca) e Casa della Misericordia a Finocchio.
Massimiliano Missori, responsabile organizzativo della protezione civile del sesto ai nostri taccuini ha raccontato la nascita dell’iniziativa: “Soprattutto grazie alle persone del quartiere, in tanti ci hanno chiesto come poter donare, come fare qualcosa e da questo input è nata Spesa Amica”. Immediata la collaborazione con alcuni negozianti del quartiere che hanno messo a disposizione le loro strutture: “Presso i supermercati di Tor Bella Monaca sono state posizionate delle ceste, i clienti possono lasciare beni alimentari acquistati durante la spesa, i nostri volontari passano per il ritiro e il confezionamento dei pacchi”.
La distribuzione avviene attraverso la Caritas e la Casa della Misericordia: “In alcuni casi doniamo pacchi a chi può consegnarli ad amici che vivono difficoltà economiche e che per imbarazzo non si rivolgono a noi direttamente, sono tanti i cittadini che hanno perso il lavoro in questa emergenza”. Altri pacchi vengono lasciati alla parrocchia di via Acquaroni che a sua volta li destina a 500 famiglie già beneficiare in passato: “Abbiamo dato la possibilità di incrementare il numero” ha concluso Missori. Tutti coloro che sono intenzionati a donare possono farlo recandosi presso la parrocchia, Casa della Misericordia o presso i supermercati aderenti all’iniziativa. “
fonte : http://torri.romatoday.it

































Presentazione del progetto Sport di Tutti

Aprilia - 24 Febbraio 2020

Si e’ svolta lunedì 24 Febbraio alle ore 10:00 presso l’Aula Consiliare del Comune di Aprilia la presentazione del progetto Sport di Tutti, promosso da Sport e salute S.p.A. e sviluppato sul territorio apriliano dall’ASD Paco Team Sgravatarrr, dalla presidente Gina Palma , dalla Life - Associazione per il miglioramento della qualità della vita della Dottoressa Paola Prosperi, (Life - Associazione per il miglioramento della qualità della vita - nasce nel 2012 senza fini di lucro e segue finalità di prevenzione e promozione della qualità della vita e del benessere Psicologico attraverso attività di formazione, informazioni e sostegno. Dal 2013 offre Seminari gratuiti con il Patrocinio del Comune di Aprilia, affrontando diverse tematiche: la genitorialità e il Parent Training, le paure e le ansie dei bambini, la comunicazione efficace, l’autostima) .
La sede dall’ASD Paco Team Sgravatarrr si trova presso il BoscoVillage (Il Bosco e' immerso in 10 ettari di verde, una grande piscina, un campo polivalente ciclismo,calcetto, volley, basket), 3 campi tende, barbecue, area pic nic, zona pranzo con 120 posti, tettoia in legno attrezzata, area mini club, percorsi natura ed avventura, orto didattico.)

Hanno portato il saluto del comune di Aprilia il presidente del consiglio Pasquale De Maio e il vice sindaco Lanfranco Principi.

Dopo una esauriente presentazione del progetto della presidente del BoscoVillage Alessandra Tofani
Sono intervenuti :
Giuliano Paco presidente ad honorem asd cicli Paco
Claudio Trovarelli resonsabile csain Roma ciclismo
Paolo Casconi tecnico Paco Team Sgravarrr
Fabrizio Di Somma Collaboratore Tecnico Ciclismo Paralimpico
Gian Luca Battaiola presidente Rainbow Aprilia
Marco Palazzi maestro arti marziali
Emanuele Casilli istruttore arti marziali
Giuseppe Tassi vice presidente asd Paco team
Denis Mariangeli collaboratrice Life
e i giovani atleti : Leonardo - Jason - Maria - Alessandra - Mattia - Andrea - Gabriele che hanno voluto esprimere chiaramente i loro concetti sul ciclismo

Il Progetto ha lo scopo di sviluppare concretamente il principio del diritto allo sport per tutti, supportando sia le famiglie che, a causa delle difficili condizioni economiche e sociali, non possono sostenere i costi dell’attività sportiva extrascolastica, sia le associazioni e società sportive che già svolgono attività di carattere sociale sul territorio.

Sport di Tutti prevede lo svolgimento di attività sportiva pomeridiana, offerta gratuitamente a bambini di età compresa tra i 5 ed i 18 anni, appartenenti a famiglie che versano in difficili condizioni economiche e sociali.

























































Prima gara della stagione per il Team Ladispoli Triathlon! ed e' subito un successo

Sabaudia Duathlon di Carnevale (Silver Rank)
bellissima ed impareggiabile giornata di Sport, a Febbraio, cosa che solo Sabaudia poteva offrire- 2 prova del Campionato Interregionale Lazio/Umbria
Sabaudia (LT) Lazio
5 Km 🏃‍♂️ / 20 Km 🚴‍♂️ / 2,5 Km🏃‍♂️
Risultati
► Ferri Fabrizio: M2 - Time 01:05:54 - 8° di Cat.
► Pera Mauro: M1 - Time 00:57:08 - 5th ASSOLUTO, 1° di Cat.
► Bertaccini Luca: S4 - Time 00:58:16 - 9th ASSOLUTO, 2° di Cat.
► Cacciamano Gianluca: M2 - Time 01:11:17 - 13° di Cat.
► Carancini Azzurra: M1 - DNF
► Ciavola Loredana: M3 - DNF
► Bertaccini Massimo: M6 - Time 01:14:43 - 1° di Cat.
► Tenti Stefano: M4 - Time 01:19:26 - 8° di Cat.
► Basso Gianluca: M3 - Time 01:18:11 - 10° di Cat.
► Mura Gabriele: M2 - Time 01:10:35 - 12° di Cat.
► Cocchi Gioele: S4 - Time 01:20:12 - 7° di Cat.
► Mariani Andrea: S3 - Time 01:06:09 - 2° di Cat.
► Bianco Marco: S1 - Time 01:01:53 - 5° di Cat.
































COPPA LAZIO 2020 - CICLI LIBERATI

Claudio Trovarelli responsabile ciclismo Roma e il giudice nazionale Pierluigi Vacca hanno premiato la storica azienda cicli Liberati di Roma per la collaborazione ormai decennale con l'organizzazione della Coppa Lazio

Nella Foto il titolare Checco Liberati con il figlio Fabrizio Liberati nella nuovi locali espositivi in viale San Giovanni Bosco 42

Confermata la collaborazione anche per il 2020 tra la Coppa Lazio e cicli Liberati di Roma

Breve storia della cicli Liberati :
L'azienda nasce nel 1957 quando Primo Liberati e sua moglie Gabriella aprirono lo storico negozio nel quartiere Tuscolano in viale San Giovanni Bosco, trasformando cosi' la grande passione per il ciclismo in un lavoro.
Primo Liberati infatti sin da bambino era un grande amante della bicicletta: passo' la sua gioventu' sulle due ruote tra fatica, gioie e sudore, partecipando a molte gare ed arrivando fino alla categoria dei dilettanti.
Nonostante l'avanzare dell'eta', la passione per il ciclismo non invecchiava mai, cosi' nel 1957, grazie all'amore ed all'aiuto di sua moglie Gabriella, questa sua grande passione si trasformo' in professione.
Passione-Rispetto-Sacrificio-Sudore,
valori tipici che si celano dietro ad ogni pedalata, furono da subito messi anche nel lavoro e trasmessi anche ai due figli Francesco ("Checco") e Silvana.
In oltre 50 anni di storia, sia Primo che suo figlio "Checco", hanno sempre rivolto i loro sforzi verso la bicicletta e, in special modo, verso il magnifico mondo del ciclismo amatoriale, organizzando e sponsorizzando numerose corse e manifestazioni ciclistiche, nella convinzione che la passione per il ciclismo non conosce professionismo e che i kilometri percorsi in sella non conoscono differenza.
























































Si svelano i vincitori dei Criterium Trail, Triathlon e Ciclismo del 2019

Cari amici orange,
la stagione sportiva 2019 si è appena conclusa e pertanto adesso possiamo svelarvi i nostri atleti che più si sono contraddistinti per bravura e per costanza durante tutti i 365 giorni dell'anno appena trascorso.
In particolare in questo avviso vi sveleremo i Vincitori dei vari Criterium Trail, Triathlon e Ciclismo.
Ricordiamo a tutti i vincitori che la premiazione avrà luogo durante la Cena Sociale Venerdi 10 gennaio 2020, alle ore 20:00 presso l'Antico Casale La Carovana, in Viale di Vigna Pia 33 a Roma.
Chi non lo avesse ancora fatto è pregato di segnarsi nell'apposita gara fittizzia "Corri alla Cena Sociale".
VINCITORI CRITERIUM TRAIL
Criterium Gare Disputate:
Uomini 1. Ettore Golvelli (22 gare) 2. Lorenzo Pietrosanti (11 gare) 3. Emanuele Bruni (9 gare) Donne 1. Ionela Daniela Vanescu (36 gare) 2. Ilaria D'antonio (14 gare) Criterium Km percorsi: Uomini 1. Giovanni Battista Torelli (732 km) 2. Marco Perrone Capano (561 km) 3. Marco Speranza (116 km) Donne 1. Daniela Nami (403 km) 2. Germana Bartolucci (214 km) Criterium Dislivello Positivo: Uomini 1. Alessandro Todde (30.130 D+) 2. Matteo Quintiliani (9.120 D+) Donne 1. Lorella Campi (14.384 D+) 2. Maria Bianchetti (7.325 D+) VINCITORI CRITERIUM TRIATHLON Criterium Sprint & Olimpici: Uomini 1. Marco Accardo (6530 punti) 2. Matteo Pavia (5069 punti) 3. Mario Rogerio Dos Santos (4248 punti) Donne 1. Francesca Nardone (2155 punti) 2. Elisabetta De Santis (1632 punti) 3. Maria Casciotti (1261 punti) Criterium Cross-Country: Uomini 1. Marco Accardo (1004 punti) 2. Marco Mechelli (376 punti) 3. Flavio Noro (323 punti) Criterium Medio-Lunghi (70.3-140.6): Uomini 1. Marco Accardo (2708 punti) 2. Giulio Fazio (1087 punti) 3. Giorgio Cirillo (917 punti) Donne 1. Francesca Piacentini (847 punti)
VINCITORI CRITERIUM CICLISMO
Criterium Gare Disputate:
1. Alessandro Buccini (12 gare) 2. Epifanio Giannetto (10 gare) 3. Andrea Giannetto (4 gare) 3. Valerio Manili (4 gare) 3. Maria Morganti (4 gare) Nel ringraziarvi per l'attenzione si riportano alcune informazioni riguardanti l’attività del nostro Gruppo Podistico che ti aiuteranno a conoscerci e a capire chi siamo e come siamo organizzati.

Ho il piacere di presentare la nostra Associazione Sportiva Dilettantistica Podistica Solidarietà che nasce nel 1995 come sezione sportiva all’interno dell’Associazione Gruppo di Solidarietà della Banca d'Italia
Scopo principale: correre e fare “Solidarietà” attraverso la partecipazione a gare Fidal e non che attribuiscono premi in denaro ai gruppi podistici più numerosi da devolvere poi in beneficenza.
Novembre 2001 inizia un processo di rinnovamento con la nomina del nuovo Presidente, attualmente in carica, il rinnovo del Consiglio Direttivo e di tutte le cariche in seno al Gruppo, è stato dato un nuovo e più dinamico impulso a tutta l'attività podistica e solidale; prova ne sono i risultati sportivi ottenuti e la collaborazione raggiunta con organizzazioni Onlus come la Komen Italia, l'A.I.S.M., l’A.I.L., il M.A.I.S., l’Acorp, la Caritas e la Fondazione TELETHON per il quale Comitato abbiamo organizzato insieme al GS Bancari Romani le edizioni Romane della Walk of Life.
Il 2017, il nostro 23° anno di vita, abbiamo ottenuto brillanti risultati in tantissime gare, in alcuni casi con addirittura numeri da capogiro; in particolare alla Corsa di Miguel, con quasi 400 atleti giunti al traguardo, alla Roma-Ostia dove abbiamo sfondato il muro delle 500 presenze, alla Maratona di Roma con quasi 250 atleti all’arrivo, all’Appia Run e alla Corse dei Santi anche qui con oltre 300 atleti sul percorso. Inoltre da ricordare i successi alla Race for the Cure, alla Jennesina, al Giro del Lago di Campotosto, alla Speata, alla Roma by Night, alla Maratona a Staffetta dove con una prova magistrale dei nostri Top abbiamo avuto la meglio sulle altre squadre, alla We Run Rome, per culminare con i successi ottenuti al Cortocircuitorun e al Circuito Opes Latina.
Il 2017 ci ha visti come da tradizione in prima linea sul fronte della Solidarietà: tantissime iniziative solidali che si rinnovano ogni anno e nuove iniziative che ci vengono proposte anche dagli atleti stessi. Continua in primis il nostro sostegno alle persone colpite dal sisma del 2016, grazie anche alle donazioni che abbiamo ricevuto da parte di altre squadre podistiche e alla raccolta che è stata effettuata tra gli atleti orange. Continuano infatti le nostre mission ad Amatrice e nei comuni vicini per portare, oltre al nostro affetto e alla nostra vicinanza, generi di conforto e di prima necessità agli sfortunati che sono rimasti senza casa, senza lavoro e nel peggiore dei casi anche senza famiglia. Il nostro impegno per questa gente bisognosa non si ferma qui ma continuerà anche nel nuovo anno e cercheremo nel nostro piccolo di riportare loro il sorriso e la speranza.
Continuiamo a sostenere i nostri ragazzi adottati a distanza: ne abbiamo ben 7, grazie anche al generoso contributo dei nostri soci ordinari, sostenitori e benemeriti, presenti in massa presso il Servizio Fabbricazione Valori della Banca d'Italia coordinato dal nostro Sergio Paolone. Incessante la nostra opera di raccolta sangue grazie alla collaborazione con AdSpem con cui abbiamo potuto rispondere sempre presente alle richieste di aiuto giunteci, grazie ai nostri donatori.
Siamo sempre presenti nelle iniziative benefiche volte al miglioramento delle condizioni sanitarie ed alfabetizzazione dei bambini africani, grazie alle mission di alcuni volontari orange tra cui il nostro Aldo De Michele che spesso ci aggiorna sui progressi e sui risultati ottenuti. Continuiamo a sostenere la Caritas attraverso il servizio mensile alla Mensa di Colle Oppio grazie alla puntuale organizzazione del nostro Raffaele Bonfiglio e alla presenza costante dei nostri atleti orange.
Inoltre abbiamo anche quest’anno effettuato le raccolte fondi a favore della Komen Italia Onlus, dell’A.I.L., dell’A.I.S.M., e effettuato ancora tantissime donazioni a Isla Ng Bata, a Sulla Strada Onlus, a Rari ma Speciali e a tante altre associazioni piccole e grandi che potete leggere di seguito. Abbiamo acquistato dalle onlus uova pasquali che sono stati donati ai nostri piccoli orange in occasione della Pasqua degli Arancini e gadget natalizi che varranno donati alla cena sociale e che troverete nei pacchi premio dei vari criterium insieme a coppe e madaglie. Abbiamo cercato di aiutare nel nostro piccolo anche alcuni nostri orange in difficoltà economiche nonché tante famiglie bisognose che voi stessi ci avete segnalato.
Questo è stato in breve il 2017, un anno che ci ha visto come al solito correre insieme, vincere e fare Solidarietà così come è nel nostro spirito.
E per il 2020? Avanti così sicuri che la nostra attività sarà di aiuto a chi dalla vita ha ricevuto poco.
Al nostro interno abbiamo costituito:
- la Scuola di Atletica Leggera con specifico riferimento alla pratica della Corsa condotta da Giuseppe Coccia;
- la Sezione di Fit Walking coordinatori Agnese Zanotti e Enrico Zuccheretti per chi volesse provare l’emozione di camminare in armonia ed ottenere grandi benefici per il corpo e la mente;
- la Sezione Trail, coordinatori Marco Perrone Capano, Maria Bianchetti e Fabrizio De Angelis, per chi volesse provare l’emozione di camminare in mezzo ai boschi, in riva a fiumi e ruscelli, tra monti e valli in fior, a contatto con la natura lontani dal traffico e dallo smog;
- la Sezione Triathlon coordinatore Gianluigi Martinelli per gli amanti della triplice disciplina nuoto, bici e corsa;
- la Sezione di Atletica Leggera in Pista condotta e organizzata sapientemente dal nostro Marco Taddei;
- la Podistica Solidarietà Cycling Team già conta più di 50 ciclisti coordinata da Balzerani Umberto.
Per entrare a far parte della Podistica Solidarietà non serve necessariamente essere dei fenomeni vanno bene anche i gregari, purché abbiano voglia di correre e di aiutare il prossimo e seguire le istruzioni contenute nelle MODALITA' DI ISCRIZIONE




































































































Bimbi in Bici OffRoad 2019

Ancora un successo per il “Bimbi in Bici” evento gratuito in Mountain Bike che si è svolto presso la MTB Formello Bike School.

La manifestazione organizzata dall’A.S.D. MTB Formello con il patrocinio del Comune di Formello e dell’ Ente Regionale Parco di Veio ha registrato la presenza di oltre cinquantoa bambini e tanti genitori per una pedalata in un clima giocoso, sano e alla presenza di istruttori qualificati.

Dopo il saluto del Presidente onorario Dino Gizzi e dell’Assessore all sport del Comune di Formello Roberta Bellotti, le quattro squadre con colori diversi hanno preso il via su un percorso di mille metri tra curve, dossi e prove di agilità.

Nel finale medaglia, panettone ed un buffet per tutti i partecipanti.













































Roma - 24 Novembre 2019 - Trofeo Soriano nel Cimino

Neppure il fango riesce a fermare la corazzata asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Fabrizio Trovarelli supera brillantemente il test del fango e si aggiudica la sesta prova del Lazio cross svoltasi nell'impianto dello Sporting Village in provincia di Viterbo.

Riesce a prevalere sull'agguerita concorenza e mantenere la maglia di capoclassifica Lazio Cross , secondo assoluto Giovanni Gatti di Team Castello Bike Race Mountain e terzo posto per il ternano Leonardo Caracciolo (SC Centro Bici T. Terni).

Con un'ottima prestazione sul fango , prende confidenza con le zone alte della classifica e si piazza nella top five amatori master dai 45 anni in su Marco Fortunati ( Bikelab scuola ciclismo )
Il podio vede uno scatenato Massimo Folcarelli guidare la classifica davanti a Gianni Panzarini (Drake Team Cisterna) e ad Alberto Laloni (Asd Abitacolo Sport Club). Mario Quattrini domina nella categoria M6 e tra i Master di Fascia 3 seguito da Maurizio Fratticci (Ciclotech) e da Claudio Albanese (Mtb Santamarinella Cicli Montanini) La societa' ringrazia per l'appoggio gli sponsor della nuova stagione : BCC di Roma , ristorante " Due Archi " , Lazer Shimano , Gioielleria Gambacurta.

Oggi la carovana dei ciclocrossisti e' stata ospite di Soriano nel Cimino , comune italiano di 8.174 abitanti della provincia di Viterbo nel Lazio. Dista 15 chilometri da Viterbo ed è il comune più grande del comprensorio dei Monti Cimini, oltre a essere uno dei più popolosi della provincia di Viterbo. Soriano sorge a 509 m s.l.m., su una collina compresa tra due corsi d'acqua, alle pendici del Monte Cimino, la cima più alta dei Monti Cimini, in posizione mediana tra il mar Tirreno e l'Appennino centrale. Il territorio di Soriano nel Cimino si estende su una superficie di 7848 ha per un'altimetria media di 510 m s.l.m. e confina con i comuni di Bassano in Teverina, Bomarzo, Canepina, Vallerano, Vasanello, Vignanello, Viterbo, Vitorchiano. Dal Monte Cimino hanno origine la maggior parte delle sorgenti che formano i corsi d'acqua del territorio: i torrenti Vezza, Martelluzzo, Serameia e Serraglio, e i fossi del Mandrione, di Valle Oscura, della Sanguetta, dell'Acqua Fredda, degli Orti, della Molinella e di Castello. Tutti vanno a gettarsi nel fiume Tevere o nei suoi affluenti.

Prossimo appuntamento per l'ottava prova a domenica 22 Dicembre 2019 presso il parco laghi dei Reali, a Tivoli in via Tiburtina Valeria .










































































Roma - 17 Novembre 2019 - Trofeo Banca d'Italia

Continua la striscia positiva nel mese di Novembre per la asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

I portacolori della scuola ciclismo Fabrizio Trovarelli e Marco Fortunati si mettono in evidenza sul classico percorso romano

Anche nella tappa di domenica 17 Novembre 2019 a Roma, del master cross ottiene la vittoria assoluta con il giovane Fabrizio Troverelli e la seconda in m1 con Marco Fortunati nelle due gare disputate.

Nella seconda batteria dedicata ai giovani dai 19 ai 44 anni Fabrizio Trovarelli ( Bikelab scuola ciclismo )con il tempo di 56.07 anticipa Palmerino Di Cristo ( Vesuvio mountanbike ) 57.53 e Piero Rosati ( Ciampino Bike ) 57.56.
Ottima la prestazione dei compagni di squadra , nella categoria M1 , Davide Mattacchioni ottiene il secondo gradino e il quarto Domenico Cartolano

La seconda batteria dedicata agli amatori master dai 45 anni in su con il tempo di 41.37 Marco Fortunati ( Bikelab scuola ciclismo ) con una gara da vero protagonista si prende il secondo gradino nella categoria m5 , la categoria e' ad appannaggio dell'atleta Stefano Coscia ( Lazzaretti racing team ) in 41.32 . sul terzo gradino sale Francesco Masullo (Movicoast sport e turismo ) con il tempo di 42.02

Nonostante le forti piogge notturne il terreno della Banca ha ben drenato e ha permesso che la gara si svolgesse senza particolari problemi.

Si ringraziano gli sponsor della stagione 2020 : BCC di Roma , ristorante " Due Archi " , Lazer Shimano , Gioielleria Gambacurta.
La societa' si sta' impegnando sempre piu' affinche' i giovani atleti possano crescere in tranquillita' nella scuola ciclismo della Bikelab di Viale Adriatico 54.

Un risultato che conferma lo stato di forma degli atleti del team romano e da' il morale giusto per il prosieguo della stagione ciclocrossistica 2019/2020.

































































CSAIN ROMA

Anche quest'anno si sono riunite le piu' importanti societa' ciclistiche laziali ,per festeggiare il 2019 e presentare la stagione ciclistica 2020 ritrovo gli accoglienti locali del ristorante " Villa Marsili" di via Casilina (Roma).

Presentate le nuove iniziative del ciclismo 2020.

Presentato il nuovo calendario 2020:
Fatta una esaudiente presentazione , le gare inizieranno la prima domenica di Marzo, per terminare l'ultima domenica di Settembre.
Presentato il nuovo giro internazionale del Lazio (gara in 4 tappe , dal 30 Maggio al 02 Giugno , aperta a fci e tutti gli enti convenzionati) gia' da lunedi si potranno effettuare le iscrizioni sul sito https://www.speedpassitalia.it.
Senza naturalmente dimenticare le varie manifestazioni cicloturistiche sia su strada che in mtb e le non meno importanti Randonnee .
Ha relazionato sui nuovi corsi per direttori di corsa svoltisi presso il Il Centro di Preparazione Olimpica Acqua Acetosa “Giulio Onesti” come da protocollo d'intsa e sui seminari d'aggiornamento fiscali.

Premiata la asd Picar come vincitrice del Campionato di Fondo Cicloturismo 2019 , ha ritirato il premio il presidente Romano Pace (insignito in questi giorni della stella d'argento CONI per meriti sportivi ),
Premiata la scuola di ciclismo MTB Formello ( presidente Dino Gizzi) in soli due anni e' diventata un punto di riferimento nazionale e la neonata scuola di ciclismo cicli Paco team (presidente Giuliano Palma ) .
Per l'attivita' svolta in favore della buona riuscita della Coppa Lazio 2019 , premi particolari sono stati assegnati all'imprenditore Cristiano Taccone ( Taccone cycling wear ) e Checco Liberati ( cicli Liberati di Roma ) .

Mossiere della cerimonia Claudio Trovarelli , responsabile ciclismo di Roma . Come sempre molto partecipata e fruttuosa la riunione,ampiamente discusse le novita' che interesseranno il piu' importante circuito ciclistico amatoriale a tappe del centro Italia , che comprendera' anche delle interessanti mediofondo .
Confermato l'accordo quadriennale con Andrea Vessella ( scorte tecniche Vessella) .
Visti gli ottimi risultati delle precedenti edizioni , sono state confermate le collaborazioni con il : Servizio Sanitario Organizzazione Associazione Nazionale Vigili del fuoco in congedo-VI Gruppo e la Federazione Italiana Cronometristi FICR .
i documenti per affiliazione e tesseramento si possono scaricare da : http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm - ciclismo_spv@hotmail.com - 333.4829110












































Roma - 03 Novembre 2019 - Trofeo I Granai

Prestazione da 10 e lode della asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

I portacolori della scuola ciclismo Fabrizio Trovarelli e Marco Fortunati si mettono in evidenza sul veloce circuito dei Granai

Successo per il team capitolino, che nella tappa di domenica 03 Novembre 2019 a Roma, del master cross ottiene la prima piazza assoluta con il giovane Fabrizio Troverelli e la terza con il piu' navigato Marco fortunati nelle due gare disputate.

Nella seconda partenza riservata ai giovani dai 19 ai 44 anni Fabrizio Trovarelli ( Bikelab scuola ciclismo )con il tempo di 51,20 anticipa Domenico Ponzo ( Piesse Ciclyng ) 52,31 e Andrea Lai ( Team Bike Palombara Sabina ) 53,54.
Buona la prova dei compagni di casacca Davide Mattacchioni che ottiene la terza piazza in M1 e sesto Domenico Cartolano (nonostante sia super impegnato per l'organizzazione delle prossime nozze con la dolce miss Francesca)

Nella prima gara riservata agli amatori master dai 45 anni in su con il tempo di 53,55 Marco Fortunati ( Bikelab scuola ciclismo ) si prende il terzo gradino assoluto (il secondo della categoria m5) , la gara e' ad appannaggio dell'atleta Eugenio Feliziani ( asd Seven ) , sul secondo gradino in 53.52 Paolo Casconi (cicli Paco team )

Il percorso dei Granai e' sicuramente veloce ma allo stesso tempo tecnico , mettendo in evidenza i corridori piu' preparati.

Un risultato che fa ben sperare il team capitolino per il prosieguo della stagione ciclocrossistica 2019/2020.

Una societa' che si sta' impegnando affinche' delle nuove leve possano crescere in armonia nella scuola ciclismo della Bikelab di Viale Adriatico 54.
Si coglie l'occasione per ringrazziare gli sponsor : BCC di Roma , ristorante " Due Archi " , Lazer Shimano , Gioielleria Gambacurta.






























































21 BICI CASTAGNATA

MEMORIAL ENZO MORONI

CAVE 27 OTTOBRE 2019

Bellissima manifestazione sportiva cicloturistica - XVII Memorial Enzo Moroni - organizzata dagli amici di Cave in occasione della 85^ sagra della castagna e dei prodotti tipici locali, Presenti le piu' importanti realta' ciclotustiche Laziali
Ogni ultimo fine settimana di ottobre le strade e i vicoli del borgo vecchio si riempiono di gente e di angoli in cui si possono degustare oltre al frutto prelibato piatti della cucina locale.

Nei tre giorni si susseguono musica, danze, profumi, sapori nonché colori e tanto divertimento.

Al termine della manifestazione sportiva , una pedalata svolta ad andatura controllata dai giudici nazionali csain , che ha permesso a tutti i partecipanti di godere delle bellezze delle campagne di Cave e Valmontone , sfiorando la limitrofa Palestrina.
Dopo un gustoso rinfresco offerto a tutti i partecipanti , il primo cittadino di Cave Angelo Lupi insieme a Gigi Sgarbozza (opinionista sportivo) e Sandro Vendetti Presidente della Associazione Sportiva Ciclistica Cavese, alla presenza dei famigliari. hanno voluto rendere omaggio, a distanza di 17 anni dalla scomparsa, alla memoria dell'amico Enzo Moroni.

( Cave è un comune italiano di 11 398 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale nel Lazio.La città di Cave è ai piedi dei Monti Prenestini, circondata da boschi di castagno e ceduo. Il punto più elevato del territorio comunale, in gran parte collinare (300 m s.l.m.), si raggiunge con i 450 m s.l.m. della Montagnozza.Cave fu uno dei più antichi castelli del medioevo nel Lazio. Fu feudo dei Colonna; vi si conservano alcuni avanzi medioevali di molta importanza, fra cui le vestigia dell'antico castello e delle sue mura. I primi abitanti del nostro territorio, che dimoravano in sparsi casolari, erano degli ‘'agri praenestini incolae'’. Tutto il territorio di Cave nel medioevo era chiamato ‘'territorium Trebanense'’, come si riporta in Memorie Cavesi, la prima storia della città, scritta nel 1941 da mons. Nazzareno Marianecci. Qui nel medioevo, verso la contrada Campo-Cannetaccia, esisteva un castello (‘'oppidum'’) col nome di ‘'Castrum Trebanum'’; sempre qui, secondo un documento del secolo V, esisteva la ‘'Via Trivana'’ o ‘'Trebana". L'antico ‘'territorium Trebianum'’ col suo ‘'Trebium'’ doveva essere nella località Cruci, dove il territorio di Cave confina con quelli di Valmontone e di Genazzano: qui l'antica via Trebana, Morino-Potano-Valli, s'immetteva nella Prenestina delle Selci proveniente da Preneste, formando un trivio, da cui forse viene il nome ‘'Trebium'’. Nel secolo X, a circa un miglio da ‘'Castrum Trebanum'’ verso Preneste, dove erano state aperte le cave di pozzolana e tufo, si stava formando una nuova comunità abitativa: da ‘'Cavarum Terra'’ deriva l'attuale etimologia "Cave" (Italia). Probabilmente lo sviluppo di questa comunità fece abbandonare, qualche secolo più tardi, ‘'Castrum Trebanum'’, lasciandolo in completa rovina. Nel 1117 in ‘'Castrum Trebanum'’ stazionò per qualche giorno papa Pasquale II che da Anagni si recava a Palestrina a consacrare la Cattedrale di Sant'Agapito martire.)







































































Trevignano (RM) 20/10/2019

38 ° Edizione della gara sociale asd G.S Franchi-Valcelli.

Ospiti di Anguillara,da dove veniva dato lo start alla crono sociale ( Anguillara e' posta sui rilievi Sabatini, si estende su un promontorio sulla sponda sud-orientale del Lago di Bracciano, il terzo per estensione fra i laghi dell'Italia centrale, ne fa un importante centro turistico e balneare. Nel territorio comunale, ricadono anche le sponde del lago di Martignano, condivise con i comuni di Roma e Campagnano di Roma.) e dopo 18 chilometri si arrivava a Trevignano,( posto sulle alture dei Sabatini, sorge su un'insenatura del lago di Bracciano settentrionale; il centro cittadino – con la relativa sede comunale – e' ubicato sull'estremo occidentale di tale insenatura, mentre sull'estremo orientale sorge Poggio delle Ginestre. Costituisce il vertice superiore di un ideale triangolo equilatero ai cui vertici opposti si trovano gli altri due comuni lacustri maggiori, Bracciano e Anguillara Sabazia

Degna chiusura di una stagione piena di avvenimenti e' stata la 38° edizione della gara sociale asd G.S Franchi-Valcelli, il presidente Gianni Franchi ha riunito atleti e famigliari.

Le migliori prestazioni sono quelle di Elio Barsotti , Mario Nanni , Leandro Porto , Nanni D. , Nanni S. , Pelacchi , Pozzato , Nanni S. , Madonna , Fiocchi , Armezzani , Di Calsi , Furlotti. comunque tutti hanno dato il massimo

Il pranzo sociale si e' svolto presso il rinomato ristorante " Casina Bianca " in una atmosfera di sana convivialita' ( la trattoria a conduzione familiare, sul lungo lago a Trevignano. Dispone di un largo spazio esterno, sotto un fitto pergolato di vite americana, che guarda da vicino quelle brillanti acque. Cucina semplice, classica e casareccia, compresa in un menu' articolato, ma essenziale: antipasti della casa, lasagne, cannelloni, fettuccine e chitarrine ai porcini o ai piselli, pasta e fagioli, riso e lenticchie, pesce fresco di lago: coregone ).

Breve storia del GS FRANCHI-VALCELLI : L’azienda Franchi nasce nel 1940 dalle capacita' , l’inventiva, lo spirito di sacrificio e l’entusiasmo di Antonio Franchi quando, all’eta' di 13 anni, provvide al mantenimento della famiglia durante la guerra. In un magazzino comincia a saldare, costruire e riparare biciclette e carrozzette . Nel 1952 Antonio trasferisce l’azienda nella sede attuale. Accompagnato da sua moglie, la signora Iole, incrementa il lavoro passando anche a moto, motocarrozze e auto, fornendo assistenza e ricambi su tutti i campi. Subito dopo fondo' il gruppo motociclistico per girare l’Europa, partecipare a moltissimi raid motociclistici e vincere numerosi trofei. Nei primi anni 70 lascia il gruppo motociclistico, ma non la sua passione per le due ruote a motori che continua a vendere fornendo assistenza su tutta la gamma. Nel 1972 fondo' il Gruppo Sportivo Ciclistico Franchi, un nuovo modo di fare ciclismo, perche' il GS Franchi fu una delle primissime associazioni ciclistiche cicloamatoriali che promosse l’idea della Gran Fondo ciclistica.Nel 1976 il Gs Franchi promosse la Gran Fondo Roma-San Benedetto del Tronto Km 225, che si avvia verso i suoi Quarant’anni ed e' presente nel calendario delle Gran Fondo come classica nazionale. Tra le altre Granfondo organizzate spiccano la Roma-Piombino-Isola d’Elba, la Roma-Cascia e le piu' attuali Roma-Assisi, Roma-Chianciano, Roma-S.Giovanni Rotondo. Affiliato inizialmente alla Federazione Ciclistica Italiana con piů di 300 iscritti, ne diventa Campione Nazionale di Cicloturismo nel 1981, sfiorando titolo altre cinque volte e vincendo piu' volte i Campionati Regionali FCI. Nel 1985 insieme al Dott. Sergio Balestrini Presidente dell “‘Europae Fami.li.a” fonda e organizza la manifestazione “Viva la Befana” . Una passeggiata ecologica in bici, capeggiata da una Befana su auto d’epoca che si articola per le strade del centro storico di Roma fino ad arrivare a Castel Sant’Angelo e a chiudere il tradizionale corteo che sfila da Via della Conciliazione fino a Piazza San Pietro per assistere all’Angelus del Santo Padre. Oggi i figli Giovanni e Fabrizio insieme alla mamma Iole portano avanti con entusiasmo e impegno la bellissima eredita' lasciata da Antonio Franchi, continuando la propria attivita' nella vendita di biciclette, assistenza e ricambi nella sede di Via dei Galla e Sidama 3 (Quartiere Africano) e nella vendita di moto, assistenza e ricambi nella sede di Via Adamello 29 (Montesacro) e con l’ Associazione Sportiva per cicloamatori. Dal 1996 affiliato alla US ACLI e' divenuto piu' volte Campione Italiano e nel 2006 il GS FRANCHI si e' unito il GS VALCELLI dando vita al GS FRANCHI-VALCELLI e affiliandosi allo CSAIN dedicandosi sia a cicloraduni, che a Gran Fondo che a gare su strada e ciclocross















































































Supino (FR): De Santis e Pensiero in parata al 9° trofeo Dario Mancini, manifestazione di chiusura del circuito AgroPontinoCiociaro MTB 2019

I due portacolori del Team HGV Cicli Conte Fans Bike, hanno dato spettacolo nell'ultima prova del Circuito AgroPontinoCiociaro, intitolata alla memoria del compianto Dario Mancini, conquistando rispettivamente la prima e seconda posizione. Podio completato dall'ottimo Palmiro Toti. Nelle altre categorie, affermazioni per Ticconi (Debuttanti) e Tozzi nei Super G. Giornata di sport nel comune ai piedi dei Monti Lepini, con l'ultima fatica del Circuito AgroPontinoCiociaro MTB .
Ben sette le prove affrontate, con l'ultima conclusiva fatica, per i numerosi partecipanti, che ha interessato il tracciato supinese, interamente chiuso al traffico, con doppio transito nella piazza principale con gradito apprezzamento dei cittadini.
Sei giri di un anello di quattro chilometri che oltre a toccare il centro cittadino, si è snodato nel bosco di faggi e castagno a margine della città, dove i partecipanti hanno espresso le loro capavità di guida. L'arrivo posto di fronte l'abitazione della famiglia Mancini, ha visto transitare per primi i due alfieri della formazione HGV Cicli Conte, che, sin dalle prime pedalate, hanno distanziato i rispettivi avversari.
Dopo le fatiche di giornata, culminate al termine delle sei tornate, i concorrenti hanno degustato un piccolo buffet, seguito dal pasta party presso la Locanda Migliori, prima di ricevere i giusti riconoscimenti, con la ricca premiazione allestita dalla famiglia Mancini con il patrocinio del Comune di Supino. Un grazie particolare è stato espresso dall'organizzatore Davide Mancini all'Amministrazione Comunale, nelle persone del Sindaco Gianfranco Barletta, degli assessori Massimo Cerilli, Cataldo Ippoliti e Anna Iacobucci. Ottimo l'operato dei Carabinieri, della Polizia Municipale, Protezione Civile, al Servizio Civile, che hanno presidiato l'intero percorso di gara.
L'organizzatore ha avuto parole di elogio anche per lo Staff di collaboratori, magistralmente guidati da Albino Bondatti e David Coletta, autori materiali, insieme alla famiglia Mancini dell'intero percorso di gara.
Nonché i ringraziamenti per gli Sponsor che hanno supportato manifestazione. Dopo la premiazione di tappa, con il coordinamento del Presidente Saccoccio e assistenza dei collaboratori del comitato provinciale D’Urso, Grimaldi,Pimpinella, Di Falco e Trinca, si è svolta la premiazione dell'intero circuito con tanti e ricchi premi individuali e di Società. L'appuntamento per il Memorial Dario Mancini è rinnovato al prossimo anno per la decima edizione, è già al lavoro per la programmazione del 17° Torneo AgroPontinoCiociaro.
La manife stazione ha anche tenuto a battesimo, in terra ciociara, la settimana del progetto sociale “100 piazze” .







































Ecco i nuovi CAMPIONI ITALIANI Vigili del Fuoco

PERRERA – GUASTINI – PERILLI – PAULETTO – ROSSI – RUBECHINI – DURANTE – MERVIG – SAVOCA

Prato. Si è svolto questo pomeriggio, nella cittadina laniera, il 30° Campionato Italiano di Ciclismo su Strada dei Vigili del Fuoco, organizzato dall’Asd Vigili del Fuoco di Prato, in collaborazione con la FCI Regione Toscana e la Uisp, con il patrocinio dei comuni di Prato, Poggio a Caiano e Carmignano.
Oltre 130 atleti, provenienti da ogni parte d’Italia, hanno preso il via in un unica partenza alle ore 14,00, dal punto di ritrovo, presso l’area sportiva dei Cavalieri a Iolo di Prato.
Il percorso di gara, prevedeva tre giri pianeggianti tra Via Nebbiaia, dove era posto anche l’arrivo, Le Fontanelle, Poggio a Caiano, Poggetto e ritorno al Macrolotto, quando poi al terzo giro la corsa si è diretta verso Comeana e dallo strappo di Poggiorsoli a Villa Le Farnete, La Serra, fino a Carmignano, Gpm con successiva discesa su Seano e ritorno al traguardo, questo per due tornate e totali 77 km.
La corsa parte subito velocissima e già sullo stappo della Villa Medicea di Poggio a Caiano, si intuiscono le azioni belliche dei contendenti alla vittoria. Nel corso del primo giro si avvantaggiano in sei atleti, questi sono: Marco Monti M5 del Sanetti Sport Grisù Roma, Agostino Durante M6, del Gs Pinarello Treviso, Mauro Pasero M4, Gs VVFF Cuneo, Luca Rubechini M5, del Gs Giuliodori Ancona, Claudio Capitini M6 Uc Bastia Perugia e Fabio Ghilardini M6, Cicli Bettoni Bergamo.
Dopo circa un vantaggio di 1’15” partono dal gruppo anche Dario Perilli del Team Bennati Arezzo e Bruno Sanetti Sanetti Sport Grisù Asti. I due nel giro di 5 chilometri come in una cronocoppie, rientrano sui fuggitivi e concludono i tre giri pianeggianti, andando ad affrontare lo stappo di Via Poggiorsoli, l’inizio della salita che si concluderà a Carmignano. Sanetti forza il passo, Perilli resta attaccato alla sua ruota sotto il forcing dell’atleta Laziale in forza alla compagnia Astigiana, dietro non tengono il passo e sullo strappo lasciano andar via la coppia.
Sul gruppetto degli inseguitori rientrano anche Andrea Pauletto M3, dell’ MeM Racing team di Treviso e Francesco Robaldo M2, del Gs Cuneo. La coppia al comando vola via di comune accordo, solo sul finale inizia un pò di controllo tra di loro. Mentre dietro si riavvicinano, i due giunti ai 300 metri finali lanciano la volata per contendersi la vittoria assoluta.
E’ già in testa la ruota veloce di Dario Perilli del Team Bennati che, avrà la meglio su Bruno Sanetti del Team Sanetti Sport Grisù, entrambi sono di categoria M2,, terzo al traguardo sarà Andrea Pauletto dell’MeM Racing Team, seguono, Agostino Durante Gs Pinarello, Luca Rubechini Gs Giuliodori, Carlo Perrera, Marco De Nardi, Mauro Pasero, Marco De Micheli e Fabio Rossi.

















































Italian Bike Test 2019

Si chiude un'edizione strepitosa dell'Italian Bike Test Lazio, il piu' importante bike test tour nazionale, dedicato alla prova di mtb, e-mtb, strada, e-road bike, gravel, enduro, urban bike per appassionati, media di settore, negozianti specializzati e i loro clienti. Un'occasione unica per scoprire e testare in anteprima le novita' 2020 del mercato bike su percorsi tracciati per ogni tipologia di bici anche all'interno della MTB Formello Bike School.

Italian Bike Test Formello:
crescono la partecipazione e i test
E' calato il sipario su Italian Bike Test Formello, quarta delle cinque tappe, andata in scena nel weekend appena passato al Centro Sportivo Pietro Garofoli di Formello, vicino Roma. Confermato il trend delle precedenti tappe, che vede l'unico bike test tour d'Italia continuare a crescere in termini di affluenza, partecipazione, riscontri e soprattutto test. Ancora una volta, dopo il record di Alzano Lombardo dello scorso weekend, e' stata superata la soglia dei 3.000 test. Un altro importantissimo risultato che si deve soprattutto alla partecipazione di tutte le principali aziende del mondo bike che mettono a disposizione dei tester centinai di modelli di bici del 2020.
Lo si deve anche alla cura con cui vengono ideati e tracciati i percorsi road ed off-road sui quali provare le bici. Trail in grado di far provare ai partecipanti, in pochi km, tutte le caratteristiche dei modelli in test.
Un valore aggiunto lo portano anche i contenuti extra che vengono realizzati ad hoc per intrattenere e coinvolgere il pubblico presente, come la social ride che si e' svolta sabato mattina con l'Ultracycling man Omar Di Felice, reduce dall'impegnativa prova alla Trans Am Bike Race.
Cosi' come la gara goliardica tra aziende che si e' svolta sabato al tramonto sul tracciato per dirt bike!

La carovana di Shimano Steps Italian Bike Test si prende un weekend di pausa per preparare al meglio il "gran finale" in programma in Puglia il 26 e 27 ottobre.

Una tappa resa incantevole dallo scenario di Castel Del Monte e realizzata grazie al supporto di Puglia Promozione.




























































Cronaca Ciclo Passeggiata Telethon Palestrina 13 ottobre 2019
Sport e Solidarieta', ottimo connubio per il successo della Manifestazione.
Organizzata dalla sezione ciclistica dell'Universita' di Tor Vergata oggi a Palestrina, con il patrocinio del Comune, si e' svolta la XII Ciclo Passeggiata Telethon per la raccolta fondi a sostegno della ricerca sulle malattie genetiche. Sempre piu' questo avvenimento viene atteso come una vera festa d'autunno dai tanti ragazzi delle scuole, dai tanti giovani e meno giovani che insieme alle rispettive famiglie vogliono godere, in sella alle proprie biciclette, di una giornata di festa lungo le strade della campagna prenestina. Non solo festa ma anche solidarieta' che ogni anno si manifesta nei confronti di chi soffre e lotta contro la malattia.
Dalle ore 8.00 di questa mattina i partecipanti si sono ritrovati a Piazza Italia per le iscrizioni dove ad accogliere i partecipanti c0era l'Associazione Clown Dottori Sorrisiamo di Palestrina. Alle ore 9, 30 il plotone, più di 250 iscritti, si e' mosso scortato dalla Polizia Locale, dall'auto apripista del CSI guidata dal responsabile Enzo Martino, dai volontari Telethon e dagli amici motociclisti e ciclisti che dalla prima edizione collaborano alla manifestazione; l'assistenza medica e' stata assicurata dalla Croce Rossa Italiana di Palestrina (Comitato Locale Montiprenestini).
Con grande piacere l'organizzazione ha accolto tra i partecipanti il primo cittadino di Palestrina il Sindaco Mario Moretti, alcuni componenti della giunta e altri consiglieri comunali.
Anche quest'anno la sosta-ristoro e' avvenuta al Fontanile in localita' " Formalicchi" , grazie alla gentile concessione dell'Universita' Agraria di Palestrina dove i Volontari di Telethon avevano preparato degli ottimi spuntini. Con grande sorpresa per tutti, l'Universita' Agraria ha inoltre organizzato, grazie a mani esperte di alcuni allevatori del territorio, una dimostrazione e degustazione della produzione di ricotta e formaggio fresco; una bonta' di cui ognuno ha potuto godere e che ha ulteriormente deliziato tutti i partecipanti.
Uno spettacolo e' stato vedere l'armonia che si e' creata in questo enorme prato circondato da bellissimi alberi di castagni; un'atmosfera da vera festa. Un po' a malincuore il plotone ha dovuto far ritorno a Piazza Italia dove al termine della manifestazione gli organizzatori hanno rivolto in primo luogo un sentito ringraziamento a tutti i partecipanti, inoltre sono stati consegnati , al Sindaco e alle Scuole che hanno aderito alla manifestazione, gli attestati Telethon di benemerenza .
La raccolta fondi, tra il Ciclo Raduno del 6 ottobre e la Ciclo Passeggiata di oggi, si e' tradotta in 3.000 euro. devoluti alla Fondazione Telethon.
Appuntamento al 2020.
Galleria immagini della manifestazione:
https://photos.app.goo.gl/xivP5r3MUmgipind9
























































ASD BIKELAB SCUOLA CICLISMO un podio di assoluto prestigio

11 Giro d'Italia di ciclocross - Trofeo Romano Scotti - Ferentino 06/10/2019

Master Fascia 1 | Maglia Rosa-azzurra: Fabrizio Trovarelli
Marco Fortunati (titolare della asd Bikelab scuola ciclismo di Roma ) ha espresso tutta la sua soddisfazione per il primo gradino ottenuto dal suo atleta di punta Fabrizio Trovarelli , sul rinomato circuito del parco delle Molazzette di di Ferentino con l'organizzazione della MTB Leda Ferentino Bikers e della ASD Romano Scotti .
Gia' alla prima tappa del Giro d'Italia di ciclocross ha messo il sigillo sul gradino piu' alto del podio a seguire Leonardo Caracciolo (asd centro bici Terni) e Giovanni Gatti (team castello bike- Race Mountain) .

Master Fascia 2 | Maglia Rosa-azzurra: Massimo Folcarelli
Nell'altra gara si e' difeso con onore Marco Fortunati ottenendo un bel sesto posto che lo fa ben sperare per le prossime gare in calendario . Sul podio assoluto e' salito Massimo Folcarelli ( Race Mountain Folcarelli team) poi Luigi Carrer (team Eurobike) e Gianni Panzarini (Drake team Cisterna) .
Anche i compagni di squadra : Cristiano Simeoni ELMT e Maurizio Trovarelli M7 si sono ben comportati .

" ciclismo a 360 gradi " e' il consueto motto, confermato lo stesso gruppo di ciclisti anche per il 2020 , impegnati su piu' fronti , sia su strada che in mountan bike , mentre gli amanti del ciclocross sono impegnati nelle gare nazionali attendendo Gennaio per lo svolgimento del Campionato Nazionale cross .

Tuttavia senza dimenticare l'impegno della scuola di ciclismo verso i giovani " cuccioli " praticanti della mtb , verdi speranze del ciclismo laziale .

La corazzata di viale Adriatico , riparte per una ulteriore annata 2019/2010 ancora piena di soddisfazioni esaltando lo spirito di amicizia e allegria che contradistingue i propri atleti .

Rinnovata la fiducia allo CSAIN di Roma e la partecipazione in massa alla Coppa Lazio-Memorial Dimitri Buttarelli 2020 , una occasione per non dimenticare un amico prematuramente scomparso.
































































Cronaca Ciclo Raduno Telethon - Palestrina domenica 6 ottobre 2019
Piu' di 200 ciclisti giunti anche da fuori regione hanno preso parte al XIII Ciclo Raduno "Io Sto con Telethon", X Memorial Massimo De Gobbi.
L'evento sportivo, finalizzato alla raccolta fondi per la ricerca sulle malattie rare, e' stato organizzato dalla sezione ciclistica e dal CUS dell’Universita degli Studi di Roma Tor Vergata sotto l'egida del CSI e con il patrocinio del Comune di Palestrina.
Prima della partenza e' stato osservato un minuto di silenzio per ricordare Massimo De Gobbi venuto a mancare prematuramente 10 anni fa e Giuseppe Cosmo, ennesima vittima della strada scomparso il 15 settembre u.s. per un incidente stradale mentre era in sella alla sua bicicletta.
La variopinta carovana dei ciclisti e' partita da Piazza Italia alle ore 9.30 scortata dalla Polizia locale e dalle moto-staffette di Palestrina; le strade percorse sono state quelle consuete dei comuni di Labico, Valmontone, Colleferro e parte del territorio di Paliano per un totale di km 55 circa.
All'arrivo i ciclisti hanno trovato un piacevole e meritato ristoro. A tutte le Societa' Sportive partecipanti, oltre al premio, e' stato consegnato il diploma di benemerenza per aver sostenuto la Fondazione Telethon ed una targa di ringraziamento per aver partecipato e' stata offerta dal CUS dell'Universita' di Tor Vergata. Ad onorare la manifestazione, oltre a Gigi Sgarbozza, noto opinionista televisivo, a cui e' stata consegnata una targa come riconoscimento del "premio fedelta' " con 13 presenze, anche il direttore generale dell'Ateneo di Tor Vergata Dott. Giuseppe Colpani e il Sindaco di Cave Angelo Lupi, appassionati e praticanti della bicicletta.
Un sentito ringraziamento e' rivolto a tutti i partecipanti, alla CRI Comitato Montiprenestini, ai volontari Telethon, agli sponsor: Caffetteria Gelateria "My Cafe'" , all'Azienda Vinicola Cilia "Feudi del Sole" e a quanti a vario titolo hanno contribuito al successo della manifestazione.
Domenica prossima 13 ottobre, con le stesse finalita' , e' in programma a Palestrina la Ciclo Passeggiata Telethon adatta soprattutto alle famiglie con ritrovo a Piazza Italia alle ore 8 e partenza ore 9. Il ricavato si andra' ad aggiungere a quello odierno e sara' devoluto alla Fondazione Telethon
Classifica Societa' Sportive partecipanti:
1) Ciclo Club San Cesareo
2) GS Bertucci
3)Team Hyperion Bike
4) ASD Ciclistica Cavese
5) ASD Cicli Coppola
6) G.S. Labico
7) Asd Saxa Rubra Bike
8) G.S. Circolo Unicredit
9) Asd Picar
10) Velo Club S.Maria degli Angeli (Pg)
11) Asd Amici del Pedale Rocca Priora
12) AS Roma Ciclismo
































































5 archi di Velletri - 29/09/2019

Premiazione finale Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli

Dopo ben 20 avvincenti tappe si e' conclusa la Coppa Lazio 2019 , le premiazioni sono state effettuate al termine dell'ultima tappa di Velletri, presso gli accoglienti locali del ristorante " Sole-Luna" dal responsabile ciclismo CSAIN Roma Claudio Trovarelli
Durante il pranzo sociale con atleti e famigliari , in una atmosfera serena e rilassata , sono state consegnate le prestigiose maglie 2019 :

DONNE : RATINI ADRIANA - SANTA MARIA DELLE MOLE
A9/A : BONDANI MARCO - CONTI D'ANGELI POMEZIA
A9/B : MARSELLA MARIO - DISOFLEX-PORTALANDIA
A8 : BERTOZZI FABIO - AUDAX-FIORMONTI
A7 : PAOLI DANIELE - REDINGO SPORT TEAM
A6 : IORI ALESSANDRO - DISOFLEX-PORTALANDIA
A5 : RINICELLA GIOVANNI - AUDAX-FIORMONTI
A3 : CABREROS JOHN - CICLOTECH BLOKKO RACING TEAM

TROFEO SUPERTEAM-CAMPIONE REGIONALE :

1) ASD SANTA MARIA DELLE MOLE
2) ASD AUDAX-FIORMONTI APRILIA
3) ASD CONTI D'ANGELI POMEZIA

TROFEO COPPA LAZIO 2019 - MEMORIAL DIMITRI BUTTARELLI :

1) ASD CICLI ROSSI ROMA
2) ASD CICLOTECH BLOKKO RACING TEAM
3) ASD AUDAX-FIORMONTI APRILIA

Si ringraziano GLI AMICI : cicli Liberati di Roma , Taccone abbigliamento sportivo , Metalgomma Italia , le scorte tecniche team Vessella e i giudici nazionali CSAIN .
Gli esperti direttori di gara : Armando Santaroni , Pierluigi Vacca ed Emanuele Chiominto

Appuntamento per le societa' di Coppa Lazio alla prima domenica di Marzo 2020

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com















































































5 archi di Velletri - 29/09/2019

Trofeo Ristorante Sole-Luna

Mauro Flumeri e Alessandro Duca vincitori di spessore chiudono alla grande la stagione 2019

Oggi la Coppa Lazio e' ospite del ristorante Sole-Luna in via Sole luna 4 a Velletri ( Il Ristorante e' fornito di sala interna, tavoli esterni ed un ampio parcheggio. Immerso nel verde , e' possibile godere di un bel panorama sia nei periodi invernali che in quelli estivi. ).
Velletri Velitrae in latino, Velester in lingua volsca e' un comune italiano di 53 315 abitanti della citta' metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio. Gli abitanti di Velletri sono chiamati veliterni, o anche velletrani. Dista 42 km dalla capitale e 27 km da Latina. Il centro storico sorge sulle propaggini meridionali dei Colli Albani, a 332 m s.l.m.. Incluso - ma solo da alcuni - nell'area dei Castelli Romani nonostante la sua lunga tradizione di libero comune, Velletri e' il 9 comune piu' popoloso del Lazio e il primo tra i quindici comuni dei Castelli Romani, sia per numero di abitanti che per estensione territoriale. Antichissima citta' dei Volsci (Velester, e Velitrae in latino) e gia' autorevole al tempo di Anco Marzio, lo storico Dionigi d'Alicarnasso la definisce "illustre". Sede suburbicaria di Velletri-Segni, e' stato teatro di due storiche battaglie: nel 1744 e nel 1849.

Alle ore 09.00 esatte il direttore di gara Emanuele Chiominto da' il via all'ultima gara della stagione, gli atleti vogliono chiudere alla grande e non lesinano le energie per aggiudicarsi il trofeo " Sole-Luna" .
La cronaca della gara : si susseguono gli scatti sia su via dei cinque Archi che sullo strappo di via Sole luna, e sotto l'arco arancio di Coppa Lazio si presentano in due , si aggiudica il prestigioso trofeo l'atleta di Ciampino Mauro Flumeri (Ciampino Bike) e' la seconda vittoria negli ultimi 7 giorni a seguire nella categoria a7 Paoli , Mancini , Mariani , D'Acuti , Di Cesare , Pezzola , Morroni .
Primo della a8 Filippo Santangeli (cicli Bortolotto) poi Carpentieri , Bertozzi , Candurro , Conte , Fioravanti , Ingiosi Guastamacchia, Borioni.
Si aggiudica la categoria a9 Antonio Branchi (IFI-Giant store Roma) poi Marco Bondani e Renato Morganti.
Per le donne la vittoria e' di Adriana Ratini (Santa Maria delle Mole).

Nella categoria under 44 primo risulta Alessandro Duca (cicli Rossi) a ruota per gli a3 Andrea Pezzola e Antonio Mastrogiacomo.
Primo gradino della categoria a5 per Davide Ulisse (Santa Maria delle Mole) poi Rinicella , Di Cori , Serangeli , Sciaretta
Alessandro Iori (Disoflex-Portalandia) mette in cassaforte la maglia degli a6 con il primo posto , seguono Marcucci , Pergolesi , Mariani , Riggi , Scarfone , Vicini.

Effettuate le premiazioni presso gli accoglienti locali del ristorante " Sole-Luna" dell'ospitale titolare Massimiliano, dal presidente Emanuele Chiominto e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli.

Si ringraziano : i carabinieri della locale stazione , i vigili del comune di Velletri , la Polizia stradale , le scorte tecniche team Vessella , il servizio sanitario e la Protezione Civile del VI gruppo .

I giudici nazioni CSAIN hanno voluto premiare " il cucciolo " della Coppa Lazio 2019 Andrea Pezzola , che si e' distinto particolarmente in questa edizione

Appuntamento per le societa' di Coppa Lazio alla prima domenica di Marzo 2020

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com































































































RANDONNEE' DELLA CAPITALE

Domenica 22 Settembre 2019

Una organizzazione ad altissimi livelli che da' lustro a tutto il movimento Laziale

La Randonne della capitale e' giunta al terzo anno di questo particolare genere di manifestazione, che nel centro Italia e' ancora poco conosciuto, e praticato, elevato il consenso dei partecipanti , all'insegna del piacere di pedalare senza fretta , il ritrovo e la partenza e' stato effettuato in via delle Cerquete , presso il Bike Bar di Lunghezza.

Anche quest'anno l'impegno da parte dell'organizzazione e' stato ai massimi livelli grazie alla collaborazione di tante persone ed attivita' vicine che fanno parte integrante del sistema Purtroppo il tempo non e' stato dalla parte di nessuno ne degli atleti ne dell'organizzazione...
Abbiamo avuto degli eroi che si sono messi in discussione nonostante le avversita '...
Il nostro ringraziamento va a tutti voi che avete sempre creduto in noi...un abbraccio.

La dichiarazione del presidente della asd Amici in Bici Nello Di Gennaro :
la mia grande soddisfazione, di avere nel direttivo degli appassionati veri, come Lorenzo Rosi, Stefano Bianchini Luigi Onofri Gianluca Pilara, Katia Zappi, Fabrizio Dolce e Manuela Ansaldo.
Eccezionale la collaborazione esterna di Cicli Bortolotto
Anche Voi che vi siete iscritti, siete fantastici, con la Parrocchia SS Trinita' , Lunghezza Calcio protezione civile con la loro responsabile Emanuela Gareffa, l'associazione Insieme per Lunghezza, che ci ha preparato un pasta party di cucina casareccia
Siete tutti fantastici, con i ragazzi che avete trovato ai ristori Simone Antonelli, Alessandro Antonelli, Rocca Massima grazie a Mauro Bar Montano del principe, che hanno preparato una squisita porchetta, vino rosso frutta e dolci a tutti i ristori,acqua a volonta' e Mauro Pirastru e Sandro Di Stefano.

Sinceri complimenti a tutti i partecipanti che hanno affrontato condizioni meteo difficili ,ma hanno comunque onorato la Randonnee della Capitale

Ringraziamenti speciali a:
Cicli Bortolotto
Bar La Barcaccia (Borgo Grappa)
Bar Montano del Principe (Rocca Massima)
Ristorante San Camillo (Bellegra)
Ristorante Monte Artemisio (Nemi)
Associazione Insieme per Lunghezza
Pasticceria Tichetti
Ristorante Il Canneto (Grottaferrata)
Bike Bar di Lunghezza

Premiazioni delle prime tre societa' :

1 asd Roma Team
2 as Roma ciclismo
3 asd Hyperion Bike

La societa' non si adagia sugli allori ma riparte subito per preparare una edizione 2020 ancora migliore . Dando appuntamento al 20/09/2020










































































Ciampino - 22/09/2019
14 Memorial Antonio De Felice

Come ogni anno la asd Ciampino Bike ha organizzato una manifestazione ad altissimi livelli

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Ciampino , comune italiano di 38 415 abitanti della citta' metropolitana di Roma Capitale. Ciampino, fino al 1974 frazione del vicino comune di Marino, e' situata nell'area metropolitana di Roma, strategicamente situata fra la Capitale e i Castelli Romani. Nel 2004 le e' stato conferito il titolo di Citta' dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi.Il comune e' situato alla sinistra del fosso Patatona. Il territorio comunale confina a nord e a ovest con Roma, a est con Grottaferrata e a sud con Marino. Di fatto, il comune e' la "cerniera" tra la Capitale e i Castelli romani. Il territorio comunale e' attraversato dalla Marrana dell'Acqua Mariana, un fosso che nasce nella zona di Marino e confluisce nel fiume Almone.Pur non ospitando materialmente nel proprio territorio l'Aeroporto Internazionale Giovan Battista Pastine, che e' situato nel territorio del comune di Roma, Ciampino da' il nome all'aeroporto stesso.

Alle ore 09.00 il direttore di corsa Pierluigi Vacca , dopo il minuto di raccoglimento in memoria di Antonio De Felice , da il via alla gara amatoriale .
Ha piovuto notevolmente tutta la notte ma durante la gara gli atleti vengono risparmiati da Giove Pluvio e si possono dedicare al loro sport preferito .
Dopo le prime fasi di studio sulla via Appia Nuova si comincia a sfilacciare il gruppo e al terzultimo giro allungano definitivamente quattro corridori , passa sul traguardo posto nel noto covo di ciclisti , al centro di Ciampino davanti al bar Bova in via Mura dei francesi , primo assoluto , l'atleta di casa Giuseppe Baccaro (Ciampino Bike) .
A seguire nella categoria veterani1 Massimiliano Tavera , Marco pergolesi , Fabrizio Mattacchioni , Giuseppe Scarfoni , Piero Rosati.
Primo della categoria senior2 Fabiano Grande (Santa Maria delle Mole ) poi Fabrizio Ponzo e Stefano Marazza.
Primo dei junior Davide Ulisse (Santa Maria delle Mole ) .
Trofeo per societa' alla asd Ciampino Bike































































Ciampino - 22/09/2019
14 Memorial Antonio De Felice

Come ogni anno la asd Ciampino Bike ha organizzato una manifestazione ad altissimi livelli

Bisogna sottolineare il grande dispiegamento di forze messe in campo perche' gli atleti potessero gareggiare in tutta sicurezza anche al centro di Ciampino , le scorte tecniche del team Vessella , i vigili di Ciampino con le loro moto elettriche 500 adottate contro l'inquinamento e la protezione civile citta' di Ciampino.

Medaglia d'oro per il gruppo degli atleti piu' maturi a Mauro Flumeri (Ciampino Bike) a seguire nella categoria veterani2 Pierluigi Mancini , Massimo De Luca , Marco Barcellan , Giorgio Morroni , Danilo Finamore , Roberto Maggioli .
Primo dei gentleman2 Fabio Bertozzi (Audax Fiormonti) poi Amanzio Parmeggiani , Oronzo Calabretti , Marco Candurro.
Torna a salire sul gradino piu' alto dei gentleman2 una nostra vecchia conoscenza Paolo Monti (Ciampino Bike) poi Raffaele Bordone e Massimo Battistelli.
Effettuate le ricchissime premiazioni presso il centro Cipollaro , dal nuovo sindaco di Ciampino la dottoressa Daniela Ballico che ha ribadito l'importanza delle societa' sportive dilettantistiche per il territorio di Ciampino e il suo appoggio alla organizzazione dei vari eventi sportivi/culturali , dal presidente della asd Maurizio De Felice , coadiuvato dal responsabile csain ciclismo Roma Claudio Trovarelli che ha portato i saluti del presidente regionale Marcello Pace .

Si ringrazia per la collaborazione , il comune di Ciampino , i vigili di Ciampino nella persona del comandante Roberto Antonelli , l'associazione carabinieri in pensione ,la protezione civile di Ciampino , il presidente del circolo Cipollaro Gino Mariotti, La croce rossa di Ciampino , le scorte tecniche Vessella e indistintamente a tutti i membri del team Ciampino Bike.

Le classifiche prossimamente su : http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm

Appuntamento per le societa' di Coppa lazio a domenica 29 Settembre ai 5 Archi di Velletri e al termine della gara sara' effettuato il pranzo sociale presso il ristorante " Sole - Luna " con la relativa premiazione finale di Coppa Lazio 2019





































































Devilbike Team Colleferro e' sul tetto della 6 Ore degli Imperatori

6 Ore Degli Imperatori , prova unica Campionato Nazionale Endurance Csain.

Tutto ottimamente organizzato dal Team Civita Bike Lanuvio, e con la presenza della massima autorita' Csain Biagio Nicola Saccoccio.
Giornata perfetta anche al livello meteo per una competizione del genere , l'atmosfera che ormai caratterizza questo tipologia di gara e che la rende unica e' sempre gioviale e di divertimento.
Il Duo Alessandro e David nella categoria team2 partono a razzo e conducono una gara a gran ritmo dove gli inseguitori nulla possono.
1 Posto e Campioni Nazionali Endurance T2, grande soddisfazione!!
Nella categoria solitari il buon Giuseppe nonostante sia reduce da un'infortunio subito circa 20gg fa ed uno stato generale non al massimo riesce a concludere in 7ma posizione. Subito dietro in 8va posizione si colloca Vito, che alla prima esperienza da solitario, dove non credeva manco lui alla sua tenuta ,non ha nulla da ricriminarsi.
Alla 14esima si piazza il Presidentissimo Fabrizio, che come di consueto deve aspettare la 4 ora che il motore diesel entra in temperatura , e nelle ultime 2 ore recupera ben 8 posizioni. Un grazie immenso ad Armando che con vero spirito di gruppo e amicizia e' stato di fondamentale importanza ai box facendosi trovare sempre pronto per ogni evenienza,dal cambio borraccia,all'assistenza tecnica , ma sopratutto all' incitamento.

Grazie anche a Mauro che ci e' venuto a trovare ed incoraggiare.

Una grande giornata di fatica, divertimento e tanta gioia.






























































Pomezia(RM) - 15/09/2019
11 Memorial Fabio Musolino

Per la classica di Pomezia grande dispiegamento di mezzi , per gli oltre 110 atleti ai nastri di partenza . provenienti da tutto il Lazio .

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Pomezia, e' un comune italiano di 63 748 abitanti della citta' metropolitana di Roma Capitale nel Lazio. Pomezia si trova nell'Agro Pontino e si estende a sud di Roma, con ai lati la veduta dei Castelli romani e del mar Tirreno, confinando per un largo tratto con la tenuta presidenziale di Castel Porziano. Sono rimaste poche vestigia del vecchio territorio di Pomezia, originariamente composto da vaste zone boschive (sugheri, olmi e querce), dune con vegetazione mediterranea (ginestre, pungitopo, rovi di more e fitta vegetazione di erbe) e zone paludose (due stagni litorali nei pressi di Torvajanica) tra quanto rimasto si segnalano la zona costiera delle dune tra Torvaianica e Villaggio Tognazzi e il bosco della sughereta vicino a Pomezia, divenuta ora Riserva Naturale.

Alle ore 09.10 esatte dopo il minuto di raccoglimento , il direttore di corsa Armando Santaroni da il via alla prima gara .
Il classico circuito leggermente ondulato offre la possibilita' agli atleti , delle piu' svariate soluzioni per aggiudicarsi la gara .
Gia' dal primo giro si muovono gli atleti piu' importanti per cercare di anticipare il gruppo ed evitare la volata generale , molti i tentativi ma bisogna aspettare il sesto giro perche' si allunghi il gruppo e anticipando tutti si presentano sotto l'arco arancio di Coppa Lazio : primo assoluto Marco Caliciotti (asd Santa Maria delle Mole) poi nella categoria a6 Iori ( fresco vincitore la scorsa settimana della classica di Tivoli ) , Baccaro , D'Acuti , Maggioli , Petricca , De Paulis , Bove , Rosati , Mariani.
Nella categoria a3 medaglia d'oro e secondo assoluto Cabreros John Mar (Ciclotech-Blokko racing team ) a ruota Mastrogiacomo , Duca , Perrera , Romualdi , Cabreros , Valerio
Con un ottavo posto assoluto si aggiudica la categoria a5 Marco Conti (Ciclotech-Blokko racing team ) poi Rinicella , Grande , Marazza , Risa , Ulisse , Sciaretta , Gargano , Epifani , Ciarloni.
Grande dispiegamento di forze : i carabinieri della locale stazione , i vigili del comune di Pomezia , il comune di Pomezia , la Polizia stradale , le scorte tecniche team Santaroni , il servizio sanitario e la Protezione Civile del VI gruppo .

Trofeo per societa' alla asd Santa Maria delle Mole
Appuntamento per tutte le societa' della Coppa Lazio a domenica 22 Settembre a Ciampino , partenza ore 08.30.





































































Pomezia(RM) - 15/09/2019
11 Memorial Fabio Musolino

Per la classica di Pomezia grande dispiegamento di mezzi , per gli oltre 110 atleti ai nastri di partenza , provenienti da tutto il Lazio .

Dopo tre minuti partono gli atleti piu' maturi , nonostante il caldo opprimente di questa estate settembrina , anche loro non lesinano le energie , lungo lo strappo di via Silvio Spaventa , si decidono le sorti della gara .
Si presentano alla spicciolata sotto l'arco arancio di Coppa Lazio Pietro Capuccilli ( asd team Cesaro Falasca) poi nella categoria a7 Di Cesare , Mariani , Paoli , Flumeri , Marocco , Pezzolla , Mancini , Carbone , Barcellan.
Secondo assoluto Paolo Casconi (cicli Paco) a seguire nella sua categoria a8 Ingiosi , Santangeli , Bertozzi , Cannone , Fogli , Bevilacqua , Lauri , Calabretti , Conte , Borioni , Monti , Salvati , Campion , Romualdi , Parente , Guastamacchia.
Nei super/g bene Marco Bondani (Conti D'Angeli) e Massimo Di Tommaso (cicli Fatato)
Un mazzo di fiori e un bel cesto alimentare ha omaggiato Adriana Ratini (asd Santa Maria delle Mole)

Effettuate le ricche premiazioni presso i locali del bar Baccanale di via Roma , dal presidente Nazzareno Conti e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli.

Grande dispiegamento di forze : i carabinieri della locale stazione , i vigili del comune di Pomezia , il comune di Pomezia , la Polizia stradale , le scorte tecniche team Santaroni , il servizio sanitario e la Protezione Civile del VI gruppo .


Trofeo per societa' alla asd team Cesaro Falasca


Appuntamento per tutte le societa' della Coppa Lazio a domenica 22 Settembre a Ciampino , partenza ore 08.30.


































































2 memorial Francesco Vareni

Tivoli - 08 Settembre 2019

Alessandro Iori ( asd Disoflex-Portalandia) si aggiudica una vittoria di prestigio a Tivoli.

Dopo un commovente ricordo di Francesco Vareni con annesso lancio di palloncini , il direttore di gara Emanuele Chiominto alle ore 09.15 dava il via alla manifestazione dal bar 8412 da largo Saragat , seguiva il trasferimento della multicolore carovana fino al circuito di km. 5.500 da ripetere 9 volte .
Dopo alcuni giri di studio al chilometro 48 allungavano un manipolo di uomini e con precisi cambi si portavano sino al traguardo.
Sullo strappo della strada Rivellese , il corridore romano Alessandro Iori anticipava di pochi metri il forte atleta della asd Cesaro Falasca , Fabio Orcame e Giuseppe Baccaro ( il pupillo del presidente Maurizio De Felice ) .

Primi delle rispettive categorie : Cabreros John Mar ( Ciclotech-Blokko racing team ), Fabio Orcame ( team Cesaro Falasca) , Alessandro Iori ( Disoflex-Portalandia ) , Filippo Santangeli (cicli Bortolotto) , Franco Martinelli (team L'Aquila bike) , Debora Mascelli (Lepore).

Ottima prova di : Pinto . Carbone , Placidi , Cabreros , Ulisse , Conti , Adanah , Ponzo , Balestriere , Baccaro , Tavera , D'Acuti , Paoli , Capucilli , Calabretti , Conte , Cannone , Borioni , Fogli , Branchi , Ratini

Notevole l'apprezzamento di atleti e del folto pubblico sul percorso.

Le premiazioni sono state effettuate presso i locali del bar 8412 di largo Saragat dal direttore Emanuele Chiominto e dai familiari di Francesco.

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Tivoli , alle scorte tecniche Vessella , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione civile di Tivoli .

Appuntamento per le societa' di Coppa lazio a domenica 15 Settembre a Pomezia


































































Torvergata - 01/09/2019

Trofeo Etatron - asd Santa Maria delle Mole

Dopo la pausa estiva riparte la Coppa Lazio 2019 ed e' subito un successo

Oggi la Coppa Lazio e' ospite dell'universita' degli Studi di Roma "Tor Vergata" e' una universita' statale italiana. A Roma e' la seconda universita' statale in ordine cronologico di fondazione e la terza per numero di iscritti. L'ateneo e' progettato sul modello dei campus anglosassoni e occupa un'area di 500 ettari Il 'circuito' di Tor Vergata e' una delle piste ciclabili piu' lunghe di Roma; luogo di ritrovo per centinaia di appassionati, la pista e' stata realizzata da pochi anni . Alle ore 09.00 esatte il direttore di gara Emanuele Chiominto dal rinomato circuito di Torvergata completamente chiuso al traffico automobilistico , da' il via alla gara.
La cronaca della gara e' molto movimentata , gia' al primo giro si nota che gli atleti nonostante il periodo di ferie non hanno perso la forma.
Ha circa 45 chilometri del percorso la svolta della gara , allungano 15 atleti e non verranno piu' ripresi .
Vittoria a Fabrizio Ponzo (Santa Maria delle Mole) poi nella categoria a5 Trovarelli , Ulisse , Rinicella , Conti , Adanah , De Pasquale , Grande , Serangeli , Mastroianni , Ciarloni.
Primo della a3 Alessandro Duca (cicli Rossi) poi Cabreros Jhon Mar , Romualdi . Mastrogiacomo , Carbone Domenico .
Medaglia d'oro nella categoria a6 per Alessandro Iori (Disoflex-Portalandia) a ruota Caliciotti , Cimini , Simonetti , Fiori , Marcucci , De Paolis , Vicini , Scaramuzza.
Trofeo per societa' alla asd Santa Maria delle Mole .

Appuntamento per le societa' del Lazio a domenica 8 Settembre a Tivoli.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com
































































Torvergata - 01/09/2019

Trofeo Etatron - asd Santa Maria delle Mole

Dopo la pausa estiva riparte la Coppa Lazio 2019 ed e' subito un successo

Oggi la Coppa Lazio e' ospite dell'universita' degli Studi di Roma "Tor Vergata" e' una universita' statale italiana. A Roma e' la seconda universita' statale in ordine cronologico di fondazione e la terza per numero di iscritti. L'ateneo e' progettato sul modello dei campus anglosassoni e occupa un'area di 500 ettari Il 'circuito' di Tor Vergata e' una delle piste ciclabili piu' lunghe di Roma; luogo di ritrovo per centinaia di appassionati, la pista e' stata realizzata da pochi anni . Alle ore 09.03 esatte il direttore di gara Emanuele Chiominto dal circuito di Torvergata da' il via alla seconda gara.
Anche gli atleti piu' maturi non lesinano le energie e danno spettacolo agli spettatori spalmati lungo il circuito.Tra scatti e controscatti bisogna attendere gli ultimi tre giri perche' due uomini riescano ad allungare e giocarsi la vittoria sul traguardo di viale Guido Carli
Franco Pezzola ( Redingo sport team) spezza il digiuno e ottiene la prima vittoria in Coppa Lazio , segue come secondo assoluto e anche secondo della categoria a7 il presidente Giorgio Bortolotto della ( asd cicli Bortolotto) poi Alvaro Carloni , per festeggiare il compleanno Andrea Vessella si regala la quarta posizione ...auguri , Daniele Paoli completa la festa della Redingo.
Primo degli a8 Paolo Casconi (cicli Paco) a seguire Santangeli , Lauri , Conte , Bertozzi , Seghetti , Fogli , Gagliardi , Guastamacchia , Candurro , Terziani Chiocca.
Antonio Branchi (ifi-Giant store Roma) sale sul primo gradino dei super/g a seguire Marco Bondani , Benedetto Venditelli , Giuliani , Baldassare , Settimi , Oliveti.
Prima delle donne Serenella Bortolotto (cicli Bortolotto) poi Marcella Lombino e Adriana Ratini.

Le ricche premiazioni sono state effettuate presso i locali del bar " Dolce Amaro " di via Grotte Portella dal direttore Emanuele Chiominto e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli e dal presidente Alberto D'Acuti a cui vanno gli auguri , estesi alla neo mamma Alessandra , per l'arrivo di Vittoria , nata il 23 Agosto alle ore 23.01 presso l'ospedale Sandro Pertini .
Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale del VI Municipio capitanata dal comandante Oscar Mastroianni , alle scorte tecniche Vessella , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione civile del VI Municipio .
Trofeo per societa' alla asd Redingo sport team.

Appuntamento per le societa' del Lazio a domenica 8 Settembre a Tivoli.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com








































































Giornata da incorniciare per la asd Devilbike Team Colleferro

Campionato Regionale Endurance di MTB :
Attigliano - Domenica 25 Agosto 2019 si e' svolta La " 6 ore Le Fossate " , su un percorso ad anello di circa 5 km,con passaggi tecnici e impegnativi in una suggestiva location; sono state previste varie categorie : atleti singoli, coppie, squadre e team misti uomo/donna. Il tutto si e' svolto in una " cittadella " con manifestazioni di fitness, stand e musica dal vivo.

6 Ore MTB le Fossate , una grande giornata per il team Devilbike Team Colleferro , che porta a casa il 2 Posto nella categoria solitario con Paolo Collalti,
ed un altrettanto importante 2 Posto nella categoria team2 Con David Coletta e Alessandro Pinocci ( sostituito sul palco da Armando per impegni personali),
peccato per l'altro solitario Antonello Rossi che per guai fisici ha dovuto alzare bandiera bianca anzitempo.
Grazie anche ad Armando Rosselli per il prezioso supporto dato a tutti i ragazzi.
Il presidentissimo Fabrizio Di Re entusiasta estende i suoi complimenti a tutti i componenti del team !

( Attigliano e' un comune italiano di 1 976 abitanti della provincia di Terni, in Umbria.
Il nome deriva dal nome personale latino Attilius; si tratta di un nome prediale, ovvero legato a terreni o fondi rustici, che ha attestazioni in Umbria
La zona, di origine etrusca, delimitata dalla linea naturale del fiume Tevere, ospito' le primitive popolazioni, come attestano i ritrovamenti di tombe, cripte e vasellame.
All'inizio del XIII secolo Attigliano era gia' coinvolta nelle guerre e Todi si assicurò il possesso del castello (di importante posizione strategica). Fino al 1500 Attigliano, insieme ai paesi vicini, fu teatro di guerre ed assalti e più volte passò dal dominio di Todi, a quello della Santa Sede a quello di Amelia, fino a tornare definitivamente dominio di Bartolomeo d'Alviano. A Corrado o Consolo, nipote di Bartolomeo, si deve la costruzione del Palazzo Baronale e della Chiesa della Madonna del Porto (ora chiesa del cimitero).
Nel 1540 Attigliano venne ceduto a Papa Paolo III Farnese (per 104 anni). Nel 1644 il feudo di Attigliano fu venduto dai Farnese al Marchese Marcello Raimondi di Genova, che dopo sette anni lo rivendette a Donna Olimpia Pamphili, che lo passo' poi alla famiglia Orsini.
Nel 1840 il feudo fu acquistato dal Principe Borghese. Intorno alla seconda meta' dell'800 il comune di Attigliano si scelse un emblema, un suo gonfalone in pesante velluto, diviso in bande, una bianca e una verde, con al centro uno scudo sormontato da una corona baronale rappresentante tre figure naturali e ideali: un tiglio, un mitologico ippogrifo che lo arrampa su una distesa d'acqua )




















































Roccasecca (FR): a Federico Colone il Memorial Pasquale Cardellino
Le due ruote sono state protagoniste nella giornata di domenica 25 agosto a Roccasecca per l'atteso Memorial Pasquale Cardellino, valevole come Campionato Regionale Csain Medio Fondo Lazio, nonche tappa del giro della Ciociaria.
Ottima la partecipazione di ciclisti provenienti da tutto il centro Italia, vogliosi di ricordare il compianto ciclista roccaseccano. Antonio Greco (animatore principale dell'evento), la MB Lazio Ecoliri del presidente Roberto Cancanelli e la famiglia del compianto Pasquale hanno dato vita ad un evento molto apprezzato dai 150 concorrenti giunti a Roccasecca per onorare la manifestazione, nonostante che in regione ci fossero in programma altri storici eventi ciclistici.
Tanta emozione durante il minuto di raccoglimento prima della partenza avvenuta dirimpetto all'abitazione Cardellino alla presenza dei familiari, dello staff dell'organizzazione, del Sindaco della Citta Giuseppe Sacco e del Presidente CSAIn ciclismo Biagio N. Saccoccio, nonche' da un numeroso pubblico.
90 i chilometri di gara, con un dislivello di circa mille metri, che ha interessato gli abitati dei comuni di Castrocielo, Piedimonte San Germano, Cassino, Caira, Belmonte Castello, Villa Latina, Vicalvi, Posta Fibreno, Fontana Liri, Santopadre, prima di raggiungere Roccasecca, in prossimità dell'abitazione della famiglia Cardellino, dove era posto l'arrivo.
Dopo i circa 90 chilometri a giungere a braccia alzate è stato il ciociaro Federico Colone (Erreclima Professional Cycling), che ha anticipato all'arrivo il campano Marco Sivo (team Cesaro Falasca) e l'altro ciociaro Giuseppe Carcasole (United Cycling Team). Davide Colone (Erreclima Professional Cycling) e Marco Simeone (Mb Lazio Ecoliri) i vincitori delle categorie Promozionali del giro della ciociaria. Nella categoria donne, affermazione per Luana Bruzzone (Team Cesaro Falasca), davanti a Manuela De Iuliis della medesima formazione e Francesca Centola (Aurunci Cicling Team ), terza posizione che comunque gli è valsa per il titolo regionale. Il Traguardo volante posto dopo venti km è stato vinto da Pietro Capuccilli, mentre il GPM è stato conquistato da Antonio Borrelli.
Al termine sontuoso pasta party, seguito da una ricchissima premiazione e vestizione delle maglie per i neo campioni Csain, alla presenza della famiglia Cardellino, dello staff degli organizzatori e del presidente Saccoccio.
Ringraziamenti particolari quelli rivolti da Antonio Greco e Enzo Cardellino nel tracciare la figura e la bontà del compianto Pasquale, di cui tanti amici portano un indelebile ricordo nel cuore, come testimoniato dalle maglie realizzate appositamente per l’evento, indossate da alcuni dei concorrenti in gara e dallo staff organizzatore.
Roberto Cancanelli, presidente della asd MB Lazio Ecoliri ha tenuto a ringraziare, oltre ai partecipanti, il collegio di giuria, le Forze dell'Ordine, la Protezione Civile, il Sevizio Sanitario, la Scorta Tecnica, e tutti coloro che hanno reso possibile la buona riuscita dell'evento.
La manifestazione si è conclusa con l'estrazione di un bicicletta offerta da Gianluca Coletta, titolare dall'azienda Professional Cycling di Cassino, che ha visto come fortunato vincitore Angelo Bevilacqua portacolori della asd Un Giro in Meno di Sezze.
A cura di Ufficio Stampa Csaincicliamo
Campioni Regionali Mediofondo Lazio
Donne Centola Francesca Aurunci Cycling LT
Sanior 1 Del Sesto Angelo MB Lazio Ecoliri FR
Senior 2 Grande Fabiano Santa Maria Delle Mole RM
Veterani 1 Pistilli Gianpaolo Sei Impianti FR
Veterani 2 Calvano Angelo Un Giro in Meno LT
Gentleman 1 Savoia Alessandro Cicli Paco LT
Gentleman 2 Carpentieri Terenzio FI Giant Store RM
S.G. A Placidi Luciano Amici per Bici VT
S.G. B Sangermano Giovanni MB Lazio Ecoliri FR

Il comitato csain Roma ringrazia gli atleti romani che con la loro ottima prestazione hanno conquistato tre maglie di campioni regionali








































































Gorga (RM) - 25/08/2019
V Memorial Sergio Bigioni- V Trofeo Cicli Coppola

Una grande organizzazione e' stata premiata da un elevato gradimento di atleti e pubblico

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Gorga , Nel territorio si eleva il Monte San Marino, del gruppo montuoso dei monti Lepini, la cui cima raggiunge i 1.387 metri sul livello del mare. L'area montana compresa nel comune, conosciuta anche come altopiano di Gorga si caratterizza geologicamente per la presenza di estesi e notevoli fenomeni carsici sia superficiali che profondi. Tra i piu' importanti spicca la grotta di Campo di Caccia, oggetto di una lunga campagna di esplorazioni e studio denominato Progetto Lepinia. Attualmente la grotta e' una delle piu' importanti della regione che con una profondita' di circa 610 metri, ed e' stata per molto anni la piu' profonda della regione Lazio, sorpassata nel 2006 a seguito delle esplorazioni del vicino Ouso di Passo Pratiglio (-840) sito sul medesimo altopiano ma in comune di Supino.

Il direttore di corsa Pierluigi Vacca , ha dato il via alla gara alle ore 09.20 . gli atleti provenienti da tutta Italia , vogliono sfidare i ben 12 tornanti che dalla piccola frazione di San Marino portano fino al paese di Gorga
Emiliano Fanfarillo (asd Dream Bike di Frosinone ) ottiene il primo gradino del podio , con l'ottimo tempo di 19.49 taglia il traguardo posto dopo il 12 tornante intitolato al compianto campione Marco Pantani , sul secondo Cabreros Giohn Mar Dion (Ciclotech-Blokko) a 21.00 e sul terzo Manuel Sciaretta (Conti D'Angeli ) 21.09.
Tra gli atleti piu' maturi grande prestazione di Marco D'Agostini ( CRM Racing ) in 20.49 , seconda posizione per Andrea Paolucci ( cicli Castellaccio ) 20.57 e terza per Giosue Calabrese ( Rieti riding sport) 24.03 .

Buona prestazione per le quote rosa di Marcella Lombino (Bikelab scuola ciclismo) 28.06 , secondo gradino per Emanuela Frattaroli (Anzio Bike ) 30.46 , terzo Lucia David ( cicli Coppola ) 39.47 e Monica Turi 40.48 (Veloclub 39x26 Roma).

Prime piazze di categoria per Cabreros John , Manuel Sciaretta , Ivan Corsi , Emiliano Fanfarillo , Andrea Paolucci , Marco D'Agostini , Domenico Garofalo , Giosue Calabrese , Marcella Lombino .
Tempi di tutto rispetto per i primi classificati di Coppa Lazio : Zazza , Fiorentini , Giovannetti , Scarfone , Carbone , Bottega , Corai , Trovarelli , David .

Sono state effettuate le ricche premiazioni presso il palco montato al centro di Gorga dal sindaco Andrea Lepri e dal vice Nadia Cipriani e dai due impagabili presidenti Ivan Coppola e Carlo Matteo Mossa, dal responsabile del ciclismo CSAIN Roma Claudio Trovarelli e dal direttore di gara Pierluigi Vacca .

Si ringrazia per la collaborazione i carabinieri della locale stazione , i vigili del comune di Gorga , le scorte tecniche team Santaroni , il servizio sanitario e Protezione Civile di Gorga , il direttore di gara Pierluigi Vacca , i giudici nazionali CSAIN eche in tempo record ha stilato le classifiche e soprattutto il Comune di Gorga .



Prossimamente tutte le classifiche su www.sportvari.com

Appuntamento per tutte le societa' di Coppa Lazio per domenica 01 Settembre al circuito di Torvergata


























































































Fraternali si impone a Pietralunga dopo cinquanta chilometri di fuga solitaria.
A segno anche Ferminelli e D'Intino

Grande organizzazione curata nei minimi particolari dalla famiglia Valcelli , che per il 27 anno mette in calendario la classica di Ferragosto , con ai nastri di partenza oltre 140 cicloamatori.

Pietralunga (Perugia) - Cinquanta chilometri di fuga solitaria sui sessanta che costituivano il percorso di gara e l'arrivo braccia al cielo nel centro abitato di Pietralunga.
Mattia Fraternali (Scott Team Granfondo), marchigiano di Smirra di Cagli, conquista cosi' il suo secondo successo stagionale nel 27 Memorial Oliviero Valcelli (gara svoltasi sotto l'egida di CSAIn Ciclismo)precedendo Gradinaru Birgu Alexandru e Alessandro D'Andrea (Studio Moda). " Ieri ho partecipato al Gran Premio Capodarco Amatori, la gara che precedeva il prestigio evento Under 23, dove ho provato la fuga a meta' gara, prima di essere raggiunto dal resto del gruppo. Durante la gara marchigiana ho avuto buone sensazioni e ho deciso di partecipare oggi a questa manifestazione.
Volevo vincere e ho allungato dopo dieci chilometri di gara tagliando il traguardo a braccia alzate e in perfetta solitudine".
Nella seconda partenza successo di Stefano Ferminelli, davanti a Daniele Mencarelli e Umbro Giacinti.
Tra le donne vittoria di Azzurra D'Intino (Pedale Elettrico) che conquista il secondo successo consecutivo in due giorni di gara. Al secondo posto Debora Morri, terza Maria Cristina Prati.
Ottima prova di : Gradinau , D'Andrea , Conternori , Abbati , Grigioni , fraternali , Valcelli , Gnucci , Diomedi , Braconi , Bianchi , Giacinti , Mondaini , Bertozzi , Nardelli , Bertocci , Carloni , Melandri , Massarucci , Antonini , Brighi.

Si ringrazia per la fattiva collaborazione il sindaco di Pietralunga dott. Mirko Ceci , la locale stazione dei Carabinieri , le scorte tecniche , i vigili urbani , il direttore di gara Gabriele Bazzucchi e gli oltre 20 volontari per lo piu' amici e persone vicine alla famiglia Valcelli.
















































Associazione Sportiva Dilettantistica Podistica Solidarieta'

Castel San Pietro
Podistica Solidarieta' prima classificata con 32 atleti!
Patrizio Sangermano
5 assoluto
150 euro rs e
Tanti premi di categoria!
Capitignano Montereale Abruzzo
1 ass Lucia perilli
4 ass Chiara ciaccia
Stravilla Santa Maria
Abruzzo
2 ass Domenico liberatore

Sul nostro sito
La classifica di Castel s.pietro romano
Piu' altre classifiche

Le foto Castel s Pietro Trail briganti Notturna hermada
Prossimo impegno
Trail del Circeo
24 agosto ore 18
Con ricco pacco gara

Ho il piacere di presentare la nostra Associazione Sportiva Dilettantistica Podistica Solidarieta che nasce nel 1995 come sezione sportiva all'interno dell'Associazione Gruppo di Solidarieta della Banca d'Italia
Scopo principale: correre e fare "Solidarieta" attraverso la partecipazione a gare Fidal e non che attribuiscono premi in denaro ai gruppi podistici piu' numerosi da devolvere poi in beneficenza.
A novembre 2001 e' iniziato un processo di rinnovamento con la nomina del nuovo Presidente, attualmente in carica, il rinnovo del Consiglio Direttivo e di tutte le cariche in seno al Gruppo, e' stato dato un nuovo e piu' dinamico impulso a tutta l'attivitŕ podistica e solidale; prova ne sono i risultati sportivi ottenuti e la collaborazione raggiunta con organizzazioni Onlus come la Komen Italia, l'A.I.S.M., l’A.I.L., il M.A.I.S., l’Acorp, la Caritas e la Fondazione TELETHON per il quale Comitato abbiamo organizzato insieme al GS Bancari Romani le prime edizioni Romane della Walk of Life.
Il 2016, il nostro 22° anno di vita, e' passato da qualche mese ma sono ancora vivi i ricordi delle tante emozioni e soddisfazioni personali e societarie che con esso abbiamo vissuto e gioito.
Sono aumentati i nostri tesserati al punto che siamo puntualmente costretti a bloccare i tesseramenti e con loro sono aumentati i premi vinti nelle varie gare e destinati in gran parte alla solidarieta e continua il nostro racconto della Podistica in Pillole al fine di creare un ulteriore momento di interesse, un tuffo nel passato, per ricordare e non dimenticare quanto di buono abbiamo fatto e naturalmente per rendere piu' trasparente e visibile a tutti la nostra attivita e la gestione del denaro di tutti.
Bellissimi i risultati ottenuti alla Maratona di Roma, alla Roma Ostia, alla Corsa di Miguel, alla Maratona di San Valentino, alla Corri Roma, alla Speata, alla CorriLipu, alla Maratonina del Cuore, alla Corsa dei Santi, alla We Run Rome e tantissimi altri ancora che potete leggere di seguito.
Per quanto riguarda l'aspetto solidale aumenta il numero di ragazzi adottati, ora ne abbiamo 6, grazie anche al generoso contributo dei nostri soci ordinari, sostenitori e benemeriti, l'ultima arrivata č un’altra bambina brasiliana Isadora.
Continua la raccolta sangue ed aumentano i nostri donatori e gli interventi di aiuto. Continua la collaborazione con la Caritas anche attraverso l’assistenza alla Mensa di Colle Oppio, continuano le raccolte a favore della Komen Italia, dell'A.I.L., dell'A.I.S.M., e poi le Charities della Maratona di Roma, ancora donazioni alla Casa di Andrea, Isla Ng Bata, Casa Betania, all'Amip e a tante altre associazioni piccole e grandi.
Al nostro interno abbiamo costituito:
- la Scuola di Atletica Leggera con specifico riferimento alla pratica della Corsa in tutte le sue specialita condotta da Giuseppe Coccia, Daniela Paciotti e Marco Taddei ;
- la Sezione di Fit Walking coordinatori Agnese Zanotti e Enrico Zuccheretti per chi volesse provare l'emozione di camminare in armonia ed ottenere grandi benefici per il corpo e la mente;
- la Sezione Trail, coordinatori Marco Perrone Capano, Maria Bianchetti e Fabrizio De Angelis, per chi volesse provare l'emozione di camminare in mezzo ai boschi, in riva a fiumi e ruscelli, tra monti e valli in fior, a contatto con la natura lontani dal traffico e dallo smog;
- la Sezione Triathlon coordinatore Gianluigi Martinelli per gli amanti della triplice disciplina nuoto, bici e corsa;
- laSezione di Atletica Leggera in Pista condotta e organizzata sapientemente dal nostro Marco Taddei;
------------ la Podistica Solidarieta Cycling Team gia conta piu' di 50 ciclisti coordinata da Mauro Luigi, Giancarlo di Bella e Alessandro Todde .-----------
Per entrare a far parte della Podistica Solidarieta non serve necessariamente essere dei fenomeni vanno bene anche i gregari, purche' abbiano voglia di correre e di aiutare il prossimo e seguire le istruzioni contenute nelle MODALITA' DI ISCRIZIONE : http://www.podisticasolidarieta.it/

























































































22 MUNDIALITO DI CICLISMO OPEN

MORRO D'ORO 11 AGOSTO 2019

Soddisfazione per il movimento ciclistico Laziale con Alessandro Savoia ottiene la medaglia d'argento.

Domenica 11 Agosto si e' svolta con successo la 22 edizione del Mundialito , la citta' di Morro D'Oro ha ospitato i moltissimi cicloamatori accorsi da tutta Italia per aggiudicarsi le prestigiose maglie con i colori dell'iride.

Ha difeso con onore i colori del Lazio Alessandro Savoia del team Cicli paco di Aprilia aggiudicandosi il secondo gradino del podio categoria g1 ( molto soddisfatto il presidentissimo Giuliano Palma).

Altro storico presidente Laziale, mossiere delle premiazioni , Pasqualino Angelini presidente del team Pizzoli , non e' voluto mancare per omaggiare i nuovi campioni del Mundialito.

La storica manifestazione iridata e' aperta a tutte le categorie maschili e femminili della Fci Enti Nazionali ed internazionali con la speciale partecipazione dei campioni paralimpici della Fci. La manifestazione e' da sempre organizzata con accertata professionalita' dal GS Spiga dOro di Morro d'Oro sotto la regia del carismatico Presidente Ing. Giuseppe Palladini e la preziosa collaborazione dello Staff societario. Anche quest'anno come tradizione, La prestigiosa corsa, e' stata dedicata alla memoria e la vicinanza affettiva ai familiari delle vittime della immane sciagura avvenuta il giorno 8 agosto 1956 nella miniera di carbone Bois du Cazier Marcinelle (Belgio) dove nel vasto incendio perirono 262 minatori di cui 136 italiani e numerosi giovani abruzzesi, e verso i familiari delle vittime di Rigo Piano e del personale di volo di pronto soccorso elicotteri precipitato durante le operazioni di salvataggio.

Il percorso di gara, il collaudato anello grande (Kn 23,00 a giro) di Morro d'Oro, impegnativo e selettivo, si e' snodato nello splendido scenario naturale del Gran Sasso d'Italia e l'accogliente e famosa cittadina balneare di Roseto degli Abruzzi. Le distanze agonistiche sono state divise per fasce di categoria. La partecipazione dei campioni (tandem) paraciclismo e' stato abbinata alla categorie Donne e Gentleman. L'arrivo e' stato posto sulla asperita' che porta a Morro d'Oro.
Vincitori assoluti prima fascia ; Vincenzo Pisani ( asd Euronix team ) , seconda fascia : Wladimiro D'Ascenzo ( asd Omm-Menania.Faleria)





















































Grottaferrata - 07/07/2019

Memorial Giancarlo Pavoni

Trofeo asd Roma Team

Tre nuovi vincitori , che sul duro strappo del Canneto ottengono la prima vittoria in Coppa Lazio 2019

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Grottaferrata che e' un comune italiano di 20 411 abitanti della citta' metropolitana di Roma Capitale nel Lazio. Dopo aver ottenuto l'autonomia amministrativa nel 1848, stretta tra Frascati, Marino, Rocca di Papa e Morena, e' attualmente uno dei luoghi di villeggiatura e residenziali più eleganti e frequentati dei Castelli Romani, grazie al rapido collegamento con Roma assicurato dalla strada statale 511 via Anagnina, che attraversa il territorio criptense per tutta la sua estensione. Il comune e' conosciuto soprattutto perche' ospita l'abbazia di Santa Maria di Grottaferrata, fondata nel 1004 da san Nilo da Rossano e costituita attualmente in abbazia territoriale retta dall'Ordine Basiliano Italiano di Grottaferrata.

Alle ore 09.15 esatte il direttore di gara Emanuele Chiominto dopo un breve trasferimento turistico fino al rinomato circuito di Torvergata completamente chiuso al traffico automobilistico , da' il via alla gara.
La cronaca della gara e' molto movimentata , gia' al primo giro allunga il corridore di casa Leonardo Ciarloni prendendo circa 20 secondi di vantaggio ma al 20 chilometro viene ripreso, poi al nono passaggio , dopo il giro di boa dell'orto botanico ( L'orto dell'Universita' di Roma Tor Vergata ha una estesa area a disposizione ed e' in fase di espansione. A partire da dicembre 2007 e' attivo il Centro di Conservazione del Germoplasma ) , parte una fuga di otto uomini che non verranno piu' ripresi -
L'arco arancio di Coppa Lazio posto in cima allo strappo davanti al rinomato ristorante " Il Canneto" sancisce la prima vittoria in questa stagione di Amedeo Nonni della storica societa' cicli Appodia di Subiaco (un presidente che ha riportato ai vertici il ciclismo sublacense ) poi nella categoria a5 Marco Conti , Davide Ulisse , Giovanni Rinicella , Davide Risa , Tommaso De Pasquale , Alessio Galuppo , Manuel Sciaretta , Andrea Giovannetti .

Primo della a3 Alessandro Duca (cicli Rossi) poi il compagno di casacca Antonio Mastrogiacomo , Cabreros Jhon Mar , Carlo Perrera , Massimiliano Zazza , Cabreros Jhon Carlo , Domenico Cartolano .

Medaglia d'oro nella categoria a6 per Alessandro Iori (Disoflex-Portalandia) a ruota Luigi Fiori , Andrea Petricca , Massimiliano Tavera , Stefano De Paulis , Cristiano Vicini , Armando Murzilli.

Trofeo per societa' alla asd cicli Appodia di Subiaco .

Dopo le meritate ferie estive , appuntamento per le societa' del Lazio a domenica 25 Agosto per la classica cronoscalata di Gorga.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com














































































Grottaferrata - 07/07/2019

Memorial Giancarlo Pavoni

Trofeo asd Roma Team

Tre nuovi vincitori , che sul duro strappo del Canneto ottengono la prima vittoria in Coppa Lazio 2019

Alle ore 09.18 il direttore di gara Emanuele Chiominto da il via alla seconda gara riservata agli over 45 .
Oggi nonostante il caldo soffocante gli atleti non lesinano le energie prima parte in una fuga solitaria il presidente-atleta Stefano Bianchini , poi ripreso i tentativi si susseguono a ripetizione , all'ottavo giro allungano in dieci e riescono a mantenere un lieve vantaggio sul gruppo inseguitore , tra gli applausi dei numerosi appassionati dal palato fine , spalmati sulle rampa di via Mola cavona , il vincitore di spessore e' Lido Fogli della asd cicli Renzi di Fiano Romano poi nella categoria a8 Savoia , Romualdi , Casconi , Conte , Bertozzi , Carpentieri , Borioni , Santangeli , Bvilacqua , Candurro , Fioravanti , Lauri.

Torna alle gare dopo un periodo di stop il presidente della asd cicli Bortolotto di Roma Giorgio Bortolotto e ottiene una splendita medaglia d'oro nella categoria a7 , seguono Lombardi , Panci , Paoli , Mancini , Di Ferdinando , Morroni , Morelli , Biondi , Mariani , Carloni , Di Cesare. .

Altra piacevole sorpresa , al rientro dalle gare alla prima partecipazione del 2019 sale sul primo gradino dei super/g quella "vecchia volpe " di Antonio Branchi (IFI- Giant store Roma) poi Marco Di Salvo con la nuova casacca del Roma Team , Marco Bondani ( fresco vincitore di categoria alla gran fondo del Parco) , Benedetto Venditelli , Bruno Oliveti.

Il presidente Stefano Bianchini con il direttore di gara Emanuele Chiominto e il responsabile CSAIn Roma Claudio Trovarelli , hanno effettuato le ricche premiazioni ( premiati tutti i presenti) negli accoglienti locali del noto ritrovo dei ciclisti romani , il ristorante "Il Canneto" , sono state omaggiate con una targa le figlie di Giancarlo Pavoni .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Locale VI Municipio Le Torri in particolare al reparto U.I.T.S. capitanato dal comandante Luca Mario , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario , alle scorte tecniche Vessella e alla efficientissima protezione civile Associazione Nazionale dei vigili del fuoco in congedo del responsabile Massimiliano Missori .

Un particolare ringraziamento agli " amici " della New Limits di Ciampino , a tutto lo staff della asd Roma team e a Cube Store di via A. Carruccio 39 .
Trofeo per societa' alla asd cicli Appodia di Subiaco .

Dopo le meritate ferie estive , appuntamento per le societa' del Lazio a domenica 25 Agosto per la oramai classica cronoscalata di Gorga.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com



























































































CAMPIONATO PROVINCIALE CSAIN ROMA CICLISMO SU STRADA 2019

CISTERNA (OLMOBELLO ) 30 GIUGNO 2019

Grazie al grande lavoro del Team Cicli Rossi, sono riuscito a conquistare il secondo posto assoluto e il primo di categoria nella gara di oggi e di conseguenza la Maglia di Campione Provinciale Strada Roma 2019.

Come sempre tutto questo frutto di un lavoro di squadra che non puo' esimermi dal fare i piu' sentiti ringraziamenti a tutti i ragazzi che hanno contribuito al raggiungimento di questo successo.

Fatica, impegno, passione e unita' d'intenti hanno prodotto un risultato che ha reso tutti orgogliosi.

Andrea Petricca
























CAMPIONATO PROVINCIALE CSAIN ROMA
COPPA LAZIO-MEMORIAL DIMITRI BUTTARELLI
CISTERNA (OLMOBELLO) - 30/06/2019 -







VINCITORI CAMPIONATO PROVINCIALE:




JUNIOR : ROMUALDI LUCA ( CONTI D'ANGELI)

SENIOR1 : CONTI MARCO (CICLOTECH-BLOKKO RACING TEAM)

SENIOR2 : MARTINELLI CRISTIAN DAVID : ( CICLI PACO TEAM )

VETERANI1 : PETRICCA ANDREA ( CICLI ROSSI)

VETERANI2 : MANCINI PIERLUIGI : (AUDAX FIORMONTI )

SENIOR1 : SAVOIA ALESSANDRO ( CICLI PACO TEAM )

SENIOR2 : CONTE GIUSEPPE ( AUDAX FIORMONTI)

DONNE : BORTOLOTTO SERENELLA (CONCORDIA CICLI BORTOLOTTO )

DOPO 13 GARE :
TROFEO SUPERTEAM -
TROFEO CICLI LIBERATI
- societa' campione regionale :
1) AUDAX FIORMONTI = 246 - 2) CONTI D'ANGELI = 218 - 3) SANTA MARIA DELLE MOLE = 214 - 4) CICLI ROSSI = 156 - 5) CICLOTECH-BLOKKO RACING TEAM = 150 - 6) CIAMPINO BIKE = 114 - 7) CICLI PACO= - 8 )- BIKE CENTER PRO TEAM MTB = 96 - 9) BIKELAB SCUOLA CICLISMO = 82 - 10) DISOFLEX-PORTALANDIA = 78 ................
































































5 archi di Velletri - 23/06/2019

Trofeo Ristorante Sole-Luna

Un percorso che premia chi e' piu' in forma : Cabreros John Mar Dion e Roberto Maggioli

Oggi la Coppa Lazio e' ospite del ristorante Sole-Luna in via Sole luna 4 a Velletri ( Il Ristorante e' fornito di sala interna, tavoli esterni ed un ampio parcheggio. Immerso nel verde , e' possibile godere di un bel panorama sia nei periodi invernali che in quelli estivi. ).
Velletri Velitrae in latino, Velester in lingua volsca e' un comune italiano di 53 315 abitanti della citta' metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio. Gli abitanti di Velletri sono chiamati veliterni, o anche velletrani. Dista 42 km dalla capitale e 27 km da Latina. Il centro storico sorge sulle propaggini meridionali dei Colli Albani, a 332 m s.l.m.. Incluso – ma solo da alcuni– nell'area dei Castelli Romani nonostante la sua lunga tradizione di libero comune, Velletri e' il 9 comune piu' popoloso del Lazio e il primo tra i quindici comuni dei Castelli Romani, sia per numero di abitanti che per estensione territoriale. Antichissima città dei Volsci (Velester, e Velitrae in latino) e gia' autorevole al tempo di Anco Marzio, lo storico Dionigi d'Alicarnasso la definisce "illustre". Sede suburbicaria di Velletri-Segni, e' stato teatro di due storiche battaglie: nel 1744 e nel 1849. Velletri ospita un tribunale circondariale e un carcere, oltre a numerosi istituti superiori e licei. Capolinea della ferrovia Roma-Velletri, inaugurata da Pio IX nel 1863, la citta' e' uno dei centri attraversati dalla via Appia Nuova-

Alle ore 09.00 esatte il direttore di gara Emanuele Chiominto da' il via alla gara. La cronaca e' molto scarna , al primo giro allungano sullo strappo di via Sole Luna sette atleti e presto prendono un vantaggio di oltre un minuto e trenta.

Quando sembra tutto deciso inspiegabilmente all'ultimo dei sette giri , rallentano e vengono ripresi dal gruppo.
Con una prepotente volata Robero Maggioli (Santa Maria delle Mole ) si aggiudica gara e categoria a7 ,a seguire nella categoria Alessandro Di Cesare , Massimo Dolciotti , Federico Caronti , Riccardo Mariani , Giorgio Morroni.
Primo della categoria a8 Alessandro Savoia (cicli Paco team) poi Filippo Santangeli , Massimo Bevilacqua , Marco Candurro , Giuseppe Conte , Luca Cerioni , Mario Duranti , Marco Quaglia , Pasquale Guastamacchia , Claudio Romualdi , Mauro Tonietti.
Primo dei super/g uno strepitoso Marco Bondani (Conti D'Angeli).

Trofeo per societa' alla asd cicli Paco team di Aprilia.
Appuntamento per le societa' di Coppa Lazio a domenica 30 Giugno a Cisterna di latina (Olmobello)

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com








































































5 archi di Velletri - 23/06/2019

Un percorso che premia chi e' piu' in forma : Cabreros John Mar Dion e Roberto Maggioli

Trofeo Ristorante Sole-Luna
Oggi la Coppa Lazio e' ospite del ristorante Sole-Luna in via Sole luna 4 a Velletri ( Il Ristorante e' fornito di sala interna, tavoli esterni ed un ampio parcheggio. Immerso nel verde , e' possibile godere di un bel panorama sia nei periodi invernali che in quelli estivi. ).

Il Mix di percorso impegnativo e caldo opprimente ha fatto si che molti atleti rientrassero prematuramente ai box.

Per la categoria dei piu' giovani con una ottima volata si aggiudica gara e categoria Cabreros John Mar Dion ( asd Ciclotech-Blokko racing team ) a seguire il fratello John Carlo ( i terribili ragazzi Filippini ) , Alessandro Duca , Antonio Mastrogiacomo , Luca Romualdi , Renato Valerio Domenico Cartolano .

Sempre della asd Ciclotech-Blokko racing team Marco Conti si aggiudica la categoria a5 , a ruota Fabiano Grande , Fabrizio Ponzo , Tommaso De Pasquale , Alessio Galuppo , Amedeo Nonni , Manuel Sciaretta , Luigi Serangeli , Davide Ulisse.

primo della a6 e secondo assoluto il velocista romano Alessandro Iori ( Disoflex-Portalandia ) poi Luigi Fiori (cicli Appodia) , Andrea Petricca (cicli Rossi) , Giuseppe Scarfone ( Conti D'Angeli).

Dopo un minuto di raccoglimento in memoria di Marco Morini, quarantanovenne presidente della Asd Bike 2018 Trevignano Romano, che ci ha repentinamente lasciati , Emanuele Chiominto e il responsabile CSAIn Roma Claudio Trovarelli , hanno effettuato le premiazioni negli accoglienti e freschi giardini del ristorante " Sole-Luna " .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia di Velletri , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario , alle scorte tecniche Vessella e alla efficientissima Protezione civile Gamma Velletri .

Trofeo per societa' alla asd Ciclotech-Blokko racing team

Appuntamento per le societa' di Coppa Lazio a domenica 30 Giugno a Cisterna di latina (Olmobello)

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com




































































IL GIRO NON TERMINA A MAGGIO
A bocce ferme emergono sempre le mosse migliori ! E' proprio quello che mi succede pensando all’ultimo giro ciclistico d’Italia.Nuovi personaggi si rincorreranno nei colori delle prossime gare,al rosa di Valerio Conti,del vincitore finale R. Carapaz, ci sara’ la maglia gialla del Tour e quella rossa della Vuelta.Per chi sa’ entrare nella nebulosa del ciclismo con curiosita’,trovera’ una galassia di preziosita’,di iniziative socio culturali che vanno al di la’ del semplice evento sportivo.
Le biciclette usate dai corridori,i Comuni attraversati,le salite conquistate,diverranno desiderio per i telespettatori dei 198 paesi collegati.Il clima di festa del Giro è un profumo senza muri,armonia di buone intenzioni fatta di strade sistemate,di applausi per tutti i ciclisti,di solidarieta’ per i bambini meno fortunati ancora in guerra,di educazione stradale competente verso 50.000 giovani,di mobilita’ sostenibile con bici elettriche ed auto ibride,di rispetto ambientale con la raccolta di 73.078,68 kg di rifiuti riciclati nel Progetto Ride Green.
Amo troppo il Giro per non evidenziare quello non mi è piaciuto,sempre,naturalmente, per un suo futuro migliore:la presentazione delle squadre, lunga,povera di spettacolarita’ e scarsamente significativa,alcune tappe troppo monotone e dall’esito sempre scontato,la maglia rosa confusa tra quelle della EF Education First , l’educazione stradale impartita ai ragazzi con mini moto anziche’ biciciclette.
Poi ci sono Paola Gianotti che ha anticipato il Giro per chiedere di rispettare il ciclista sulle strade,l’anonimo straniero con la significativa scritta “sorpassaci a debita distanza”,l’entusiasmo degli allievi di Moreno Di Biase al passaggio dei corridori,l’abbraccio spontaneo dell’amico Remigio Picco ai tifosi ecuadoriani del vincitore Richard Carapaz.
E’ proprio vero che un Giro tira l’altro e gia’ penso al prossimo.
Appunti per Mauro Vegni ,Direttore del Giro d’Italia
PRESENTAZIONE DELLE SQUADRE :luci ed immagini ,musica e parole
-Propongo di far salire sul palco in bicicletta tre squadre alla volta mentre scorrono le immagini delle localita’ che saranno toccate dal Giro.Breve intervista spontanea al rappresentante di ciascuna squadra. -Tra un gruppo e l’altro uno straordinario spettacolo di musica e danza. -conclusione con i fuochi d’artificio e musica ballabile quale ringraziamento per il pubblico presente.
MONOTONIA DI CERTE TAPPE CON ESITO SCONTATO
-Finiamola con le tappe troppo lunghe,quattro ore di corsa sono sufficienti a far emergere il talento.Oggi,poi, è piu’ semplice spostarsi con i Motorhome. -Aumentiamo i Traguardi Volanti con abbuoni “corposi” non come quelli attuali cosi’ esigui.Almeno un traguardo ogni 40 km. -Classifica unica dei traguardi volanti per tappa ,assegnazione di Euro ed abbuoni.Naturalmente,questi ultimi,saranno sempre al disotto di quelli assegnati per la vittoria di tappa (da aumentare anch’essi in secondi). -Anche i GPM dovranno assegnare abbuoni rilevanti. A questo punto,chi vuol fare una buona classifica non potra’ dormire!
LA MAGLIA ROSA SI DEVE DISTINGUERE SEMPRE
Quando le maglie della squadra sono dello stesso colore della maglia rosa(in particolare vista dall’elicottero) dovra’ cambiarla o modificarla come fece la Mercatone Uno al Tour.Pena l’esclusione dal Giro.
EDUCAZIONE STRADALE IMPARTITA DALLA POLIZIA CON MINIMOTO ELETTRICHE Mi son detto subito”cominciamo bene”.Proprio al Giro ciclistico veniamo a dare questo messaggio ai giovani?Mi aspetto,per il prossimo anno ,solo biciclette,al limite con le rotelline,ma biciclette.
SPETTACOLARIZIAMO GLI ARRIVI
Quando non ci sono le salite a darci una mano,dov’ è possibile,concludiamo la corsa in “circuito”.Voglio dire un’anello di 5 km, piu’ giri,anche ondulati,per una mezz’ora di corsa.Neutralizzazione solo a tre km all’arrivo. Problema doppiati?Innanzitutto è difficile che in 5 giri di un circuito lungo 5 km,il ciclista si faccia staccare di oltre 6 minuti.Poi,i chip,di cui ogni concorrente è dotato,a che servono? Il CIRCUITO dara’ piu’ sicurezza al concorrente e soddisfazione al pubblico presente. Per una sola volata non conviene scomodarsi dal salotto di casa.Il circuito è lo stadio del ciclismo.c’è solo da divertirsi anche con tante gare in attesa del Giro!
COINVOLGERE GLI APPASSIONATI CON IL GIOCO PRONOSTICO DEGLI SPONSOR
Chi vincera’ la tappa di oggi?Chissa’ quante volte abbiamo provato ad indovinarlo giocando a suon di Euro. Questo gioco “pronostico” si differenzia dagli altri perche’ non muove soldi,solo mette in palio i prodotti degli SPONSOR partecipanti al Giro.Ogni tappa, un gadget aziendale per chi indovina il vincitore. La gestione sara’ a cura dell’organizzatore che diffondera’ il Montepremi delle varie tappe .
Se i premi messi in palio saranno inferiori a chi ha indovinato si procedera’ all’estrazione a sorte o chiedendo anche i piazzati,li si consegneranno a chi si è avvicinato di piu’.Con un programmino informatico non mi sembra complicato gestire questo pronostico. Le spese per la consegna dei premi saranno a carico dell’azienda produttrice del prodotto.
Cari saluti Gianfranco Di Pretoro



































































MENTANA-AMATRICE - 16 Giugno 2019

Oggi Mentana-Amatrice...non la solita pedalata tra amici,
non il solito percorso ma la voglia di portare un saluto, un po’ di sollievo con la speranza che i riflettori non si spengano mai su una terra ed una popolazione martoriata dal terremoto!
Abbiamo trovato solo gente ospitale e sorridente con la voglia di rimboccarsi le maniche e lavorare.

Anna Sapienza
Sandro Lucente
LR Bike di Lorenzo Bonsignori
2effe Pneumatici Di Verducci Francesco
Cleonice Renzetti Biologo Nutrizionista
Fabio Toselli
Caffč La Fonte
Mario Verducci

Oggi una simpatica ciclopasseggiata dopo le ultime partecipazioni agonistiche alla : Terminillo Marathon , GF Valerio Agnoli , Mare e monti di Civitavecchia.

Societa' :
La mission della nostra societŕ č fare sport, divertendoci, ed avvicinare i ragazzi a questo stupendo mondo, il ciclismo....il podismo.....

Nell'estate del 2011 un gruppo di amici, spinti dalla passione per la bicicletta e dalla voglia di stare insieme in armonia, getta le basi di una nuova associazione sportiva dilettantistica a Mentana.
All'insegna della democrazia, del rispetto che abbiamo tra di noi e verso il prossimo, siamo orgogliosi di dire che dai "moti" del 2011 č nato il Team Carbon...
La storia continua.....Non vogliamo insegnare niente a nessuno anche perché noi stessi abbiamo molto da imparare;
c'č sempre da imparare! L'obiettivo č quello di raccogliere e accogliere tutti quegli amanti dell'unico sport che č soprattutto scuola di vita, in un gruppo leale, rispettoso e democratico..... in una sola parola sportivo!
La vera missione perň č quella di riavvicinare i bambini a questo meraviglioso sport!
Proprio loro che hanno bisogno di quella scuola di vita che sarŕ fondamentale per costruirsi delle fondamenta solide... Vi Aspettiamo!
















































- Colleferro - 16/06/2019
7° Memorial Lino La Noce - cronometro cicli Coppola

Fabrizio Ponzo si conferma a Colleferro , anche quest'anno re della specialita' .

Sul tracciato di Colleferro si sono affrontati i migliori specialisti del centro Italia e non solo

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Colleferro, non proprio in provincia di Frosinone, ma alle sue soglie in provincia di Roma, č sede di una delle massime industrie private dell'Italia del Centro, la Bombrini e Parodi; e spicca perciň sullo sfondo agricolo e pastorale, ed oggi tutt'al piů faccendiero, del Lazio. Luogo d'incubazione di antifascismo prima che scoppiasse la guerra, centro di lotta partigiana piů tardi, e oggi d'idee politicamente avanzate, Colleferro č una piccola cittŕ operaia modernista, folta di antenne radio. Regioni come il Lazio, modernizzandosi, non solamente attenuano le caratteristiche antiche ma concorrono a quelle opposte. Lo sviluppo di Colleferro ebbe inizio giŕ nel 1912, con la conversione di una fabbrica oramai in disuso da anni (lo zuccherificio della Societŕ Valsacco), per la produzione di esplosivi. Il primo nucleo di case infatti non fu quello dove oggi si erge il centro della cittadina, bensě presso lo scalo della allora stazione ferroviaria "Segni-Paliano".

Alle ore 09.20 esatte il navigato direttore di gara Pierluigi Vacca dava il via ai tantissimi amanti della particolare disciplina della crono ( dalla Toscana , Dall'Umbria , dall'Abruzzo e dalla Sardegna ) che nonostante la calura estiva si sono sfidati sui 15 km. leggermente vallonati, del tratto di via Fontana Barabba , completamente chiuso ai veicoli , strada che da via Casilina arrivava fino a toccare il polmone verde della Selva di Paliano .

Si aggiudicava nuovamente la gara, per il terzo anno consecutivo ,ormai lo possiamo definire il re di Colleferro , lo specialista Fabrizio Ponzo (Santa Maria delle Mole ) in 20.48 , sul podio un ottimo Marco Conti ( Ciclotech-Blokko racing team ) 21.21 e Simone Madolini ( Pro Bike Racing Team ) in 21.38.

Si sono aggiudicate le rispettive categorie con ottime prestazioni : Marcella Lombino ( Bikelab scuola ciclismo ), Terenzio Carpentieri (IFI-Giant srore Rome) , Massimo Bottega (veloclub 39x26 cicli Coppola) , Mauro Flumeri (Ciampino Bike ) , Simone madolini (Pro Bike Racing Team ),Fabrizio Ponzo (Santa Maria delle Mole ), Marco Conti ( Ciclotech-Blokko racing team ), Alessandro Duca (cicli Rossi ) , Franco Martinelli (team L'Aquila ) , Francesco Mario Giuliani ( gs Fiumicino).

Come sempre un gustoso ristoro per atleti e accompagnatori e poi sono state effettuate le ricche premiazioni presso i locali del Ristorante "La Noce" dal presidente Ivan Coppola coadiuvato dagli ospitali titolari Stefano e Gianni e dalle due mini Miss le gemelle Greta e Noemi Ambrosetti.




a breve le classifiche complete...................








































































- Colleferro - 16/06/2019
7° Memorial Lino La Noce - cronometro cicli Coppola

Oggi si assegnavano i punti per la Classifica finale di Coppa Lazio , torneo iniziato a Marzo e che si concludera' a fine Settembre .

Una organizzazione ormai rodata , un bel connubio cicli Coppola e " ristorante La Noce"

Premiati i primi di Coppa Lazio : Monica Turi (veloclub 39x26 cicli Coppola ) , Marco Taglienti (Morena Bike) , Pasquale Guastamacchia (cicli Rossi ) , Maurizio Carbone (cicli Rossi) , Luigi Cangitano (veloclub 39x26 cicli Coppola ), Joseph Kristien Adanah ( Ciclotech- Blokko racing team ) Augusto Montoni (cicli Coppola ) , Giorgio Maria Carbone (cicli Rossi) , Carlo Matteo Mossa (veloclub 39x26 cicli Coppola ) .

Come sempre un gustoso ristoro per atleti e accompagnatori e poi sono state effettuate le ricche premiazioni presso i locali del Ristorante "La Noce" dal presidente Ivan Coppola coadiuvato dagli ospitali titolari Stefano e Gianni e dalle due mini Miss le gemelle Greta e Noemi Ambrosetti.

Si ringrazia lo sponsor " Ristorante La Noce " , il direttore di corsa Pierluigi Vacca , i vigili del comune di Paliano , i carabinieri della stazione di Colleferro , le scorte tecniche Daniele Mantovani e Angelo Paulotto del Santaroni team , servizio sanitario e Protezione Civile distaccamento di Colleferro e i giudici nazionali CSAIN .

Cronometraggio ufficiale CSAIN Lecce : https://www.speedpassitalia.it/

Appuntamento per tutte le societŕ di Coppa Lazio per domenica 23 Giugno a Velletri al ristorante " Sole Luna" partenza ore 08.45.

TROFEO SUPERTEAM - TROFEO CICLI LIBERATI
- societa' campione regionale :
1) AUDAX FIORMONTI = 222 - - 2) SANTA MARIA DELLE MOLE = 190 3) CONTI D'ANGELI = 184 - 4) CICLOTECH-BLOKKO = 130 - 5) CICLI ROSSI = 126 - 6) CIAMPINO BIKE = 102 - 7 )- BIKE CENTER PRO TEAM MTB = 84 - 8) CICLI PACO= 82 - 9 ) DISOFLEX-PORTALANDIA = 74 - 10) CICLI CASTELLACCIO = 70 ................

E al termine atleti ed accompagnatori tutti a pranzo in allegria, come nel vero spirito del ciclismo amatoriale....

a breve le classifiche complete...................





















































































Fondation Day-Decathlon di Torvergata

Una giornata di festa e condivisione dello sport ha animato oggi tante persone che si sono ritrovate al Decathlon di Torvergata, dove la Lazio basket i carrozzina ha partecipato insieme a tanti collaboratori e associazioni.

– lo stesso giorno e in tutto il mondo in occasione del Fondation Day
- si sono mobilitati in favore delle persone piů deboli per unire sport e inserimento e per far vivere i valori che animano Decatholon hanno condiviso operatori delle associazioni:

Maisolionlusancesareo

SS Lazio Basket in carrozzina

Accademia del nuoto di Marino

Associazione Onlus La Voce della Luna

Steps Aba Onlus

Associazione Umbrella Onlus

Associazione Domino

SICS Scuola Italiana Cani Salvataggio-Tirreno:

Un grande plauso a Decathlon Fondation Day per il modo di valorizzare lo sport come potente mezzo di comunicazione , inserimento, formazione e scambio.

Un esperimento riuscito e parecchio apprezzato da tutti i partecipanti e la Lazio basket in carrozzina parteciperŕ anche il prossimo anno

Moreno Poggi - SSLAZIO BASKET IN CAROZZINA - Torre Maura in via Pietro Olina tel. 393.9043640.
( La societa' sta' cercando atleti da aggiungere al roster per poi svolgere il campionato giovanile di basket in carrozzina)
Prossimo evento/forum a Torremaura punto luce Save the Children...
il 13 giugno alle ore 16 incontro con genitori e ragazzi al Punto Luce Save the Children di Torremaura,
Il progetto ha lo scopo di costituire un fondo comunitario per combattere la povertŕ infantile e prevede una consultazione e quindi un incontro con ragazzi da 14 fino ai 17 anni riguardante la difficoltŕ di accesso ai servizi di base delle famiglie a rischio esclusione sociale, i bambini con disabilitŕ, i migranti e rifugiati.





























































Borgo San Michele (LT) - 02/06/2019

Memorial Civita Marciano

Campionato Regionale CSAIN Lazio strada

Nella prima domenica di Giugno i migliori team del lazio hanno voluto dare lustro con la loro presenza al Campionato Regionale Lazio CSAIN strada
In archivio il 3° Memorial Civita marciano con l'organizzazione perfetta della asd Nuovo Pedale Pontino di Latina Scalo , del presidente Armando Santaroni.

Un ulteriore conferma dell'ottimo lavoro svolto sul territorio dall'ente di promozione sportiva CSAIN .

I vincitori delle maglie 2019 :

Junior : Alessio Strano Paniccia (as Alatri) -

Senior1 : Giovanni Rinicella (Audax-Fiormonti) -

Senior2 : Fabiano Grande(Santa Maria delle Mole )

Veterani1 : Alberto D'Acuti (Santa Maria delle Mole )

Veterani2 : Pietro Capuccilli (team Cesaro Falasca) -

Gentlemen1 : Paolo Casconi ( cicli Paco team) -

Gentlemen2 : Filippo Santangeli ( cicli Bortolotto ) -

Super/g : Marco Bondani (Conti D'Angeli ) -

Debuttanti : Andrea Pezzola (Redingo sport team ) -

Donne : Serenella Bortolotto (cicli Bortolotto )-

















































Borgo San Michele (LT) - 02/06/2019

Memorial Civita Marciano

Organizzazione perfetta per il festival dei velocisti

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Borgo San Michele , č una frazione del comune di Latina, nel Lazio. Cittŕ di fondazione, popolata da pionieri venetopontini negli anni trenta, conta 2 749 abitanti. Borgo San Michele venne fondato quale "Villaggio Operaio a Capograssa" nel 1928 dal consorzio di bonifica di Piscinara nell'area degli Scopeti e delle paludi del Picarello. L'architettura degli edifici, pensati per gli operai della bonifica idraulica, presenta uno stile vagamente neo-settecentesco, insolito rispetto allo stile razionalista tipico degli insediamenti pontini nati durante l'epoca fascista La chiesa di San Michele Arcangelo, realizzata ad ispirazione di quella di Tor Tre Ponti, venne completata nell'ottobre 1932 e venne eletta a parrocchia dal 1ş gennaio 1937. A fianco della chiesa sorge la torre dell'acquedotto, realizzata in modo da sembrare un campanile, con l'orologio e una colombaia.

Il direttore di corsa Armando Santaroni alle ore 15.15 precise ha dato il via alla gara sul classico circuito di Borgo San Michele ,un circuito di 10 chilometri a forma di quadrilatero completamente piatto, finalmente un caldo sole accoglie gli atleti che hanno voluto onorare questa gara dedicata alla scomparsa consorte del direttore di gara. Tantissimi i tentativi di fuga , tutti vogliono indossare le prestigiose maglie di campione regionale Lazio csain. Ma le squadre dei velocisti tengono cucita la gara e nel volatone finale si vede il fior fiore delle ruote veloci , la spunta un immenso Alberto D'Acuti (Santa Maria delle Mole ) categoria veterani1.
Si aggiudicano le altre categorie : Junior Alessio Strano Paniccia (as Alatri) - senior1 Giovanni Rinicella (Ausax-Fiormonti) - senior2 Fabiano Grande (Santa Maria delle Mole )- Debuttante : Andrea Pezzola (Redingo sport team ) .
Ottima prestazione per Duca , per i due Cabreros ,Romualdi , Trovarelli , Gabrielli , Conti ,Bisonni , Consoli , Iosif , Panico ,Ponzo , Cappello , Petricca , Pinchieri , Mattacchioni, Turchetta , Rosati ,

Trofeo per societa' alla asd Santa Maria delle Mole

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com











































































Borgo San Michele (LT) - 02/06/2019

Memorial Civita Marciano

Organizzazione perfetta per il festival dei velocisti

Il direttore di corsa Armando Santaroni alle ore 15.18 precise ha dato il via alla seconda gara riservata agli atleti piu' maturi sul classico circuito di Borgo San Michele .
Altra gara e altra musica , al chilometro 55 in un tratto controvento allungano un manipolo di atleti e con circa trente secondi si presentano sul traguardo ,
Si aggiudica gara e maglia veterani2 l'atleta frusinate Pietro Capuccilli (team Cesaro Falasca) ,
Si aggiudicano le altre categorie : gentlemen1 Paolo Casconi ( cicli Paco team) - gentlemen2 Filippo Santangeli ( cicli Bortolotto ) - super/g Marco Bondani (Conti D'Angeli ) - Donne Serenella Bortolotto (cicli Bortolotto ).

Ottima prestazione per Lauri , Conte , Carava , Fioramonti , Cancanelli Bottone , Bertozzi , Guastamacchia , Tantari , Maggioli , Pezzola , Carboni , Paoli , Quaglia , Panzetta , Candurro , Tonietti , Savoia.

Dopo un minuto di raccoglimento in memoria di Civita Marciano , le ricche premiazioni sono state effettuate presso i locali del bar " Ciro " di Borgo san Michele un vero covo dei ciclisti del pontino , dal patron della manifestazione Armando Santaroni e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia di Latina , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario , alle scorte tecniche Team Santaroni e alla Protezione civile di Latina .

Trofeo per societa' alla asd Santa Maria delle Mole

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com











































































Roma - 25/05/2019

Trofeo caffe' Girolimetti
Crono singola e a coppie asd Amici in bici

Al via i migliori specialisti del centro Italia di questa affascinante disciplina

Oggi la Coppa Lazio e' ospite del circuito di Torvergata , per l'occasione completamente chiuso al traffico,
L'universitŕ degli Studi di Roma "Tor Vergata" č una universitŕ statale italiana. A Roma č la seconda universitŕ statale in ordine cronologico di fondazione[4] e la terza per numero di iscritti. L'ateneo č progettato sul modello dei campus anglosassoni e occupa un'area di 500 ettari. L'Ateneo viene istituito come seconda universitŕ statale di Roma con la legge 771 del 22 novembre 1972, che delinea anche le prime modalitŕ organizzative del campus universitario. L'attivitŕ didattica iniziň nel 1982con le facoltŕ di ingegneria, giurisprudenza, medicina, scienze e lettere. Nel 1987 viene istituita la facoltŕ di economia. Un ulteriore progetto di ampliamento del campus si ebbe con il piano del 2005, che, in vista dei mondiali di nuoto di Roma del 2009, aveva previsto l'edificazione nell'area della "cittŕ dello sport", progettata dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava. I lavori per l'enorme progetto (palasport e pallanuoto con piscina olimpionica, pista d'atletica, grattacielo del rettorato alto 90 metri, nuove residenze universitarie e facoltŕ di giurisprudenza e scienze matematiche fisiche e naturali) iniziarono nel 2006, ma non vennero terminati a causa del lievitare dei costi dagli originari 250 milioni di euro ad oltre 600 milioni. Nel 2010 il cantiere si č chiuso e la grande opera č rimasta incompiuta

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto alle ore 15.15 precise ha dato il via alla gara sul classico circuito di Torvergata , completamente chiuso al traffico veicolare , il cielo si presenta nuvoloso , ma il percorso che si snoda nella Citta' dello sport all'ombra della " incompiuta " Vela di Calatrava , rimara' asciutto per tutta la gara .
Gli atleti prendono il via intervallati da un minuto l'uno dall'altro , prima la gara singola e al termine la cronocoppie. Per gli atleti iscritti alla Coppa Lazio , uno stratosferico Angelo Maggi (asd Audax-Fiormonti ) ottiene con 11.46 la migliore prestazione e si aggiudica la categoria gentlemen1 , altro tempo di rilievo nei senior2 e' quello Francesco Pesciaioli (cicli Castellaccio ) 11.47.
prime piazze per gli Junior Alessandro Duca (cicli Rossi ) 12.50 . senior1 Giovanni Rinicella (Audax-Fiormonti ) 12.33. Veterani1 Massimiliano Tavera (Ciclotech-Blokko racing team) 12.32. Veterani2 Alessandro Colombo (Audax-Fiormonti )13.28. Gentlemen2 Luigi Onofri ( Hjperion) 13.11. Super gent Ottavio Borini (Hjperion)16.28 . Donne Marcella Lombino (Bikelab scuola ciclismo ) 13.35 .

Buone le prestazioni di Milena Felici , Antonio Celluzzi , Luigi Torricella , Roberto Favullo , Gianni Adamo , Alessandro D'Amico , Andrea Minissale , Matteo Fiorentini.

La gara assegnava le importanti maglie di campione provinciale crono csain Roma , che venivano consegnate dai titolari dell'azienda caffe' Girolimetti , i fratelli Valerio e Raffaella Girolimetti e dal patron della manifestazione Nello Di Gennaro e dal suo validissimo braccio destro Lorenzo Rosi.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com
Servizio fotografico di Roberta Diena




















































































Roma - 25/05/2019

Trofeo caffe' Girolimetti
Crono singola e a coppie asd Amici in bici

Un successo sia di partecipanti che di apprezzamento da parte dei concorrenti gia' alla prima edizione
Al via i migliori specialisti del centro Italia di questa affascinante disciplina

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara sul classico circuito di Torvergata , completamente chiuso al traffico veicolare , il percorso che si snoda nella Citta' dello sport all'ombra della " incompiuta " Vela di Calatrava si presenta in perfette condizioni e permette di sviluppare medie da formula 1 .

Il plurivittorioso atleta di Grosseto Luciano Pasquini ( team bike Ballero ) con 11.49 sale sul gradino piu' alto della gara aperta a f.c.i. ed enti a seguire con 11.51 Simone Madolini di Roma ( Pro Bike Racing Team ) e Fabio Falcione 11.57 ( team bike Ballero ), Un podio veramente stellare-

Ottimi tempi per , Romualdo Ingrosso , Giorgio Antonelli , Marco Severa , Stefano Ferminelli , Giancarlo Ingegneri , Alessandro Mancini , Salvatore De Bonis , Alessandro Guidotti .

Non meno avvincenti la gara delle cronocoppie dove ha eccelso in quella mista lui e lei la coppia Lombino-Severa 12.26 , medaglia d'argento a Felici-Tavera 12.45 e di bronzo a Possidente-Di Cesare 12.47.

Con il tempo di 11.34 la coppia al maschile Falcione-Madolini sbaraglia tutti e si aggiudica il prestigioso titolo crono caffe' Girolimetti , segue con un distacco minimo il duo Di Cesare-Minissale 11.36 e con 11.40 in maglia rosso-nera Maggi-Rinicella. Bene la cronocoppie tutta femminile di Bortolotto-Pelella in 13.25

Le ricche premiazioni sono state effettuate presso i locali del bar " Maricla " di via Grotte Portella 28 delle accoglienti titolari Claudia e Marina , dai titolari dell'azienda caffe' Girolimetti , i fratelli Valerio e Raffaella Girolimetti , dal patron della manifestazione Nello Di Gennaro , dal suo validissimo braccio destro Lorenzo Rosi e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli .

Ospiti i ragazzi del basket in carozzina della SS LAZIO capitanati dal loro allenatore Moreno Poggi , che svolgono la loro attivitŕ a Torre Maura in via Pietro Olina tel. 393.9043640.
E dagli amici della Handbike : Gianni , Marco , Manolo e Ciro che ci hanno onorato della loro compagnia.

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale del VI Municipio capitanata dal comandante Luca Mario , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione civile del VI Municipio .

Trofeo per societa' alla asd Team Bike Ballero di Grosseto.

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com


Servizio fotografico di Roberta Diena






























































































VALERIO CONTI,MAGLIA ROSA AL GIRO,TESTIMONIAL DEI CICLISTI ROMANI
Cara Sindaca di Roma,pregiato Assessore allo Sport
Quando ho capito che Valerio Conti stava per indossare la maglia rosa al Giro d’Italia,mi sono precipitato alla stazione dei bus per incontrarlo a Vasto.Dopo 102 Edizioni di questa storica gara,Valerio Conti ,č il primo ciclista romano a portare il simbolo del primato
.Non so’ quanto riuscira’ a rimanere primo in classifica,so’ per certo,pero’, che ha scatenato l’entusiasmo dei cittadini della Capitale sradicando il torpore calciofilo ed il cronico malessere del motore.
Quel ragazzo,cosi’ sereno e profondo nelle argomentazioni, ha evidenziato il valore della pratica sportiva nell’eta’ adolescenziale,la gioia dell’avventura ciclistica nonostante le difficolta’ talvolta estreme.
Cara Virginia Raggi,Caro Daniele Frongia,abbiamo il testimonial per dare nuova linfa alla mobilita’ ciclistica nella Capitale,teniamolo caro per sviluppare lo sport ciclistico fra i giovani, per avviare una seria politica attraverso la costruzione di infrastrutture necessarie come le “Corsie di rispetto”su tutte le strade ed i ciclodromi nelle borgate.Cari saluti.
Gianfranco Di Pretoro




























Frascati - 12/05/2019

Trofeo Frascati in rosa
Trofeo CUS Universita' di Torvergata

Assegnata la laurea con 110 e lode ai due velocisti Rinicella e Paoli

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Frascati , che in occasione dell'arrivo del giro d'Italia si e' vestita di rosa e ha promosso svariate iniziative di contorno per la valorizzazione del nostro territorio ( grandi appuntamenti aspettando il giro tra scienza , arte e vigneti ) .
L'organizzazione e' curata dal CUS Roma Torvergata del presidente Manuel Onorati e dall'infaticabile Aldo Perri presidente dell'asd sezione ciclismo Universita' di Roma Torvergata , una garanzia per la buona riuscita della manifestazione

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto alle ore 09.00 precise ha dato il via alla gara sul classico circuito di Torvergata , completamente chiuso al traffico veicolare , il cielo si presenta nero , foriero di pioggia , che non risparmiera' gli atleti durante i 60 chilometri del percorso che si snoda nella Citta' dello sport all'ombra della " incompiuta " Vela di Calatrava .
Alcuni tentativi di fuga , che durano solo pochi chilometri , le squadre dei velocisti non vogliono perdere l'occasione e portano il gruppo al volatone finale .
Emerge di prepotenza il giovane Giovanni Rinicella (Audax-Fiormonti) a seguire nella categoria a5 Cristian Bisonni , Davide Ulisse , Laurentiu Iosif , Fabrizio Ponzo , Di Sano , Capomaggi , Trovarelli , Risa , Pesciaioli.
Primo gradino della categoria a3 per Giorgio Maria Carbone ( cicli Rossi) a seguire i due della Ciclotech-Blokko racing team John Mario Cabreros e John Carlo Cabreros , Domenico Cartolano , Andrea Pezzola , Antonio Mastrogiacomo , Luca Romualdi.
Alessandro Iori portacolori della locale asd Disoflex-Portalandia ottiene la prima piazza della categoria a6 a seguire Fabio Giuliani , Piero Rosati , Giuseppe Scarfone , Massimiliano Labbate , Pierluigi Mariani , Andrea Petricca.

Trofeo per societa' alla asd Audax-Fiormonti di Aprilia del presidentissimo Vincenzo Lo Iacono

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com

































































Frascati - 12/05/2019

Trofeo Frascati in rosa
Trofeo CUS Universita' di Torvergata

Assegnata la laurea con 110 e lode ai due velocisti Rinicella e Paoli

Oggi i nostri giudici di gara hanno svolto il loro lavoro viaggiando sulla nuova Rav4 il vero suv, vero ibrido guidata con perizia dall'amico Cristian Sergi della concessionaria A. Corvi.
Ottiene la prima vittoria in Coppa Lazio il velocista principe della asd Redingo' sport team Daniele Paoli , che si e' trovato particolarmente a suo agio nel pilotare la bici sul bagnato.
Segue nella categoria a7 Maurizio Carbone , Andrea Di Ferdinando , Pierluigi Mancini , Mauro Flumeri , Giorgio Bortolotto , Massimo Dolciotti , Pietro Panci , Giorgio Morroni .
Prima piazza nella categoria a8 per Fabio Bertozzi (Audax-Fiormonti) poi si ripresenta nelle posizioni di vertice che piu' gli competono Paolo Monti , Natale Lauri , Marco Quaglia , Filippo Santangeli , Guastamacchia , Candurro , Romualdi , Lo Iacono , Cerioni , Battistelli
Si aggiudica la categoria a9 Paolo Giuliani (Santa Maria delle Mole) poi Aldo Perri (Universita' di Torvergata).

Le ricche premiazioni sono state effettuate presso i locali del bar " Dolceamaro" di via Grotte Portella degli ospitali titolari Desire' e Flavio , dal presidente Aldo Perri dell'asd sezione ciclismo Universita' di Roma Torvergata e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli .
E soprattutto dalle simpatiche miss Anna e Aurora coadiuvate dai barman Andrea e Luca.

Agli organizzatori sono giunti i complimenti e ringraziamenti da parte del direttore generale dell'Universita' di Roma Torvergata dott. Giuseppe Colpani , cicloamatore tesserato con la asd sezione ciclismo dell'ateneo Tor Vergata.
Un ringraziamento allo sponsor della gara cicli Liberati e per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale del VI Municipio capitanata dal comandante Luca Mario , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione civile del VI Municipio , alla scorta tecnica Team Vessella.

Trofeo per societa' alla asd Redingo' sport team di Monte Sacro (RM) del presidente Maurizio Paoli .

Prossimamente tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com







































































PARTE UFFICIALMENTE L'ATTIVITA' DELLA SCUOLA DI CICLISMO :
Pachino Sgravatarrr .

I nostri ragazzi si allenano in una pista completamente chiusa al traffico.

La nostra pista l'abbiamo chiamata 'L'orto di Anna Pietro', dedicata alla mamma di Erno e al papŕ di Paolo.
Nell'orto crescono i pachino.
č un circuito di 1200 mt con tratti tecnici.
C'č anche un'area dedicata all'educazione stradale per i piů piccolini.
La pista č adatta ad adulti e bambini.

Responsabile della scuola la signora Gina Palma coadiuvata dal direttore sportivo Paolo Casconi , apprezzato ciclista sia nel ciclocross che su strada .

La scuola si trova ad Aprilia , in via del Pianoro , vicino la palestra Sensazione , ( Aprilia č un comune italiano di 74 691 abitanti a nord della provincia di Latina e gravitante nella conurbazione di Roma. Elevata a rango di cittŕ con decreto del presidente della Repubblica del 29 ottobre 2012, č il quinto comune della regione per popolazione e il decimo per superficie. L'origine del nome Aprilia deriva, oltre che dall'istituzione del comune avvenuta nell'aprile del 1936, da Venus Aprilia, ovvero Venere Feconda. Alcuni hanno letto nel nome un'espressione di buon augurio, come un "aprirsi" del luogo ad una vita nuova).

Il 4 Maggio sono iniziate le gare del Campionato promozionale Nord di Roma e del nuovo Circuito Ragazzi nord di Roma per i piů grandi!!!! Manifestazioni a cui i nostri ragazzi intendono essere presenti

Le foto in oggetto sono state scattate nella prima gara di Fiano , al Campionato Roma Nord, a cui i nostri ragazzi hanno partecipato con spirito sportivo e soprattutto in allegria .
"Ai bambini va insegnato , come ci si diverte , no come si compete . Va insegnato come ci si comporta , vanno insegnati i sorrisi , vanno insegnati i valori , non la vittoria ad ogni costo".

La societa' di Via Olbia 15 Aprilia, presente da anni sul territorio , parte nel 2019 con il nuovo progetto , coinvolgendo tutti i ragazzi di Aprilia e dintorni , (la dimensione educativa del ciclismo giovanile passa attraverso un percorso di crescita e di formazione tra corpo umano , mezzo meccanico e ambiente , basata sul gioco , le regole e il gfair play) .

Ride Your Bike
Per info CICLI PACO TEAM : 329.6013721 - 339.3629928






























































Colonna - 05/05/2019

Memorial Noe' Conti
Trofeo Concordia cicli Bortolotto

Spettacolo puro con l'arrivo posto al centro di Colonna.

Oggi la Coppa Lazio e' ospite di Colonna , č il comune piů piccolo della cittŕ metropolitana di Roma Capitale per superficie territoriale. Il Comune fa parte dell'Associazione Cittŕ del Vino e del Progetto Cittŕ dei Bambini. Il suo territorio č incluso nell'itinerario enogastronomico Strada dei Vini dei Castelli Romani.

Gli atleti sono qui per ricordare Noč Conti (Montefalco, 8 marzo 1933 – Roma, 4 giugno 2015) č stato un ciclista su strada italiano vincitore della Coppa Bernocchi 1959. Da dilettante mise in mostra buone doti di passista, collezionň alcune vittorie inoltre giunse terzo al Giro dell'Umbria nel 1952 e quinto al Gran Premio della Liberazione nel 1957. Passň professionista nel 1958 partecipando alle piů importanti corse in linea del panorama ciclistico italiano e mettendosi in mostra con i podi a Giro dell'Emilia, Giro dell'Appennino e Giro di Sicilia. Nel 1958 vinse la Coppa Bernocchi e prese parte al Giro d'Italia portandolo onorevolmente a termine in ventisettesima posizione. Negli anni successivi continuň a partecipare alle piů importanti corse del circuito italiano tuttavia senza riuscire piů a vincere, ciň nonostante continuň a cogliere molti piazzamenti fra cui i podi al Trofeo Matteotti ed ancora al Giro di Sicilia 1959, al Giro delle Alpi Apuane 1960 al Giro di Campania ed al Giro della Provincia di Reggio Calabria 1961. Anche suo fratello minore Franco Conti fu un ciclista professionista, vincitore fra i dilettanti del Giro Ciclistico d'Italia nel 1976.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara degli under 45 , rispettando la tabella di marcia , alle ore 09.15 esatte , La gara si svolge sul classico circuito vallonato della Prenestina che da Colonna si snoda in mezzo le vigne , poi toccando Zagarolo e San Cesareo torna a Colonna , tre giri per totali 64 chilometri e l'arrivo posto sullo duro strappo di via Roma.
Si parte con il sole ma in breve tempo si affacciano nuvole minacciose che bagnano gli atleti.
Gli atleti non effettuano manovre pericolose e tutto si svolge senza problemi
Sul duro strappo di via Roma spunta l'alfiere della Bikelab scuola ciclismo Cristian Bisonni e seppur di poco anticipa un bravissimo Cabreros John Mario Dion (Ciclotech-Blokko Racing team ) .
Classifica A5 : Cristian Bisonni , Marco Conti , Giampaolo Mastroianni , Alessio Galuppo , Giovannetti , Ponzo , Risa , Grande , Ulisse , Rinicella .
Primo della a3 Cabreros John Mario Dion poi Alessandro Duca , Cabreros John Carlo , Giorgio Maria Carbone , Antonio Mastrogiacomo , Andrea Pezzola.
Primo della categoria a6 un altro atleta della Ciclotech-Blokko Massimiliano Tavera , poi i due atleti della Ciampino Bike Giuseppe Baccaro e Fabrizio Mattacchioni , Pierluigi Mariani , Marco Chialastri , Andrea Petricca , Piero Rosati , Gianluca Colucci,

Trofeo per societa' alla asd Ciclotech-Blokko Racing Team di Frascati

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com









































































Colonna - 05/05/2019

Memorial Noe' Conti
Trofeo Concordia cicli Bortolotto

Spettacolo puro con l'arrivo posto al centro di Colonna.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla seconda gara degli over 45 alle ore 09.18 esatte , la corsa si svolge regolarmente senza particolari sussulti , qualche timido tentativo sulla via Maremmana e anche in questa lo strappo di via Roma elegge il vincitore di giornata, uno straripante Roberto Maggioli (Santa Maria delle Mole )a seguire nella categoria a7 Pietro Capuccilli , Daniele Paoli , Dolciotti , Di Ferdinando , Carbone , Pezzola , Bortolotto , Mancini , Morroni.

Si aggiudica la Categoria a8 la vecchia volpe di Bellegra Terenzio Carpentieri (IFI-Giant store Roma) poi Agostino Ingiosi , Alessandro Savoia , Luca Cerrioni , Massimo Di Tommaso , Bellini , Quaglia , Monti , Guastamacchia , Duranti , Bertozzi , Fogli , Santangeli , Palombi , Calabretti.

Primo della a9 Aldo Perri (Universita' di Torvergata) a seguire Marco Bondani (Conti D'Angeli)

Dopo il taglio della mega torta sono state effettuate le premiazioni con prodotti tecnici e delle spettacolari crostate artigianali presso i locali del bar di via Roma , dal sindaco di Colonna Augusto Cappellini e dall'assessore allo sport Agostino Cappellini , dal presidente Giorgio Bortolotto e dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli

E' stato consegnato un mazzo di fiori e un trofeo ai famigliari di Noe' Conti.
Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Colonna, ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione , alla scorta tecnica Team Vessella.

Trofeo per societa' alla asd Ciclotech-Blokko Racing Team di Frascati.

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com


































































Bufalotta (RM) - 28/04/2019
Trofeo Bikelab scuola ciclismo

Un successo sia organizzativo che di risultati per la asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Oggi la Coppa Lazio e' ospite della riserva naturale della Marcigliana , č un'area naturale protetta della cittŕ metropolitana di Roma. Č situata tra i comuni di Roma Capitale, Fonte Nuova, Mentana e Monterotondo, tra via Salaria e via Nomentana, e attraversata da via della Marcigliana e via della Cesarina Esteso per oltre 4.000 ettari il paesaggio č rurale e composto da campi coltivati, spallette boscate e filari di alberi lungo le strade interpoderali.
In questo parco si trovano i fondi di Torre Madonna, Fonte di Papa, Massa, Ciampiglia Barberini, Ciampiglia Del Bufalo, Santa Colomba, Valle Ornara, Casal della Donna, Capitignano, Olevano, Cesarina, Capobianco, Sant'Agata e Coazzo; di quest'ultimo č visibile il casale presso l'incrocio di via della Cesarina con la Nomentana. Lungo il tratto settentrionale di via di Tor San Giovanni č il casale di Tor San Giovanni, edificio medievale con torre. In tutto il territorio considerato sono sparsi resti di etŕ romana, in parte non visitabili perché gran parte della riserva č di proprietŕ privata. Un vasto settore, corrispondente all'antica tenuta Capitignano (detta poi Tor San Giovanni in quanto divenuta di proprietŕ dell'Ospedale di San Giovanni) č oggi di proprietŕ del Comune di Roma e vi ha sede la "Casa del Parco". Un appezzamento di meno di 60 ettari, lungo via della Marcigliana, č di proprietŕ demaniale e corrisponde al principale sepolcreto (Monte Del Bufalo, dalla famiglia Del Bufalo) della cittŕ latina di Crustumerium, vissuta tra il IX e il V secolo a.C.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara degli under 45 , rispettando la tabella di marcia , alle ore 09.00 esatte , il classico circuito vallonato della Bufalotta permette arrivi sia in gruppo che di atleti in fuga .
Temperatura ideale e circuito in buone condizioni invitano gli atleti a non lesinare le energie.
Molti i tentativi di fuga partiti di solito sullo strappo di via della Marcigliana , ma tutti dopo pochi chilometri vengono puntualmente stoppati.
solo a pochi chilometri dal traguardo parte l'atleta di casa e vince evitando il volatone di gruppo , primo Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo ) poi nella categoria a5 Bisonni , Ciarloni , Iosif , Sallusti , Sciaretta , Fiore , De Pasquale , Giuliani .
Primo gradino nella categoria a3 di Alessandro Duca (cicli Rossi) a seguire Carbone , Mastrogiacomo , Pezzola , Cartolano , Romualdi , Pascucci.
Si aggiudica la categoria a6 il presidente della asd Santa Maria delle Mole Alberto D'Acuti poi Mattacchioni , Cristian Bove (con un bel terzo posto festeggia il compleanno ) Di Ianni , Ronconi , Toffanin , Scarfone.

Trofeo per societa' alla asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com



































































Bufalotta (RM) - 28/04/2019
Trofeo Bikelab scuola ciclismo

Un successo sia organizzativo che di risultati per la asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara degli over 45 , alle ore 09.03 esatte , sul classico circuito vallonato della Bufalotta dove si sono scritte belle imprese del ciclismo romano.
Il lungo ponte festivo non ha scoraggiato gli atleti piu' "maturi" che si sono presentati in forze.
Anche in questa gara si sono visti molti tentativi di fuga partiti sempre sullo strappo di via della Marcigliana , ma tutti sono stati puntualmente annullati.
L'atleta di casa Danilo Simonetti (Bikelab scuola ciclismo) sorprende tutti nell'ultimo giro e si presenta solitario sul traguardo oggi posto in via di Tor san Giovanni , a seguire nella categoria a7 Fattore , Paoli , Dolciotti , Bortolotto , Maggioli , Pezzola , Panci , Marocco.
Un gradito ritorno ai vertici della classifica , primo della categoria a8 Massimo Di Tommaso (cicli Fatato Roma ) poi i migliori velocisti del panorama laziale : Bellini , Santangeli , Bertozzi , Fogli , Cerioni , Genovesi , Ferranti , Lauri , Candurro , Duranti , Conte , Tonietti , Romualdi.
Paolo Giuliani (Santa Maria delle Mole ) fa sua la categoria a9 a seguire Marco Bondani (Conti D'Angeli) e Maurizio Manoni (Franchi Valcelli) .

Effettuate le premiazioni presso i locali del bar pasticceria Albani dai titolari , dalla vice presidente del team Ilaria Consolini dal responsabile ciclismo csain Roma Claudio Trovarelli e dal direttore di gara Emanuele Chiominto

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Roma , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione , alla scorta tecnica Team Vessella.

Trofeo per societa' alla asd cicli Fatato di Roma

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com






























































Settimana da ricordare per la asd Bikelab scuola ciclismo

Grandi soddisfazioni sia su strada che in mtb

Marcella Lombino (asd Bikelab scuola ciclismo )con il tempo di 2.13.18 ottiene il primo gradino di categoria e la maglia rosa , alla gran fondo Strade Rosa di giovedi 25 aprile , si e' svolta a Grotte di Castro (vt) ( pittoresco borgo dell'alta Tuscia Viterbese ) la prima edizione amatoriale per sole donne master.
La manifestazione che racconta il ciclismo amatoriale femminile ha visto ai primi posti assoluti Michela Gorini (team fausto coppi) poi Karolina Macirejewska (asd proni cycling ) e Caterina Zappi (asd roma team ).


Nel 1° Trofeo xco Leda Ferentino Biker mtb – valido come Campionato regionale xco Lazio .

E' risultata prima assoluta e campionessa regionale F.C.I. Lazio Sara Battenti (asd Bikelab scuola ciclismo ).

Mentre quarto assoluto master e secondo gradino del podio per Marco Fortunati (asd Bikelab scuola ciclismo )-

Abbiamo assistito ad una avvincente gara con suggestivi passaggi dentro le mura del castello mediovale Teofilatto , all’interno del centro storico e passaggi nel sottobosco .
Torre Cajetani (fr) : Torre Cajetani č un comune italiano di 1.464 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.
Il nome fa riferimento alla famiglia Caetani o Cajetani, dei cui domini fece parte. Rientra nella Ciociaria, e sorge sull'estremitŕ orientale di un dorsale montuoso che si distacca dal versante meridionale dei Monti Ernici.
La storia del paese č strettamente collegata al suo castello, che viene ricordato in una pergamena datata 1180. In questo documento si descrive un abitato fortificato ormai pienamente formato ed organizzato, la cui difesa č demandata ai suoi stessi abitanti (castrum quod Turris vocatur).
Nel 1303 una bolla pontificia sancě l'egemonia della famiglia Caetani nell'area e Torre Cajetani divenne un importante punto strategico di difesa della famiglia per contrastare la famiglia rivale dei Colonna.
Nel territorio di Torre Cajetani sgorga una sorgente (Fontanelle) d'acqua oligominerale che era costantemente utilizzata da Papa Bonifacio VIII per curarsi del mal della pietra.










































































Cisterna di Latina - 20/04/2019
Trofeo Ciriaci Fotografi

Quel "diavolo" di Emanuele Chiominto resuscita il circuito di Olmobello di Cisterna di Latina ed e' subito successo pieno.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara under 45 aperta a F.C.I. ed enti alle ore 09.00 esatte , torna il classico circuito di Olmobello che misura otto chilometri da ripetere oggi per nove volte ,circuito piatto adatto ai velocisti .
La temperatura mite ha invogliato i migliori team del centro Italia ha confrontarsi in questa classica del sabato di Pasqua. Le squadre dei velocisti vogliono tenere la corsa chiusa e rintuzzano ogni tentativo di fuga.
Sotto l'arco arancio passa per primo Fabio Giuliani (Santa Maria delle Mole ) poi per i vet1 Francesco Greco , Angelo Clemente , Mirko Caronti , Luca Madaluni.
Per i Junior Giogio Maria Carbone (cicli Rossi) , a seguire Campassi , Mastrogiacomo , Di Tolve , Magnanti.
Il campano Pietro Communara ( cicloamatori Caserta )si aggiudica la categoria dei veterani a ruota Nacca , Toma , Fiore , Trovarelli , Rizzuti , Consoli , Balestriere , D'Amico , Buccitti , Serangeli , Ponzo.

Anche nella seconda gara riservata agli over 45 i tentativi di fuga vengono subiti stoppati e il triangolo del circuito racchiuso tra Nettuno , Borgo santa Maria , Borgo Carso e Cisterna di latina non offre possibilita' a chi tenta di evadere e sul lungo stradone di via Nettuno si presenta il gruppo quasi compatto ,anche se per pochi metri il campione pontino Fabrizio Somma ( team bike Terracina ) anticipa il gruppo e si aggiudica il primo trofeo Ciriaci Fotografi alla sua ruota il campano Andrea Cipullo (Euronix Team )poi sempre per i veterani2 Marocco , D'Ercole , Mariani.
Primo gradino per i gentleman il romano Marco Severa (team Ballero ) poi Ottaviano , Cancanelli ,Frattulillo , Fogli , Lauri , Santangeli , Bertozzi , Miozzi , Terziani , Carava'.
L'atleta di Ostia Marco Bondani (Conti D'Angeli sale sul gradino piu' alto dei super/g poi Patrizio Fioramonti (MB Lazio Ecoliri)
Effettuate le premiazioni presso i locali del bar La Pergola di Olmobello dal direttore di gara Emanuele Chiominto

Un ringraziamento particolare per lo sponsor Ciriaci Fotografi e per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Cisterna di Latina , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione , alla scorta tecnica Team Vessella.

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com























































Palestrina - 14/04/2019
Trofeo IFI-GIANT STORE ROMA

Il vulcanico titolare della IFI Simone Sanclimenti modifica il classico arrivo , dando ancora maggiori stimoli agli atleti

Testimonial della manifestazione Manolo Simeoni con la sua handbike

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara aperta a F.C.I. ed enti alle ore 09.00 esatte , il classico circuito prenestino misura 15 chilometri da ripetere oggi per quattro volte , circuito che ha fatto la storia del ciclismo laziale , calcato dai migliori cicloamatori del centro Italia.
La temperatura e' giusta per pedalare e gli atleti non se lo fanno ripetere due volte. Subito al primo giro vanno via sei atleti che con precisi cambi ottengono un minuto di vantaggio sul gruppo.
I fuggitivi rappresentano le piu' importanti societa' che riescono a controllare la corsa.
Sotto l'arco arancio oggi posto in cima allo strappo di via della Stella passa per primo Fabio Giuliani (Santa Maria delle Mole) seguito da Paolo Bucciti (TB Terracina - primo senior1) , l'ex prof. Claudio Astolfi (gc Melania ) , Andrea Donati (ifi-giant store Roma) , Andrea Giovannetti (idem - primo senior2) , Alessandro Nucci (idem) , Francesco Saccucci ( team Nardecchia ) , Giuseppe Soldi (veloteam Latina - primo gent1 ) , Roberto Maggioli (Santa Maria delle Mole - primo veterano2), Luisano Cannizzaro (team Nardecchia) , Massimo Costa ( MB Lazio Ecoliri ) , Massenzi (primo junior) , Carpentieri (primo gent2, Bencivenga , Costantini , Bonelli , Colone , Ponzo , Montini , D'Acuti , Lanci , Nardone .

Effettuate le premiazioni presso i nuovi locali del Centro Fisioterapia Integrata IFI in via Colle Martino , dal titolare Simone Sanclimenti , dal presidente della asd IFI-GIANT STORE ROMA Fabio Bartoli da Manolo Simeoni e dal responsabile ciclismo Roma Claudio Trovarelli .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Palestrina, ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione , alla scorta tecnica Team Vessella e a tutti i soci della asd IFI-GIANT STORE ROMA.

Appuntamento per tutte le societa' f.c.i. ed enti per sabato 20 Aprile a Cisterna di Latina (Olmobello)

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com




















































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli
Palestrina - 14/04/2019
Trofeo IFI-GIANT STORE ROMA

Il vulcanico titolare della IFI Simone Sanclimenti modifica il classico arrivo , dando ancora maggiori stimoli agli atleti

Testimonial della manifestazione Manolo Simeoni con la sua handbike

Oggi siamo ospiti di Palestrina č un comune italiano di 21 872 abitanti della cittŕ metropolitana di Roma Capitale nel Lazio. Si trova lungo la via Prenestina, a cui ha dato il nome, in quanto l'antico nome della cittŕ era "Prćneste". L'attuale Palestrina sorge sull'antica Praeneste, cittŕ latina celeberrima in etŕ antica per il Santuario della Fortuna Primigenia, santuario dedicato alla dea Fortuna Primigenia e che gli studi piů recenti datano agli ultimi decenni del II secolo a.C. I primi reperti archeologici, attestanti l'occupazione del sito e relativi a sepolture, risalgono all'inizio dell'VIII secolo a.C., alla vigilia della fioritura che investě la cittŕ in etŕ orientalizzante (VIII-VII secolo a.C.). Numerose sono le leggende che narrano la sua fondazione. Diverse tradizioni annotano come fondatore Telegono, figlio di Ulisse e di Circe, oppure l'eroe eponimo Prainestos, figlio del re Latino e nipote di Ulisse. Catone, Varrone, Virgilio e Solino, invece, legano la cittŕ alla figura di Ceculo, creduto figlio del dio Vulcano e ritrovato in fasce presso alcuni fuochi che gli avrebbero occultato la vista. La cittŕ venne conquistata da Roma con i suoi alleati della Lega Latina, dopo aver opposto strenua resistenza durante la quale aveva stabilito un'alleanza con i Galli in funzione anti romana.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara alle ore 09.05 esatte , il circuito prenestino misura 15 chilometri da ripetere oggi per quattro volte .
Temperatura ideale per pedalare , giornata uggiosa ma senza pioggia , ci sono pochi tentativi di fuga , tutti attendono il duro strappo di via della Stella , posto all'arrivo.
Sotto l'arco arancio di Coppa Lazio oggi svetta Cristian Bisonni (Bikelab scuola ciclismo ) a seguire nella categoria a5 Marco Conti , Davide Risa , Giampaolo Mastroianni , Tiziano De Carolis, Di Sanza , Sciaretta , Panico.
Primo della a3 Cabreros John Mar ( Ciclotech-Blokko racing team ) a ruota Carbone Giorgio Maria , Daniele Pascucci , Renato Valerio Alessandro Duca , Zazza , Romualdi , Mastrogiacomo , Viola
Primo gradino della a6 per Luigi Fiori (cicli Appodia ) Massimiliano Tavera , Piero Rosati , Giuseppe Baccaro , Fabrizio Mattacchioni , Petricca , Mariani , Bove , Vicini , Scarfone , Labbate.

Trofeo per societa' alla asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/



















































































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli
Palestrina - 14/04/2019
Trofeo IFI-GIANT STORE ROMA

Il vulcanico titolare della IFI Simone Sanclimenti modifica il classico arrivo , dando ancora maggiori stimoli agli atleti

Testimonial della manifestazione Manolo Simeoni con la sua handbike

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla seconda gara alle ore 09.07 esatte , la gara degli atleti piu' "maturi" e' sulla falsariga di quella precedente .
Anche in questa qualche tentativo sulla via Prenestina Nuova ma nessuno riesce ad evadere .
Un incontenibile Paolo Casconi (cicli Paco ) anticipa tutti , a seguire nella categoria a8 Angelo Maggi , Filippo Santangeli , Marco Candurro , Fabio Bertozzi , Savoia , Bartoli , Ingiosi , Quaglia , Duranti , Fogli , Casamatta .
Primo della a7 Danilo Simonetti (Bikelab scuola ciclismo ) a seguire Mauro Flumeri , Franco Serafini , Pierluigi Mancini , Andrea Di Ferdinando , Ciaraglia , Dolciotti , Carbone , Fattore
Primo gradino della a9 per Aldo Perri (Universitŕ Torvergata) sul secondo Marco Bondani , poi Venditelli e Savina.

Effettuate le premiazioni presso i nuovi locali del Centro Fisioterapia Integrata IFI in via Colle Martino , dal titolare Simone Sanclimenti , dal presidente della asd IFI-GIANT STORE ROMA Fabio Bartoli da Manolo Simeoni e dal responsabile ciclismo Roma Claudio Trovarelli .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Palestrina, ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione , alla scorta tecnica Team Vessella e a tutti i soci della asd IFI-GIANT STORE ROMA.

Appuntamento per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli a domenica 28 Aprile alla Bufalotta (RM) trofeo Bikelab scuola ciclismo .

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/












































































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli
Velletri - 31/03/2019
Trofeo bar La dolce vita - Gran Premio Metalgomma

" Il circuito Sole-Luna " e' stato molto apprezzato dagli atleti , sicuramente degno di una gara di Coppa Lazio.
Il primo caldo estivo ha mietuto molte vittime

Oggi siamo ospiti di Velletri , Velitrae in latino, č un comune italiano di 53 274 abitanti della cittŕ metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio. Gli abitanti di Velletri sono chiamati veliterni, o anche velletrani. Dista 42 km dal capoluogo e 27 km da Latina. Il centro storico sorge sulle propaggini meridionali dei Colli Albani, a 332 m s.l.m.. Incluso – ma solo da alcuni – nell'area dei Castelli Romani nonostante la sua lunga tradizione di libero comune, Velletri č il 9ş comune piů popoloso del Lazio e il primo tra i quindici comuni dei Castelli Romani, sia per numero di abitanti che per estensione territoriale. Antichissima cittŕ dei Volsci (Velester, e Velitrae in latino) e giŕ autorevole al tempo di Anco Marzio, lo storico Dionigi d'Alicarnasso la definisce (epiphanés), "illustre". Sede suburbicaria di Velletri-Segni, č stato teatro di due storiche battaglie: nel 1744 e nel 1849. Velletri ospita un tribunale circondariale e un carcere, oltre a numerosi istituti superiori e licei. Capolinea della ferrovia Roma-Velletri, inaugurata da Pio IX nel 1863, la cittŕ č uno dei centri attraversati dalla via Appia Nuova.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla gara alle ore 09.10 sul classico circuito " Sole-Luna ", che misura 8 chilometri da ripetere oggi per otto volte .
Ci sono svariati tentativi di fuga ma vengono puntualmente ripresi .
Sotto l'arco di Coppa Lazio possiamo godere dell'arrivo di un gruppo sfilacciato , passa per primo Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo) a seguire nella categoria a5 Adanah , Pitocco , Rinicella , Iosif , Galuppo , Sallusti , De Carolis, Ciarloni , Panico.
Primo della a3 Carbone Giorgio Maria (cicli Rossi) a ruota Cabreros John Mar , Duca , Cancelli , Mastrogiacomo , Valerio
Primo gradino della a6 per Fabio Giuliani (Santa Maria delle Mole) a seguire Rosati , Chialastri , Petricca , Mariani , Vicini , Scarfone.

Trofeo per societa' alla asd Bikelab scuola ciclismo di Roma

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/





































































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli
Velletri - 31/03/2019
Trofeo " bar La dolce vita " - Gran Premio Metalgomma

" Il circuito Sole-Luna " e' stato molto apprezzato dagli atleti , sicuramente degno di una gara di Coppa Lazio.
Il primo caldo estivo ha mietuto molte vittime

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto ha dato il via alla seconda gara alle ore 09.13 , anche in questa sono 8 i chilometri da ripetere per otto volte .
Completamente differente il film della corsa , dopo un giro di studio allunga Pietro Capuccilli ( Team Cesaro Falasca) sembra un vero suicidio e il gruppo lo lascia andare . Solo al termine del penultimo giro si accorgono dell'errore e quando ormai e' troppo terdi si sganciano otto uomini ma ormai possono lottare solo per la seconda moneta
Sotto l'arco di Coppa Lazio passa per primo Pietro Capuccilli ( Team Cesaro Falasca) poi per la categoria a7 Di Ferdinando , Paoli , Carbone , Marocco , Fattore , Dolciotti , Pezzola , Maggioli , Mariani , Bortolotto , Bova.
Primo della a8 Agostino Ingiosi (Audax Fiormonti ) Quaglia , Candurro , Savoia , Guastamacchia , Cantangeli , Borioni , Fogli , Pierantonelli , Bellini
Primo gradino della a9 per Marco Bondani (Conti D'Angeli) sul podio Giacomo Fusco (Ciclotech-Blokko).

Trofeo per societa' alla asd Team Cesaro Falasca

Effettuate le premiazioni presso gli accoglienti locali del " bar La dolce vita " ,dal direttore Emanuele Chiominto , dal responsabile ciclismo Roma Claudio Trovarelli , dal titolari del bar Loredana Barone e Luca Sarra.

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale di Velletri , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione VUP associazione regionale Lazio vigili urbani in pensione del presidente Alessandro Bruno capitanati dal responsabile Antonio Di Paolo e alla scorta tecnica Team Vessella.

Appuntamento per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli a domenica 07 Aprile alla Bufalotta (RM) trofeo cicli Castellaccio .

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/











































































AUDAX FIORMONTI SI PREPARA ALLA NUOVA STAGIONE

Inizia la stagione degli Esordienti ed Allievi, dell 'Audax Fiormonti, il debutto domenica 31/03/2019 a Foiano della Chiana (AR).

Dopo tre mesi di intensi allenamenti i ragazzi sono pronti a fare del loro meglio,

gli esordienti impegnati saranno :

Nicholas Bucciarelli,
Simone Camelo,
Morgia Joele,
Samuele Ottaviani.

Gli Allievi :

Mattia Nardacci,
Luca Maggi,
Luca Moroni.

Un grosso in bocca al lupo a questa nuova realta' del ciclismo laziale



















































La Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli e' orgogliosa di confermare x il dodicesimo anno consecutivo la collaborazione con il gruppo Scorte Tecniche Vessella di Roma ,
sicuramente tra le piu' preparate e professionali del centro Italia , una garanzia per la sicurezza degli atleti in gara.

LA MOTO DELLA SCORTA TECNICA GARANTISCE LA TUTELA DI PRIMARIE ESIGENZE DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE E DELL'INCOLUMITA' DEI CONCORENTI.







































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Universita' di Torvergata - 24/03/2019

Memorial Renzo Floreani.

Gli oltre 160 atleti onorano con la loro partecipazione il ricordo di Renzo Floreani , benemerito del ciclismo laziale .

Due vecchie conoscenze della Coppa Lazio interrompono il digiuno sul duro strappo di Frascati.

Frascati si trova sui Colli Albani, al di sotto del monte Tuscolo, attraversato dalla Via Tuscolana, in posizione dominante rispetto Roma, stretta tra Grottaferrata ad ovest e Monte Porzio Catone ad est e parte del suo territorio č compreso all'interno dei confini del Parco regionale dei Castelli Romani. I ritrovamenti archeologici piů significativi risalgono all'epoca romana e appartengono alla villa patrizia di Lucullo (117 a.C. - 57 a.C.) e poi alla dinastia imperiale dei Flavi (69 d.C. - 96 d.C.). Le 12 Ville Tuscolane Frascati č famosa per le Ville Tuscolane: costruite dalla nobiltŕ papale fin dal XVI secolo, esse erano uno status symbol dell'aristocrazia romana ed erano destinate ad attivitŕ di rappresentanza e al soggiorno estivo della corte pontificia. Da iniziali "case di campagna" circondate da terre coltivate e da boschi, divennero veri e propri palazzi signorili, castelli, frutto dell'impegno dei piů valenti architetti ed artisti dei secoli XVI e XVII. Esse si legano all'impostazione della villa romana d'epoca imperiale come luogo di ritrovo e meditazione, con l'utilizzo del "ninfeo" come apparato decorativo dell'assetto del giardino del castello.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto dopo il trasferimento fino al circuito , ha fatto effettuare un minuto di raccoglimento in memoria di Renzo Floreani , poi ha dato il via alla gara alle ore 09.15 sul classico circuito dell'Universita' di Torvergata , essendo questo completamente piatto e molto veloce ha permesso al gruppo di viaggiare alla media di 43 km..
Ci sono dei tentativi di fuga ma vengono subito ripresi .
Il vulcanico titolare della cicli Cristini , Walter Floreani insieme al presidente Palo Diso , hanno portato l'arrivo alle pendici di Frascati , un arrivo di tre chilometri che ha esaltato gli scalatori veri

Sotto l'arco di Coppa Lazio rompe il lungo digiuno e passa per primo Fabrizio Trovarelli (Bikelab scuola ciclismo) a seguire nella categoria a5 il talentuoso Marco Conti (Ciclotech-Blocco racing team ) poi Bisonni , Giovannetti , Iosif , Ponzo , Sadini , Adanah , Di Fazio , Rinicella , Ianieri.
Primo della a3 Cabreros John Mar (Ciclotech-Blocco racing team) seguito dal fratello Cabreros John Carlo ,Valerio Renato , Duca , Carbone , Cacopardo , Mastrogiacomo , Romualdi, Viola , Cartolano
Primo gradino della a6 per Fabio Giuliani (Santa Maria delle Mole) a seguire Tavera , Malatesta , Petricca , Fiori , Baccaro , Chialastri , Caliciotti , Colucci , Cicchitti , Labbate , Mariani , Murzilli.

Trofeo per societa' alla asd Ciclotech-Blokko racing team

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/














































































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Universita' di Torvergata - 24/03/2019

Memorial Renzo Floreani.

Gli oltre 160 atleti onorano con la loro partecipazione il ricordo di Renzo Floreani , benemerito del ciclismo laziale .

Ai nastri di partenza anche la " banda del Panta Rei Caffe' "

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto da' il via alla seconda gara alle ore 09.18 sul classico circuito dell'Universita' di Torvergata , anche in questa gara ci sono dei timidi tentativi di fuga ma tutti aspettano l'arrivo di Cisternole che incoronera' i migliori scalatori laziali.
Anche nella seconda gara sotto l'arco arancio di Coppa Lazio rompe il lungo digiuno e passa per primo lo scalatore della asd cicli Paco di Aprilia Alessandro Savoia a seguire nella categoria a8 la vecchia volpe Terenzio Carpentieri poi Ingiosi, Di Tommaso , Duranti , Bertozzi , Santangeli , Candurro , Quaglia , Fogli , Romualdi , Iacone .
Primo della categoria a7 Roberto Maggioli (Santa Maria della Mole) a ruota Simonetti , Fattore , Di Ferdinando , Barcellan , Serafini , Paoli , Ciaraglia , Dolciotti , Carloni.
Primo gradino della a9 per Aldo Perri (Universitŕ Torvergata) sul podio Venditelli , Leonio , Manzoni , Giuliani.

Il podio rosa vede prima Serenella Bortolotto (cicli Bortolotto) poi Adriana Ratini , Marcella Lombino , Maria Morganti.

Trofeo per societa' alla asd cicli Paco Team di Aprilia

Effettuate le ricche premiazioni presso la splendida terrazza del Panta Rei Caffe' , da cui si puo' godere la veduta di Roma , dai Castelli Romani, dalle piccole Miss Linda e Nicole , , dal responsabile ciclismo Roma Claudio Trovarelli , dal titolare della cicli Cristini Walter Floreani , dal presidente Paolo Diso e dalla simpatica patrona di casa Manuela .

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto alla Polizia Municipale VI Municipio le Torri capitanata dal comandante Oscar Mastroianni , al Comando Polizia Municipale di Frascati , ai giudici nazionali csain , al servizio sanitario e alla Protezione Civile Vigili del Fuoco in congedo VI gruppo e alla scorta tecnica Team Vessella.

Appuntamento per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli a domenica 31 Marzo ai 5 Archi (Velletri) nuovo circuito Sole-Luna .

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/




































































I CICLISTI DI TOR VERGATA GRIDANO SICUREZZA,SICUREZZA!!
LETTERA APERTA
Preg.ta SINDACA DI ROMA Virginia Raggi
Preg.ta ASSESSORA ALLA CITTA’ IN MOVIMENTO Linda Meleo
Preg.to Responsabile COMMISSIONE MOBILITA’ Enrico Stefano
Preg.to ASSESSORE ALLO SPORT Daniele Frongia
Preg.to PRORETTORE UNIVERSITA’ ROMA 2 Tor Vergata
Preg.to PRESIDENTE MUN.ROMA VI Roberto Romanella

Questa mattina,centinaia di ciclisti hanno risposto all’appello della Sezione Ciclismo-Universita’ Roma 2 Tor Vergata per stare vicino alla famiglia di UMBERTO DI MARZIANTONIO,l’ultimo ciclista ucciso in Viale dell’Archiginnasio.Con la perdita del suo sorriso,la gioia del pedalare č stata sopraffatta da una rabbia incontenibile.In poco piu’ di due chilometri ci sono solo lapidi e bici bianche.
Cara Sindaca, autorita’,ci sentiamo dimenticati,lasciati in balia dei motorizzati sempre piu’ incivili con la sola colpa di avere la passione per il ciclismo.A Roma,Capitale d’Italia,non c’č un’impianto in cui esercitarsi senza la paura di essere investiti.Incredibile!
Per consuetudine,da anni,abbiamo fatto di questa strada il circuito in cui incontrarsi ,ma non vogliamo piu’ morire schiacciati come zanzare.
Dobbiamo venire al Campidoglio per far valere il nostro diritto di esistere?
Intanto,al Prorettore ,che gentilmente ci ha ricevuto,abbiamo trasmesso con chiarezza quello che ci serve subito e quello che ci aspettiamo tra qualche mese,non anni.Naturalmente,la stessa cosa la “URLIAMO” a Lei,agli Assessori ed autorita’.
SUBITO
Ridurre la velocita’ dei motorizzati con la collocazione degli AUTOVELOX e segnalare la presenza dei ciclisti in viale Archiginnasio con la collocazione della segnaletica verticale.
TRA QUALCHE MESE
In considerazione che Viale dell’Archiginnasio č una strada a due corsie per ogni senso di marcia,con flusso di traffico non notevole,sarebbe opportuno destinare la corsia di destra ai ciclisti,separandola con la banda rumorosa,evidenziandola di tanto in tanto con i defleco ed il logo della bicicletta.
TRA 1 ANNO
La costruzione nel Campus Universitario di un CICLODROMO polivalente illuminato.Abbiamo parlato al Prorettore affinche’ ci metta a disposizione 3 Ettari di terreno in cui sviluppare i 2.000 metri lineari del circuito asfaltato.Fara’ le opportune valutazioni.
In attesa delle Vostre determinazioni in merito,inviamo distinti saluti.
Gianfranco Di Pretoro
























































GRANDE MANIFESTAZIONE SPONTANEA OGGI PER CHIEDERE PIU’ SICUREZZA PER I CICLISTI – L’UNIVERSITA’ DI ROMA TOR VERGATA HA ACCOLTO I MANIFESTANTI E ASCOLTATO LE LORO RICHIESTE

Tantissimi ciclisti hanno risposto all’appello “BASTA CICLISTI MORTI SULLE STRADE!” promosso spontaneamente da ciclisti e associazioni sportive di Roma e Lazio a seguito dell’ennesimo incidente mortale avvenuto a Tor Vergata lo scorso 5 marzo dove ha perso la vita l’amico Umberto mentre era in bicicletta investito da un’auto lanciata a tutta velocitŕ!
E’ ora di dire basta, vogliamo strade piů sicure e tutela per chi va in bicicletta č stato lo slogan della manifestazione.
Il gruppo ha osservato un minuto di silenzio sul luogo dell’incidente alla presenza dei famigliari del povero Umberto per poi proseguire fino al Rettorato dell’Universitŕ degli Studi di Roma Tor Vergata dove č stato accolto dal Pro Rettore Vicario, Prof. Claudio Franchini che ha dapprima rivolto un cordiale benvenuto ai partecipanti e successivamente ha ricevuto nella sala del Consiglio di Amministrazione una delegazione che ha presentato un’istanza indirizzata al Magnifico Rettore e al Presidente del VI Municipio per chiedere un impegno istituzionale affinché possano essere installati in tempi rapidi gli autovelox per limitare la velocitŕ delle auto sulle strade di proprietŕ dell’Universitŕ che ricadono nel VI Municipio, nonché un’adeguata segnaletica stradale che tenga conto del nuovo codice della strada e soprattutto della frequenza giornaliera di centinaia di ciclisti nel cosiddetto circuito di Tor Vergata.
Il Pro Rettore oltre ad aver mostrato una certa sensibilitŕ al problema, si č impegnato a porre la questione nelle sedi opportune coinvolgendo tutti i soggetti preposti affinché possa essere trovata una soluzione condivisa e rendere le suddette strade piů sicure.












































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Borgo San Michele - 17/03/2019

Trofeo Borgo San Michele .

Organizzazione impeccabile per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli oggi sbarcata nelle terre Pontine.

Due nuovi vincitori , due velocisti di spessore .

Borgo San Michele č una frazione del comune di Latina, nel Lazio. Cittŕ di fondazione, popolata da pionieri venetopontini negli anni trenta, conta circa 2 000 abitanti. Fino agli anni trenta il centro dell'attuale borgo era denominato localitŕ Capograssa. Borgo San Michele venne fondato quale "Villaggio Operaio a Capograssa" nel 1928 dal consorzio di bonifica di Piscinara nell'area degli Scopeti e delle paludi del Picarello. L'architettura degli edifici, pensati per gli operai della bonifica idraulica, presenta uno stile vagamente neo-settecentesco, insolito rispetto allo stile razionalista tipico degli insediamenti pontini nati durante l'epoca fascista La chiesa di San Michele Arcangelo, realizzata ad ispirazione di quella di Tor Tre Ponti, venne completata nell'ottobre 1932 e venne eletta a parrocchia dal 1ş gennaio 1937. A fianco della chiesa sorge la torre dell'acquedotto, realizzata in modo da sembrare un campanile, con l'orologio e una colombaia. L'insediamento conserva ancora intatta la tipica struttura urbanistica delle prime cittŕ di fondazione dell'agro pontino: la piazza centrale con la chiesa, la torre piezometrica, la casa polivalente, la scuola e la fontana

Il direttore di corsa Armando Santaroni da il via alla gara alle ore 09.10 sul classico circuito di Borgo San Michele , completamente piatto e molto veloce.
Le squadre dei velocisti vogliono tenere cucito il gruppo per portarlo in volata .
Il tentativo piu' importante parte al 40 km. un gruppetto ben assortito viaggia con circa un minuto di vantaggio ma all'ultimo giro vengono fagocitati dagli inseguitori e parte cosi' la volata gruppo compatto.
Sotto l'arco di Coppa Lazio passa per primo Alessandro Iori (asd Disoflex-Portalandia di Roma) poi nella categoria a6 Andrea Petricca , Cristiano Vicini , Fabrizio Mattacchioni , Pierluigi Mariani , Giuseppe Scarfone.
Primo della a3 Giorgio Maria Carbone (cicli Rossi) a seguire Alessandro Tovo , Alessandro Duca , Antonio Mastrogiacomo , Carlo Perrera , Renato Valerio.
Primo gradino della a5 per Giovanni Rinicella (Audax-Fiormonti ) segue Fabrizio Trovarelli , Simone Consoli , Marco Gabrieli , Iosif Laurentiu , Davide Ulisse , Misco Di Cori, Alessandro Fiore.

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/


























































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Borgo San Michele - 17/03/2019

Trofeo Borgo San Michele .

Organizzazione impeccabile per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli oggi sbarcata nelle terre Pontine.

Due nuovi vincitori , due velocisti di spessore .

Il direttore di corsa Armando Santaroni da il via alla seconda gara alle ore 09.13 , un tiepido sole ha accompagnato le fatiche dei corridori .
Il film della seconda partenza e' la fotocopia della prima gara .Anche qui lavorano i velocisti .
E solo un tentativo importante viene registrato al terzo giro , ma poi tutti compatti attendono una emozionante volata .
Un signor velocista si aggiudica la corsa, Alvaro Carloni (asd Santa Maria delle Mole) poi nella categoria a7 Daniele Paoli , Riccardo Mariani , Andrea Di Ferdinando , Danilo Finamore , Maurizio Carbone , Roberto Lombardi , Giorgio Moroni, Fabrzio Fattore.
Primo della a8 l'atleta caro al presidente Conti e' Natale Lauri da Anzio (asd Conti D'Angeli) poi Giuseppe Conte , Mariano Gargari , Paolo Casconi , Renzo Panzetta , Maurizio De Felice ( ottimo piazzamento per il presidente della Ciampino Bike) , Fabio Bertozzi , Pasquale Guastamacchia , Terenzio Carpentieri , Gianfranco Cannone.
Primo gradino della a9 per Marco Bondani (asd Conti D'Angeli) e poi Giacomo Fusco (asd Ciclotech-Blokko racing team).

Effettuate le ricche premiazioni presso il bar Ciro , dal presidente Armando Santaroni (premiati tutti gli atleti presenti).

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto ai giudici nazionali csain , alla Protezione Civile di Latina e alla scorta tecnica Team Vessella.

Appuntamento per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli a domenica 24 Marzo a Frascati per il memorial Renzo Floreani .

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/





































































Il Team Cicli Rossi parte alla grande

Nella prima gara della Stagione, disputatasi a Fregene domenica 10 marzo, gli atleti Rosa hanno subito piazzato il colpo.
Primi nella classifica generale a squadre, secondi e terzi assoluti nella prima gara e secondi assoluti nella seconda, questi i risultati che fanno ben sperare in una Stagione di successi.
Sul lungomare laziale giŕ al mattino si respirava un mix di competizione e agonismo. Tutti i migliori team della Regione si ritrovavano infatti per la prima volta con un numero sulla schiena: finito il periodo di allenamento invernale ognuno aveva il solo desiderio di dimostrare forza e spirito di squadra. Ecco il segreto della compagine rosa, un’unione che va aldilŕ delle individualitŕ.
Il Team e il suo Presidente Marco Rossi hanno festeggiato il risultato e son giŕ pronti a ripartire subito.
Roma 11/03/2019 Ufficio Stampa



















































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Fregene - 10/03/2019

I° Memorial Fabio Palermo-Trofeo bar BQQ.

Partenza col botto della Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli con gli oltre 150 iscritti.

Grazie al lavoro sul campo dei presidenti Massimo Caselli e Edoardo Di Panfilo torna finalmente , dopo molti anni di stop , la classica di Fregene.

Fregene č una frazione di 6 445 abitanti del comune di Fiumicino sul mar Tirreno; si tratta di uno dei centri balneari piů noti del litorale romano. Situata circa 25 chilometri a ovest di Roma, fino al 1992 era una zona della Capitale, ma ne č stata forzosamente separata quando il territorio dell'ex Circoscrizione XIV, di cui Fregene era parte, ha deciso la trasformazione nel comune autonomo di Fiumicino a seguito di un referendum che ha visto le frazioni circoscrizionali di Maccarese, Aranova, Palidoro e la stessa Fregene votare contro la scissione da Roma. Prima un porto e una famosa salina etrusca, raggiunse un importante posizione economica in Etruria, poi venne in seguito rasa al suolo e distrutta dall'impero romano e fatti schiavi i loro abitanti, Fregene venne scordata da tutti quando un popolo di pescatori venne ad abitare in quella zona, da quel momento risorse intorno al 1928, appena terminata la bonifica della zona paludosa detta del Maccarese (nell'immediato entroterra), come centro per residenze estive sul mare.

Il direttore di corsa Emanuele Chiominto da il via alla gara alle ore 09.15 su un circuito completamente piatto e molto veloce.
Le squadre dei velocisti cercano di tenere cucito il gruppo per portarlo in volata .
Nonostante i molti tentativi di evadere oggi tiene banco l'arrivo a gruppo compatto.
L'arco di Coppa Lazio vede la vittoria del giovane Giovanni Rinicella (Audax-Fiormonti di Aprilia) a seguire nella categoria a5 Fabiano Grande , Davide Ulisse , Manuel Sciaretta , Iosif Laurentiu.
Secondo assoluto e primo della a3 Giorgio Maria Carbone (cicli Rossi) a ruota Jonh Cabreros , Renato Valerio , Carlo Cabreros , Alessandro Tovo.
Primo gradino della a6 per Andrea Petricca ( cicli Rossi ) poi Piero Rosati , Stefano Boncoraglio , Lorenzo Averaimo , Cristiano Vicini, Malatesta , De Paulis, Mariani, Labbate, Scarfone.
Trofeo per societa' alla asd cicli Rossi
Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/




































































Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli - Fregene - 10/03/2019

I° Memorial Fabio Palermo-Trofeo bar BQQ.

Partenza col botto della Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli con gli oltre 150 iscritti.

Grazie al lavoro sul campo dei presidenti Massimo Caselli e Edoardo Di Panfilo torna finalmente , dopo molti anni di stop , la classica di Fregene.

Lo spettacolo continua con la gara riservata agli atleti piu' maturi , anche qui le aspettative sono molte , dopo lo stop del periodo invernale oggi tutti sono desiderosi di mettersi alla prova .
Anche il forte vento proveniente da mare da una mano agli amanti delle volate.

La vittoria va al portacolori dello squadrone di Santa Maria delle Mole , oggi accorso in forze , il noto sprinter Roberto Maggioli ( asd Santa Maria delle Mole ) nella a7 segue il secondo assoluto Andrea Di Ferdinando (cicli Rossi ) e anche il terzo assoluto Fabrizio Fattore (cicli Fatato) poi Carloni , Mariani , Paoli , Flumeri , Ansardi , Lombardi, Carbone M. , Dolciotti , Pezzola , Moroni.
Primo della a8 Fabio Bertozzi (Audax-Fiormonti) a ruota Casconi , Lauri , Conte , Cannone , Fogli , Quaglia , Bellini , Tantari , Guastamacchia.
Primo gradino dei super/g a Marco Bondani ( Conti D'Angeli) poi Mario Marsella , Benedetto Venditelli , Paolo Giuliani
Prima delle donne Adriana Ratini (asd Santa Maria delle Mole)

Un successo annunciato grazie all'organizzazione delle asd Procycling team Caselli e asd Fregene.
Effettuate le ricchissime premiazioni presso il bar BQQ di Fregene dal vice sindaco di Fiumicino dott. Ezio Di Genesio Pagliuca dal presidente Massimo Caselli e Edoardo Di Panfilo.

Un ringraziamento per l'ottimo lavoro svolto ai Carabinieri di Fregene , ai giudici nazionali csain , al Comando Polizia Locale Fregene, alla Protezione Civile di Fregene e alla scorta tecnica Team Vessella.
In particolare agli sponsor : BIO Lavanderia , bar BQQ Fregene , cicli Fatato .

Appuntamento per la Coppa Lazio 2019-Memorial Dimitri Buttarelli a domenica 17 Marzo a Borgo San Michele (LT) .

Tutte le classifiche su :
http://www.sportvari.com/prossassociclo.htm
https://www.speedpassitalia.it/category/campionati/campionati-lazio/














































































Premiazioni corsa Miguel

1 posto Podistica solidarieta 350 euro
Associazione Sportiva Dilettantistica Podistica Solidarietŕ - Podismo e Ciclismo
La Corsa di Miguel č la 10km piů partecipata di sempre in Italia: vittorie per El Otmani e Soufy
Si č svolta oggi a Roma la 20^ edizione de La Corsa di Miguel, la corsa podistica organizzata dal Club Atletico Centrale per ricordare il poeta-maratoneta argentino Miguel Benancio Sanchez, uno degli oltre 30.000 desaparecidos scomparso nel 1978. All'interno dello Stadio Olimpico sono arrivati migliaia di runner che hanno preso parte alle tre prove in programma (10 chilometri competitiva e non, e la Strantirazzismo di 3 chilometri aperta a tutti). La prova competitiva ha visto al traguardo 5451 runner (4155 uomini e 1296 donne), nuovo record di arrivati della gara (4830 era il precedente del 2018) e in assoluto sulla distanza in Italia. Al traguardo sono arrivati altri 4.000 runner, i circa 2.000 della 10 chilometri non competitiva e gli oltre 2000 della Strantirazzismo, partita dal Ponte della Musica. LA CRONACA DELLA GARA
Dopo due anni di dominio assoluto dgli atleti delle Fiamme Gialle, la ventesima edizione č stata monopolizzata dal CS Esercito.
In campo maschile, ha vinto Said El Otmani in 30:11, precedendo sul rettilineo dello Stadio Olimpico Michele Fontana del CS Aeronautica (30:17) e Luca Parisi dell'Acsi Campidoglio Palatino (30:20) che, dopo il quarto posto del 2018 č riuscito a salire sul podio. “E' stata una bella gara combattuta - ha detto El Otmani all'arrivo – e giŕ al sesto chilometro, quando ho iniziato a imporre il mio ritmo, ho capito che poteva farcela a vincere. Certo me la sono sudata fino in fondo e sono molto felice di aver vinto questa gara cosě importante”.
In campo femminile, invece, la vittoria č andata a Laila Soufyane, tornata alla Corsa di Miguel dopo l'ultima partecipazione di due anni fa. L'atleta dell'Esercito ha vinto in 33:44, staccando di oltre un minuto Costanza Arpinelli della Lbm (34:47), mentre al terzo posto si č piazzata l'altra atleta della Lbm Beatrice Mallozzi (35:11).
“Sono davvero felice di aver vinto la Corsa di Miguel – ha detto Soufyane all'arrivo -, che ho corso diverse volte. E' stato un ottimo test per me e ringrazio mio marito e i miei accompagnatori in gara che mi hanno fatto correre sul ritmo che avevo impostato”:


















































3° edizione "Cicloturistica MTB Terre di Veio"

2° tappa del circuito “Cicloturismo MTB Tour 2018 – I sentieri piů belli del Centro Italia”

Si č svolta presso il centro sportivo comunale P.M. Garofoli di Formello la terza edizione della "Cicloturistica MTB Terre di Veio" organizzata dall’A.S.D. MTB Formello sotto l’egida C.S.A.In. quale seconda tappa del circuito “Cicloturismo MTB Tour 2018 – I sentieri piů belli del Centro Italia”.
A dare il via alla partenza l’Assessore allo Sport del Comune di Formello Roberta Bellotti accompagnata dal Sindaco Gian Filippo Santi . dal Vicesindaco Cristiano Lancianese , il presidente Dino Gizzi e dal suo braccio destro Luca Pasqualini.
All’evento hanno partecipato 490 ciclisti pedalando su due percorsi da 20 Km e 40 Km su strade, sentieri e Via Francigena attraverso le meraviglie storico naturali del Parco di Veio presenti nel territorio dei Comuni di Formello, Sacrofano e Campagnano di Roma che insieme all’Ente Regionale di Veio e l’associazione Europea delle Vie Francigene hanno patrocinato l’evento.
All’arrivo sono stati premiati i cinque gruppi piů numerosi e con l’occasione il responsabile del Comitato Provinciale C.S.A.In. di Roma Claudio Trovarelli ha voluto premiare il Presidente dell’A.S.D. MTB Formello Dino Gizzi con una targa di ringraziamento, per poi consegnare il diploma di Istruttore tecnico MTB di 2° livello conseguito da Fabrizio Bacchiocchi quale responsabile della futura scuola di ciclismo locale.

Un successo maturato grazie all'impegno di tutto il team asd mtb Formello.

































>



































Questo sito non e' una testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente, pertanto non e' soggetto alle norme della legge 47/78 richiamata dalla legge 62/2001.
Nel caso riscontriate imprecisioni o manchevolezze segnalatecelo immediatamente !

ciclismo_spv@hotmail.com



This page hosted by GeoCities Get your own Free Home Page


1
1